Annuncio del gruppo di lavoro in risposta al Covid-19

DocumentAnnouncements

L’Internazionale Progressista (IP) ha criticato l'incapacità di governi e imprese di tutto il mondo di mettere le persone al primo posto nella risposta alla pandemia di Coronavirus, istituendo un nuovo gruppo di lavoro per sviluppare un'alternativa che metta “le persone al primo posto”.

Il gruppo di lavoro di risposta al Covid-19 è composto da accademici, attivisti e organizzatori di tutto il mondo. La loro missione è quella di sviluppare politiche giuste ed eque che mettano "le persone al primo posto". Il gruppo svilupperà un piano per movimenti, partiti e popoli per rispondere alla pandemia e alle crisi da essa generate che si sovrappongono.

Il gruppo di lavoro prenderà in considerazione tre grandi aree: salute e sicurezza; commercio e finanza; diritti del lavoro e politica sociale. In tutte le aree, svilupperà politiche che mettano "le persone al primo posto".

“Quasi un anno dopo i primi casi di Covid-19, la risposta globale non riesce a mettere le persone al primo posto e a concentrarsi sul benessere collettivo. Invece, i ricchi e potenti propongono di accaparrarsi di qualsiasi vaccino, alimentare le divisioni, non riescono a sostenere i mezzi di sussistenza e prendono più potere ritirando tutele democratiche. Invece di una nuova dottrina dello shock, abbiamo bisogno di un piano progressista che metta in primo piano le persone perché i popoli, i partiti e i movimenti in tutto il mondo si uniscano, si mobilitino e si organizzino per vincere ", dice Varsha Gandikota-Nellutla, Blueprint Coordinator dell’IP.

"Nessun paese può porre fine alla pandemia da solo"

Il coronavirus ha rivelato l'urgente e duraturo bisogno di coordinamento, cooperazione e solidarietà internazionale: nessun paese può porre fine alla pandemia da solo.

Eppure la risposta dominante da parte dei governi di tutto il mondo è stata quella di introdurre politiche "infetta il prossimo)", accaparrandosi forniture, bloccando gli aiuti, promuovendo accordi con le aziende farmaceutiche per l'acquisto di eventuali vaccini e incolpando gli stati stranieri per i loro fallimenti nel proteggere e provvedere per i propri residenti.

Le istituzioni internazionali, nel frattempo, non sono state solo incapaci di coordinare una risposta efficace alle emergenze sanitarie ed economiche derivanti dall'epidemia di Covid-19. L'intera architettura del sistema internazionale - dagli accordi commerciali e monopoli di proprietà intellettuale ai pagamenti del debito e al sistema del dollaro - è progettata per disabilitare le ambizioni internazionaliste ovunque esse emergano.

Per garantire una risposta equa alla pandemia di Covid-19, dobbiamo progettare e portare avanti una trasformazione radicale del sistema internazionale in modo da essere pronti a combattere la prossima.

Reinventare la salute pubblica globale

Il gruppo di lavoro di risposta al Covid-19 mira a sviluppare un tale progetto.

Il gruppo di lavoro prenderà in considerazione tre vaste aree che necessitano di una reinvenzione radicale al di là di una mera considerazione delle implicazioni mediche del coronavirus: salute e sicurezza; commercio e finanza; diritti del lavoro e politica sociale. In tutte le aree, svilupperemo politiche che affronteranno i modi precisi in cui la pandemia ha danneggiato persone già escluse dai guadagni del nostro sistema capitalista e avanzeremo un quadro completo delle soluzioni necessarie.

La missione del gruppo di lavoro è quella di costruire una comunità internazionale collaborativa che porta tipi molto diversi di conoscenza ed esperienza per sostenere le questioni scottanti sollevate dalla pandemia; costruire da questa conoscenza ed esperienza per sviluppare una serie concreta di soluzioni alle crisi sovrapposte innescate dalla pandemia; mobilitare queste soluzioni collaborando con i movimenti sociali e pianificando azioni concrete che possano cambiare la politica e le politiche della pandemia in tempo reale.

Ambito e appartenenza

Il gruppo di lavoro in risposta al Covid-19 collega attivisti e pensatori attraverso aree geografiche e di competenza, da organizzazioni come il People's Health Movement (Movimento per la salute delle persone) e Focus on the Global South (Focus sul sud del mondo) ad attivisti come Burcu Kilic (Public Citizen's Access to Medicines Programme (Programma per l’accesso dei pubblici cittadini ai farmaci) e Ranja Sengupta (Third World Network - Rete del terzo mondo) e studiosi di spicco come Nancy Krieger (Università di Harvard) e Tithi Bhattacharya (Università Purdue).

In materia di salute e sicurezza, il gruppo di lavoro traccerà un piano per la decolonizzazione della salute globale come disciplina, comprese le considerazioni sull'accesso all'assistenza sanitaria per tutti, comprese le popolazioni rurali, tribali e altre popolazioni e la distribuzione di un vaccino per il popolo libero da motivazioni di profitto. Le istituzioni a tutti i livelli erano tragicamente impreparate a provvedere alla salute e alla sicurezza delle loro popolazioni - e hanno compiuto solo progressi limitati dall'arrivo della pandemia verso la fine del 2019.

In materia di commercio e finanza, il gruppo di lavoro proporrà un cambiamento radicale ai regimi di commercio, di proprietà intellettuale e di finanza per consentire una transizione veramente giusta per uscire dalla pandemia. Lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino per il virus dipende interamente dal modo in cui questo regime assegna denaro e concede o nega l'accesso ai frutti del suo investimento. Anche la prosperità o la bancarotta dei paesi di tutto il mondo dipende attualmente dal loro accesso ai finanziamenti di emergenza. Questo gruppo di lavoro coinvolgerà le istituzioni internazionali - dall'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e il Fondo monetario internazionale (FMI) all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) - che devono essere bonificate, trasformate o smantellate per garantire una giusta transizione fuori dalla crisi del Covid-19.

Sui diritti del lavoro e le politiche sociali, il gruppo di lavoro si concentrerà su come porre fine a questa crisi di precarietà, costruire il potere dei lavoratori e condividere gli insegnamenti di protezioni sociali emersi dall'esperienza della pandemia Covid-19. Molti mesi dopo la pandemia, la crisi della precarietà si è solo intensificata e milioni di persone continuano a essere costrette in condizioni lavorative pericolose solo per mantenere il proprio lavoro, mentre i loro amministratori delegati sono rimasti a casa ad accumulare ricchezza dallo sfruttamento.

"Solo attraverso una pandemia di coronavirus abbiamo appreso questo: una pandemia vasta e punitiva richiede una risposta vasta e globale. Purtroppo, nonostante la pandemia risuoni nelle cronache degli ultimi mesi, questo è esattamente ciò che non sta accadendo". I paesi non stanno lavorando insieme; i problemi dell'immediato presente, come l'accesso ai kit di test, ai dispositivi di protezione individuale e ai farmaci vengono prolungati anche se esistono soluzioni immediate; i vaccini per il coronavirus vengono lasciati nelle mani di multinazionali e istituzioni che non hanno a cuore i nostri interessi; e il sistema che ha prodotto la colossale catastrofe che è stata la risposta globale alla pandemia viene lasciato intatto, come se fosse in qualche modo la soluzione, piuttosto che il problema. È tempo di portare la lotta dalle aule dai seminari e dalle aule di tribunale nelle strade, per piegare la volontà del mondo a darci quello che ci meritiamo: i farmaci e i vaccini di cui abbiamo bisogno per vivere", dichiara Achal Prabhala, membro del gruppo di lavoro e coordinatore del progetto AccessIBSA, promotore di campagne per l'accesso a farmaci in India, Brasile e Sud Africa.

“Le pandemie sono per definizione internazionali, e così deve essere anche la nostra risposta a esse". Inoltre, questa pandemia si è sovrapposta a un ordine economico internazionale che ha favorito molteplici crisi di disuguaglianza di lunga data, distruzione ecologica, razzismo e una politica antidemocratica. Mentre pianifichiamo un processo di ricostruzione della nostra società e di riavvio delle nostre economie a seguito del Covid-19, dobbiamo cercare di fare in modo che questo sia il punto di partenza per una profonda trasformazione del nostro sistema economico in uno diverso che - per come è concepito - favorisca la comunità, la democrazia, la sostenibilità, la salute e il benessere. Le azioni che intraprendiamo ora (o non intraprendiamo) potrebbero avere profonde conseguenze a lungo termine. Non dobbiamo permettere che questa crisi rafforzi ulteriormente un ordine politico-economico mondiale alimentato dalla distruzione delle persone e del pianeta" ha affermato Dana Brown, membro del gruppo di lavoro e direttrice del progetto Next System presso The Democracy Collaborative.

“Sia nel ‘nord’ che nel ‘sud’ del mondo sono le comunità più povere che stanno perdendo nella svolta a favore del settore privato, una svolta sostenuta e lubrificata da esborsi filantropici. Come conseguenza, le persone in tutto il mondo stanno assistendo a come il declino della qualità nella fornitura di beni pubblici a sua volta possa portare a radicare atteggiamenti di stigmatizzazione e creazione di un capro espiatorio a sfondo razziale, un modello di divisione sfruttato dai gruppi ricchi. Sottolineare come questo modello stia consumando salute e ricchezza pubbliche è l'opposto di un pensiero "estremista"; piuttosto, mira ad allargare la ‘finestra di Overton’ di possibili alternative sottolineando che la logica filantrocapitalista per un aumento di collaborazioni tra pubblico e privato nel settore sanitario si basa su un insieme di prove molto fragile. Ciò che funziona per la salute pubblica è il rafforzamento dell'assistenza sanitaria primaria; regimi brevettuali con corsie preferenziali per il settorepubblico e un accesso a prezzi abbordabili ai medicinali. Questi obiettivi sono ciò per cui spero di lavorare come parte di questo importante gruppo di lavoro", commenta Linsey McGoey, membro del gruppo di lavoro e professore di sociologia presso l'Università dell'Essex.

“Il COVID-19 ha amplificato le fratture sociali ed economiche della società come mai prima. Una disoccupazione senza precedenti incontra profitti senza precedenti di società come Amazon: nel nostro momento attuale, miseria e benessere sono intimamente legati. Uno dei maggiori ostacoli a qualsiasi trasformazione è l'ambiente ideologico in cui parole come "pianificazione" e "socialismo" sono state associate al totalitarismo. Tuttavia, ciò che gli esperti non riescono a dirci è che il "mercato libero" sta già lavorando attraverso uno stretto nesso tra le corporazioni, le istituzioni finanziarie e le burocrazie statali. Abbiamo urgentemente bisogno di smantellare questo stratagemma ideologico e mostrare perché abbiamo bisogno di maggiori investimenti e spese da parte del governo se vogliamo intraprendere la transizione necessaria per salvare l'umanità da una catastrofe planetaria. In altre parole, dobbiamo iniziare immediatamente a costruire un progetto controegemonico che sfidi l'egemonia intellettuale del neoliberismo e proporre alternative per un modello di sviluppo sostenibile e centrato sulle persone", è la visione di Ammar Ali Jan, membro del gruppo di lavoro e organizzatore politico del movimento Haqooq-e-Khalq in Pakistan.

"Le attuali crisi sanitarie, economiche e multilaterali non dovrebbero essere affrontate con la reiterazione dell'attuale multilateralismo con tutti i suoi difetti e fallimenti, gli stessi accordi di libero scambio e investimento con la loro concessione di maggiore egemonia alle corporazioni e lo stesso ordine economico neoliberista con tutte le sue crisi di disuguaglianza e climatiche. I movimenti in tutto il mondo, dal movimento femminista e femminile ai movimenti sindacali, hanno dimostrato da tempo come i movimenti progressisti e autonomi possano portare cambiamenti strutturali e sistemici. Questo è un momento per ricordare quel potere, reimmaginare e rivedere uno spazio per la solidarietà e la cooperazione, tra gli stati e tra i movimenti dei popoli per promuovere i diritti umani, la giustizia e l'uguaglianza e affrontare questioni strutturali globali e sistemiche", dice Diyana Yahaya, membro del gruppo di lavoro ed ex coordinatrice programmatrice presso l'Asia Pacific Forum on Women, Law & Development (Forum dell’area Asia-Oceano Pacifico per le donne, la legge e lo sviluppo).

Help us build the Blueprint

The Blueprint is the think tank for the planet's progressive forces.

Since our launch in May 2020, we brought you over 40 essays from activists, practitioners, thinkers, community leaders, and heads of state — imagining how we might rebuild the world after Covid-19, and charting a path towards international debt justice.

Progressive forces are rising up. But in order to succeed, we must take seriously the task of generating the ideas, policies, and paradigm that will define our future.

Help us build this paradigm. Donate to the Blueprint.

Support
Available in
EnglishGermanFrenchPortuguese (Brazil)Italian (Standard)Portuguese (Portugal)SpanishHindi
Translator
Diego Orlandi
Published
07.10.2020

More in Announcements

Announcements

Progressive International election observer mission lands in Bolivia

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell