War & Peace

L'isteria anti-cinese guida la spesa per gli armamenti negli Stati Uniti

Resistere alla narrativa della “minaccia cinese” è fondamentale per tutte le lotte per la pace e per porre fine all'imperialismo statunitense.
Dall'Unione Sovietica ai vietcong, dalla Corea del Nord ai talebani, vari sventoli geopolitici si sono dimostrati inestimabili come spauracchi per giustificare diversi decenni di guerre per procura, invasioni e occupazioni in tutto il mondo.
Dall'Unione Sovietica ai vietcong, dalla Corea del Nord ai talebani, vari sventoli geopolitici si sono dimostrati inestimabili come spauracchi per giustificare diversi decenni di guerre per procura, invasioni e occupazioni in tutto il mondo.

Il disegno di legge di spesa del Dipartimento della Difesa del 2021 è diventato terreno di scontri tra un'ala progressista Democratica che cerca di ridurre le spese militari e una coalizione bipartisan a guida repubblicana concentrata sull'aumento della spesa per "rimanere competitivi" con apparenti minacce da Russia e Cina.

Il 21 luglio, la Camera ha approvato la sua versione del Fiscal Year 2021 National Defense Authorization Act (NDAA), con un aumento della spesa per la difesa prevista dai $ 738 miliardi del 2020 a un pacchetto di $ 740 miliardi per il 2021. Il Senato ha di seguito confermato lo stanziamento il 23 luglio.

Una proposta di emendamento, presentata dai deputati Mark Pocan (D-WI) e Pramila Jayapal (D-WA) alla Camera e dal senatore Bernie Sanders (I-VT) al Senato, chiedeva una modesta diminuzione del dieci per cento delle spese militari per finanziare programmi sociali. Pocan e Jayapal hanno chiesto al Congresso di rompere con la sua ortodossia da falco di alzare alle stelle il budget del Pentagono mentre si tagliano le spese sociali. Per riferimento: nel 2019, gli Stati Uniti hanno speso più soldi per le loro forze armate rispetto ai seguenti nove paesi messi insieme.

Il modesto emendamento progressista è stato sopraffatto in entrambe le camere dalla forza della sinofobia, dal carattere aggressivo anti-cinese e dalla mentalità della Nuova Guerra Fredda del potere bipartisan di Washington.

Il rappresentante Don Bacon (R-NE) ha criticato l'emendamento, twittando : "Russia, Cina e Iran sarebbero entusiasti!" Allo stesso modo, il rappresentante Steve Womack ha annunciato con orgoglio il suo voto per autorizzare il bilancio record della difesa, definendolo un "investimento per contrastare avversari come la Cina".

Per altri, il semplice appellarsi a un enorme budget militare non era sufficiente per dimostrare le loro credenziali anti-Cina. Il rappresentante Michael Waltz (R-FL) ha inserito nel disegno di legge un emendamento che taglierebbe i finanziamenti del Dipartimento della Difesa alle università che ospitano gli Istituti Confucio o il Chinese Thousand Talent Program - iniziative che Waltz sostiene "hanno dato al regime comunista della Cina continentale la libertà di trarre pieno vantaggio della nostra apertura accademica e rubarla." Per non essere da meno, il rappresentante Ken Buck (R-CO.) Ha chiesto che l'app di social media di proprietà cinese TikTok venga bandita dai dispositivi dal governo.

Il senatore Mitt Romney ha lanciato simili attacchi anti-Cina contro l'emendamento Sanders al Senato. Mentre Sanders ha implorato i colleghi di "investire nella nostra gente qui a casa" mentre lotta contro sfratti e disoccupazione esacerbati dalla risposta pandemica COVID-19 del governo degli Stati Uniti, Romney ha erroneamente avvertito che la spesa della Cina corrisponderebbe a quella degli Stati Uniti per gli appalti militari (al 2019, le spese militari annuali della Cina sono ammontate a $ 178 miliardi contro $ 658 miliardi degli Stati Uniti). Ha dipinto un quadro cupo del futuro sotto il presunto piano del Partito Comunista Cinese per il dominio del mondo:

“Hanno intenzione di metterci in catene. Riuscite a immaginare le conseguenze, quando una nazione che non crede nei diritti umani, con un solo partito ... avrà la forza militare più travolgente nel mondo. Ecco dove siamo diretti. "

—Senatore Mitt Romney

È difficile ignorare l'ipocrisia di massicce spese militari contro una immaginaria minaccia cinese mentre gli Stati Uniti si muovono attraverso la loro irrisolta crisi COVID-19, rifiutando opportunità di spesa per sostenere test o salari di emergenza. Una coalizione progressista a sostegno dell'emendamento ha notato che nel 2019, il budget del Center for Disease control di $ 7 miliardi era inferiore all'1% del budget del Pentagono. Sotto la copertura della "minaccia cinese", il Congresso continua a dedicare finanziamenti senza fondo alla guerra e alla militarizzazione senza fine, trascurando il proprio popolo.

Il programma di “contenimento” della Cina, archetipo ricorrente nella strategia militare statunitense in Asia da almeno mezzo secolo, gioca ancora una volta un ruolo centrale nella lotta per le spese militari del 2021. Una lista dei desideri di bilancio rilasciata di recente dal Comando indo-pacifico intitolata "RIAVVIARE IL VANTAGGIO" cerca di consolidare l'egemonia militare statunitense in Asia e nel Pacifico con il pretesto di una Cina "aggressiva". La richiesta imperialista di mantenere un "vantaggio asimmetrico" contro la Cina è in diretta opposizione alle lotte contro il militarismo statunitense guidate dal popolo di Ryukyu (Okinawa), Guam, Hawai'i (dove gli Stati Uniti prevedono di ospitare un "gioco di guerra" internazionale convocato in agosto): tutti paesi in cui il piano prevedeva un'espansione delle reti missilistiche, radar e di attacco di precisione.

Il Senatore Jim Inhofe (R - OK) ha citato la strategia indo-pacifica nella sua giustificazione per l'enorme budget militare, definendo la regione "la nostra priorità, soprattutto perché la Cina espande la sua portata e influenza".

La narrativa inventata dell'aggressione e dell'espansionismo cinese - in diretta contraddizione con la dottrina della politica estera cinese sulla cooperazione multilaterale verso un "futuro condiviso per l'umanità" - ha giustificato il riorientamento degli Stati Uniti della strategia militare statunitense negli ultimi dieci anni. Nel 2019, il Dipartimento della Difesa ha designato il Pacifico come "teatro prioritario". Tuttavia, già nel 2012, il presidente Barack Obama e il segretario di Stato Hillary Clinton avevano mostrato le carte, spostando la maggior parte della potenza di fuoco militare degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico e cercando di ridurre il ruolo della Cina nelle organizzazioni regionali per il commercio e la sicurezza attraverso il cosiddetto " pivot to Asia. " Questa lunga storia di rafforzamento militare nei confronti della Cina testimonia il fatto che la strategia della Nuova Guerra Fredda è stata a lungo uno sforzo bipartisan. Infatti, mentre i repubblicani hanno accusato i Democratici di distruggere lo sforzo della Camera, il voto è fallito con un clamoroso 93-324 voti, con 139 democratici che si sono uniti a 185 repubblicani nel voto per il no al taglio di bilancio del dieci per cento.

La crisi del COVID-19 ha dimostrato ancora una volta le violente contraddizioni del neoliberismo: la fragilità dell'assistenza sociale statale è pari solo alla forza ostentata degli apparati repressivi dello stato: militari, polizia e prigioni. Staccare un assegno da 740 miliardi di dollari all'esercito mentre le persone negli Stati Uniti - in particolare le comunità nere, indigene e immigrate - sono devastate dal COVID-19 rivela l'impossibilità di giustizia ed equità in patria fintanto che la priorità della classe dominante risiede in una guerra infinita all'estero.

La dottrina anti-cinese è diventata la pietra angolare dell'agenda militare statunitense ed è probabile che definirà la sua strategia geopolitica nel prossimo decennio. Laddove la Cina si è impegnata in una "ascesa pacifica" forgiata negli impegni del Terzo Mondo al non intervento, all'autodeterminazione e alla cooperazione vantaggiosa per tutti, articolati per la prima volta a Bandung nel 1955, gli Stati Uniti si aggrappano a una visione a somma zero di inevitabili 'poteri forti' in concorrenza.

Il movimento contro la guerra e tutti i cosiddetti movimenti progressisti devono capire che resistere all'escalation unilaterale verso il conflitto con la Cina è nell'interesse delle lotte interne per un salario equo, alloggi a prezzi accessibili, assistenza sanitaria e altri sforzi progressisti che potrebbero essere sponsorizzati attraverso un budget del Pentagono ridotto. Sfortunatamente, troppi a sinistra hanno iniziato a ripetere le argomentazioni del Dipartimento di Stato riguardo alla "minaccia" della Cina, scegliendo di " denunciare entrambe le parti " e ripetere acriticamente narrazioni da falco di presunte aspirazioni cinesi per l'egemonia. Coloro che lo fanno aggiungono solo benzina al fuoco della sinofobia e della guerra perpetua, e il loro sciovinismo e opportunismo alla fine mina i loro presunti impegni progressisti.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno giustificato la loro occupazione militare de facto del mondo invocando vari nemici. Dall'Unione Sovietica ai vietcong, dalla Corea del Nord ai talebani, vari sventoli geopolitici si sono dimostrati inestimabili come spauracchi per giustificare diversi decenni di guerre per procura, invasioni e occupazioni in tutto il mondo. Ora, la macchina da guerra si è orientata verso la Cina come pietra angolare della sua strategia narrativa militare.

In quanto nodo narrativo dell' occupazione militare globale, resistere alla narrativa della “minaccia cinese” è fondamentale per tutte le lotte per la pace e per porre fine all'imperialismo statunitense.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

In just four months, the Wire has amplified over 40 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishFrenchSpanishPortuguese (Portugal)Portuguese (Brazil)Italian (Standard)German
Date
20.08.2020

More in War & Peace

War & Peace

CODEPINK

War & Peace

Anti-China Hysteria Drives Record 2021 U.S. Defense Spending

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell