Statements

SPA: per un Afghanistan libero e indipendente

Dichiarazione di un nostro membro recente, il Solidarity Party of Afghanistan (SPA, Partito di Solidarietá per Afghanistan), sulla continua lotta per un Afghanistan libero e indipendente a quasi due decenni dall'inizio della guerra al terrorismo.
Solo una rivolta del nostro popolo può porre fine all'occupazione statunitense e al governo dei suoi tirapiedi!
Solo una rivolta del nostro popolo può porre fine all'occupazione statunitense e al governo dei suoi tirapiedi!

Diciannove anni fa, gli Stati Uniti e la NATO, alzando il sipario della Guerra al Terrore, invasero l'Afghanistan e rovesciarono il sanguinario regime talebano in poche settimane. Dopo due decenni di morte e distruzione, gli Stati Uniti e il loro governo fantoccio afgano sono impegnati in affari a Doha per riportare al potere i talebani selvaggi e mercenari. La guerra al terrorismo, come era chiaro fin dall'inizio, non solo non ha sradicato, ma ha aumentato il terrorismo. Oggi l'Afghanistan è diventato una piattaforma per il terrorismo e la mafia della droga, con i talebani, unitamente a un gruppo ancora più brutale chiamato ISIS, alla Rete Haqqani e, secondo i portavoce del governo, ad altri 24 piccoli e grandi gruppi terroristici attivi. Allo stesso tempo, innumerevoli terroristi hanno cambiato i loro cappelli e hanno preso posto nel governo, o come Gulbuddin, vengono nutriti dalle finanze della nazione.

Per anni, gli Stati Uniti e l'Occidente hanno ingannato il loro popolo sostenendo che stavano "liberando le donne afghane". In realtà, la barbarie e l'oppressione contro le donne afghane sono ora più orribili e diffuse che persino durante il regime medievale dei talebani. Durante l'era dei talebani, l’esecuzione per fucilazione di Zarmina nello stadio Ghazi ha scioccato il mondo, ma ora sono diventate ricorrenti lapidazioni, attacchi con acido, sparatorie, tagli alle orecchie, al naso e alla gola, abusi sessuali, autoimmolazione a causa dell'oppressione e altre forme di brutalità contro le donne afghane. La fucilazione di una donna incinta a Faryab è il caso più recente e il linciaggio di Farkhunda, la decapitazione di Tabasum, la lapidazione di Rukhshana, la riduzione in schiavitù di Sahar Gul, ecc., sono alcuni dei pochi casi coperti dai media internazionali. Tuttavia, i media occidentali, per nascondere la tragedia dei diritti delle donne in Afghanistan, mettono alla luce un piccolo numero di donne - i fiori all'occhiello del palazzo presidenziale - come eroine e le presentano come un successo legato alla presenza degli Stati Uniti e dei loro alleati in Afghanistan. Hanno persino nominato Fawzia Kofi - la figura a favore della mafia e dei signori della guerra - come candidata al Nobel per la pace.

Quando gli Stati Uniti e i loro partner criminali occuparono l'Afghanistan la chiamarono Operation Enduring Freedom (Operazione Libertà Duratura). Ma durante tutti questi anni hanno commesso i peggiori tradimenti contro la democrazia e la giustizia. Fin dall'inizio, alla Conferenza di Bonn, i traditori e criminali jihadisti, coloro che affermano che la democrazia è la stessa cosa dell'infedeltà, sono stati elogiati come "democratici" dal governo Karzai. Questo peculiare rapporto persiste perché la Casa Bianca ha bisogno dei jihadisti e dei fondamentalisti talebani per portare avanti la sua strategia regionale. Oggi, tutti questi gruppi fascisti beneficiano di un cessate il fuoco con i loro padroni degli Stati Uniti e della NATO, ma continuano la loro "jihad" contro le nostre donne, bambini e la nostra miserabile gente con la massima intensità, distruggendo ogni giorno il nostro popolo indifeso con attacchi suicidi, esplosioni, coercizione e tradimento.

Un altro obiettivo dichiarato degli Stati Uniti e dei suoi alleati è l'eradicazione della produzione di droga. Ma negli ultimi due decenni, la nostra terra ha prodotto più del 90% dell'oppio mondiale. La loro presunta lotta contro questo sinistro fenomeno ha fallito. L'economia del nostro paese è basata sulla coltivazione e il traffico della droga, in cui sono coinvolte le agenzie di intelligence occidentali. Secondo le statistiche ufficiali del governo, l'Afghanistan ha più di 3,5 milioni di tossicodipendenti. Ascoltare le orribili storie da parte dei familiari di questi tossicodipendenti è straziante. Oltre all'eroina, altre droghe tipo ecstasy come le pillole Tablet K e la cannabis sono facilmente accessibili, anche agli studenti, e stanno rovinando le vite e il futuro dell'Afghanistan. Gli Stati Uniti, che pagano la maggior parte del costo della guerra assumendo il controllo del traffico globale di stupefacenti in Afghanistan, stanno facendo ben poco nella consapevolezza che una nazione dipendente e cannibalizzata può essere facilmente incatenata e ridotta in schiavitù.

Gli Stati Uniti e altri occupanti hanno decantato "aiuti umanitari al popolo afghano", ma ora la stragrande maggioranza della popolazione è in povertà, ad eccezione di una manciata di surrogati del governo americano, che ora sono diventati magnati grazie a saccheggi, appropriazione indebita e corruzione senza precedenti, e hanno convertito il nostro paese in un narco-stato. I poveri vivono in condizioni estreme che costringono le persone, soprattutto i giovani, a fuggire all'estero per sfuggire alla fame, alla disoccupazione e all'ingiustizia. In molti casi, perdono la vita lungo il viaggio.

Coloro che parlano contro questa oppressione vengono aggrediti. Quando la signora Belquis Roshan ha denunciato il patto con gli Stati Uniti come svendita dell'Afghanistan nella Loya Jirga (Grande Assemblea) il primo dicembre 2013, ha parlato in nome di milioni dei suoi connazionali afgani. Ma la maggioranza dei cosiddetti rappresentanti del popolo che sappiamo essere sul libro paga del governo l'ha attaccata, calunniandola come una "serva pakistana" e "spia iraniana" e sostenendo falsamente che la presenza costante di basi militari statunitensi ci proteggerà dagli attacchi pakistani o iraniani. Lina Roozbeh Heydari, la presentatrice di Voice of America TV, ha accusato la signora Roshan di essere alla ricerca di notorietà. Tuttavia, il passare del tempo ha dimostrato la verità delle sue parole e ciascuna delle sue previsioni si è avverata. Come previsto, il governo degli Stati Uniti, oltre a non liberare l'Afghanistan dagli artigli del Pakistan e dell'Iran, è rimasto completamente in silenzio di fronte agli attacchi missilistici pakistani, alle aggressioni transfrontaliere e al supporto ai talebani. E ora, nei negoziati di Doha, consegna ufficialmente l'Afghanistan ai burattini dell'agenzia di intelligence pakistana ISI, un nuovo regalo per l'esercito pakistano insieme a un equipaggiamento militare americano da 7 miliardi di dollari.

Per ingannare il pubblico alla vigilia delle elezioni presidenziali, l'amministrazione Trump ha annunciato che ritirerà tutte le sue forze dall'Afghanistan. Non lo farà. Gli Stati Uniti non lasceranno facilmente questo boccone redditizio dell'Asia ai loro rivali emergenti, in particolare Cina e Russia. Indubbiamente, il governo statunitense guerrafondaio e oppressivo, che è in uno stato di crisi economica e di lutto e ha rivelato le sue debolezze al mondo intero, diminuirà temporaneamente le sue truppe. Ma non è pronto a ritirarle tutte così facilmente, fino a quando, e a meno che, non vengano cacciati dal nostro popolo oppresso. D'altra parte, i talebani sono forze mercenarie di altri paesi e la loro richiesta di ritiro delle forze statunitensi è una scusa per la Inter-Services Intelligence (Intelligenza Inter-Servizi) del Pakistan per esercitare più potere in Afghanistan. Mentre erano dietro le quinte, i talebani hanno praticamente posto fine alla loro "jihad" contro gli Stati Uniti e la NATO anni fa.

Compatrioti oppressi!

I colloqui di "pace" di Doha sono una manovra ingannevole per aiutare la rielezione di Trump, non pensata per porre fine alla guerra e allo spargimento di sangue del nostro popolo. La pace non può essere raggiunta contrattando e pagando un riscatto ad assassini e figure sul libro paga degli stranieri. È evidente che dopo il rilascio di 5.000 prigionieri assetati di sangue da parte del regime fantoccio di Ghani, le uccisioni e il terrore da parte dei talebani si sono ulteriormente intensificati.

Il Partito di Solidarietà dell'Afghanistan (Solidarity Party of Afghanistan, SPA) ha più volte affermato che nessuna forza straniera e le sue marionette locali ci salveranno da tutte queste sofferenze perché sono loro stessi la causa principale. Solo il cervello cosciente e le mani capaci dei nostri sofferenti e la pressione dell'opinione pubblica mondiale possono portare al ritiro delle forze di occupazione statunitensi e a rendere orfani i leader talebani e jihadisti dai loro genitori imperiali. Possiamo cambiare il nostro destino con le nostre potenti mani, e solo in uno stato democratico basato sulla laicità possiamo vivere in una società pacifica e prospera: un Afghanistan libero e indipendente dove uomini e donne hanno uguali diritti e tutte le persone di questa terra vivono insieme in pace e sicurezza, libere dall'oppressione e dalla discriminazione basata su etnia, religione, lingua e regione.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanFrenchPortuguese (Brazil)SpanishItalian (Standard)
Translators
Matteo Locatelli and Diego Orlandi
Date
15.10.2020

More in Statements

Statements

Diyana Yahaya: Feminist Trade Justice for Pandemic Resolution

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell