Futuri di libertà

DocumentBlueprint

La libertà è sfuggente. In un mondo in cui siamo sorvegliati dalla tecnologia, gestiti da tecnocrati, nutriti con prodotti infiniti e trasformati in docili lavoratori, l'idea di libertà — anzi, di una moltitudine di libertà — è seducente. Chi può opporsi ad essa?

banner

Per secoli l'appello alla libertà è stato usato dalla destra per difendere gli interessi delle élite. Riducendo il potere del governo popolare, la destra brandisce quest'idea per depredare la terra e saccheggiare la gente che ci vive. Ogni notte, 811 milioni di persone in tutto il mondo vanno a letto affamate. Meno del 15% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto anche solo una dose di un vaccino per il Covid-19. I film apocalittici di ieri sono i notiziari di oggi: i coralli sbiancati per il riscaldamento degli oceani e i pesci bruciati per l'acidificazione sono dei segni premonitori per la nostra stessa razza. Siamo liberi di morire di fame, liberi di bruciare, liberi di morire. 

Questo è il mondo in cui è arrivata la pandemia di Covid-19. Un mondo già in crisi — che punisce con il debito, soffoca con il fumo e uccide per negligenza — ma che si trova incapace di immaginare qualcosa di diverso. Nel corso dei decenni, mentre la sinistra abbandonava l'utopismo attraverso piccoli ritocchi e riforme politiche, la destra ha preso il suo mantello occupando il terreno delle "grandi idee". 

Eppure non è detto che debba essere così. Le idee di libertà e di futuro hanno camminato insieme nel corso della storia: dalla rottura delle catene della schiavitù e i movimenti di liberazione nazionale, alla lotta contro l'alienazione nel lavoro salariato. Se in questo momento ci sentiamo in una situazione di impasse, è perché apparteniamo a generazioni che si trovano schiacciate tra i ricordi del passato e i sogni che avevamo per il futuro — entrambi, ormai, apparentemente fuori portata.

Il nostro compito è di tirare i fili del mantello che ci avvolge, fino a quando il tutto si sarà disfatto e potremo cominciare a vedere, a vedere chiaramente, tremolanti e luccicanti, le possibilità di emancipazione. Questa raccolta è un primo passo. 

Clicca qui per leggere il saggio di apertura di Terry Eagleton "Sogni: Su ciò di cui non si può parlare."

Clicca qui per leggere il saggio di Slavoj Žižek "Dislocazioni: Cosa abbiamo ereditato dall'Occidente?"

Clicca qui per leggere il saggio di Ammar Ali Jan "La memoria: Siamo prigionieri di un passato immaginario?"

Clicca qui per leggere il saggio di Nanjala Nyabola "Desiderio: Una persona diventa una persona attraverso gli altri."

Clicca qui per leggere il saggio di Veronica Gago e Luci Cavallero: "La Casa: Un laboratorio per il capitale?"

Unisciti alla conversazione

Se sei interessato a scrivere per Progressive International, puoi contattare Varsha Gandikota-Nellutla a [email protected]

Design: Gabriel Silveira

Help us build the Blueprint

The Blueprint is the think tank for the planet's progressive forces.

Since our launch in May 2020, we brought you over 40 essays from activists, practitioners, thinkers, community leaders, and heads of state — imagining how we might rebuild the world after Covid-19, and charting a path towards international debt justice.

Progressive forces are rising up. But in order to succeed, we must take seriously the task of generating the ideas, policies, and paradigm that will define our future.

Help us build this paradigm. Donate to the Blueprint.

Support
Available in
EnglishSpanishArabicPortuguese (Brazil)GermanFrenchTurkishItalian (Standard)
Authors
Varsha Gandikota-Nellutla
Translator
Diego Malquori
Published
11.04.2022

More in Blueprint

Blueprint
2021-04-22

No Illegitimate Debt

Receive the Progressive International briefing
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell