Social Justice

Gli “uomini in nero” di Amazon

Poco tempo fa, erano alla ricerca di nuove reclute con esperienza nel lavoro di intelligence la cui mansione, tra le altre cose, includeva "tracciare i rischi derivanti dai sindacati".
Sembrerebbe logico supporre che esista una soluzione semplice che non richieda l'assunzione di "uomini in nero". La chiave per migliorare l'immagine dell'azienda sta nel miglioramento delle condizioni di lavoro. Tuttavia, il management di Amazon applica una logica diversa che, come dimostrano i dati finanziari dell'azienda, è effettivamente redditizia.
Sembrerebbe logico supporre che esista una soluzione semplice che non richieda l'assunzione di "uomini in nero". La chiave per migliorare l'immagine dell'azienda sta nel miglioramento delle condizioni di lavoro. Tuttavia, il management di Amazon applica una logica diversa che, come dimostrano i dati finanziari dell'azienda, è effettivamente redditizia.

Il più grande negozio online del mondo sta rafforzando costantemente la sua immagine di peggior datore di lavoro di sempre. Recentemente, un giornalista di Vice ha rivelato due annunci di lavoro pubblicati dall'azienda. Amazon era alla ricerca di persone con esperienza nel lavoro di intelligence, per identificare i rischi derivanti dalle iniziative di sindacalizzazione tra i dipendenti e per controllare le azioni di finanziamento contro l'azienda, sia all'interno che all'esterno.

Dopo che Vice ha pubblicato il pezzo su questo argomento, Amazon ha rimosso gli annunci, che possono tuttavia ancora essere letti in un archivio online. L'azienda cercava un "Analista di Intelligence" e un "Analista Senior di Intelligence", che si sarebbero uniti al reparto Sicurezza e Intelligence. Le grandi aziende tendono ad avere tali unità, responsabili di garantire la sicurezza della produzione e della logistica, di condurre lo spionaggio economico e le relative contromisure contro i reparti di intelligence esterni. Gli annunci di lavoro di Amazon non sarebbero stati in alcun modo particolari, se non fosse stato per la loro enfasi sul "tracciamento dei rischi derivanti dai sindacati". Lasciando da parte l'illegittimità di rintracciare e neutralizzare le attività delle organizzazioni dei lavoratori, gli annunci dimostrano - ancora una volta - il tipo di filosofia adottata dall'azienda nei confronti dei suoi dipendenti.

Le condizioni di lavoro nei centri di distribuzione di Amazon sono state descritte in molte occasioni sia dalla stampa internazionale che da quella polacca. Testimonianze oculari dei dipendenti e il rapporto dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro polacco indicano che gli operai di Amazon sono costretti a svolgere lavori estremamente duri, mentre la loro efficienza viene meticolosamente misurata. In Polonia, l'azienda esternalizza i lavoratori attraverso agenzie di collocamento, il che significa che le persone che vi lavorano lo fanno con contratti a breve termine, di solito rinnovabili su base mensile, soffrendo quindi continuamente la precarietà del lavoro.

I lavoratori di Amazon di tutto il mondo si lamentano dello stesso trattamento. La loro situazione si è acuita con la pandemia di coronavirus, che ha portato a un forte aumento di ordini online, mentre allo stesso tempo le infrastrutture dell'azienda si sono rivelate inadeguate a far fronte a questo picco improvviso. Focolai del virus sono stati rilevati nei centri di distribuzione in Amazon perché - secondo gli stessi lavoratori - l'azienda ha utilizzato precauzioni sanitarie inadeguate. A New York, Chris Smalls ha iniziato una protesta, chiedendo l'introduzione di misure di sicurezza adeguate nei centri di distribuzione. Come risposta, Amazon ha licenziato Smalls e ha orchestrato una campagna di odio online contro di lui. Il gigante del mercato dell'e-commerce è stato anche noto per aver bloccato iniziative sindacali dei suoi lavoratori.

Amazon ha anche reagito rapidamente al coinvolgimento dei media e degli attivisti nella protezione dei diritti dei lavoratori dell'azienda. Anna Rozwadowska, una giornalista che lavora per l’importante quotidiano polacco "Gazeta Wyborcza", che ha pubblicato una serie di articoli sulle attività di Amazon in Polonia, ha ricevuto una lettera dall'azienda che la accusa di aver scritto testi "di parte" e di "mancanza di integrità". La rappresentante di Amazon in Polonia l'ha minacciata di procedere per vie legali se non li avesse corretti. La Fondazione per i diritti umani di Helsinki ha descritto la lettera come un tentativo di intimidire la giornalista.

Gli annunci per le due posizioni nel dipartimento di intelligence di Amazon includevano anche tra le competenze il monitoraggio di giornalisti, attivisti e attività esterne che cercano di offuscare l'immagine dell'azienda. Un'immagine, si dovrebbe aggiungere, costantemente negativa. Sembrerebbe logico supporre che esista una soluzione semplice che non richiede l'assunzione di "uomini in nero": la chiave per migliorare l'immagine dell'azienda sta nel miglioramento delle condizioni di lavoro. Tuttavia, il management di Amazon applica una logica diversa che, come dimostrano i dati finanziari dell'azienda, è effettivamente redditizia.

Questo perché Amazon è il più grande negozio online del mondo. Nel 2019, l'azienda è stata considerata il marchio più prezioso a livello globale, detronizzando Google. Jeff Bezos, fondatore e proprietario della quota di maggioranza dell'azienda, è stato insignito del titolo di uomo più ricco del mondo (secondo la classifica di Bloomberg).

Così infatti ha superato Bill Gates ed è diventato la prima persona ad aver accumulato una ricchezza del valore di oltre 200 miliardi di dollari.

Recentemente, i media hanno segnalato che MacKenzie Scott, l'ex moglie di Bezos, è diventata la donna più ricca del mondo, battendo Francoise Bettencourt Meyers, erede dell'impero dei cosmetici L'Oréal (anche se ha mantenuto il primo posto per un solo giorno). La principale risorsa della fortuna di Scott (che ha rinunciato al nome del suo ex marito) è un pacchetto di azioni Amazon che ha ricevuto come parte dell'accordo di divorzio.

A seguito di un picco dell'occupazione in Amazon durante e a causa della pandemia di coronavirus, circa un milione di persone in tutto il mondo lavorano per l'azienda.

Paulina Siegień è una giornalista e reporter che lavora a Trójmiasto, Podlasie e Kaliningrad. Scrive della Russia e di altre questioni che ritiene importanti, e collabora regolarmente con la New Eastern Europe (Nuova Europa Orientale). Si è laureata al Centro Studi dell’Europa Orientale all'Università di Varsavia e al Dipartimento di Filologia Russa dell'Università di Danzica.

Foto: RadioKirk, Wikimedia

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanFrenchSpanishPortuguese (Brazil)Portuguese (Portugal)Italian (Standard)
Author
Paulina Siegień
Translators
Elisa Ciraci and Ugo Realfonzo
Date
07.10.2020

More in Social Justice

Social Justice

Azmanova & Galbraith: Disaster Capitalism or the Green New Deal

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell