Statements

Movimento per il Diritto Fondiario del Popolo dello Zimbabwe (Zimbabwe People's Land Rights Movement - ZPLRM): terra, cibo e riparo adesso

Dichiarazione del nostro membro più recente, il Movimento per il Diritto Fondiario del Popolo dello Zimbabwe (Zimbabwe People's Land Rights Movement - ZPLRM), sulla difesa del diritto fondiario nelle comunità di reinsediamento rurale dello Zimbabwe
La fame e i conflitti sono il volto del continente africano. Ma non è sempre stato così.
La fame e i conflitti sono il volto del continente africano. Ma non è sempre stato così.

È stata l’accordo della Conferenza di Berlino a dividere il continente in colonie di interessi stranieri e a strappare il tessuto sociale che un tempo aveva portato prosperità ai suoi abitanti. Oggi la maggior parte dei Paesi africani ha combattuto e ottenuto l'indipendenza, ma rimane tuttavia intrappolata in condizioni di colonizzazione economica. E la terra - fonte di vita e di sostentamento per tanti milioni di africani - è al centro di questa storia di nuovo sfruttamento coloniale.

In particolare, l'espropriazione delle terre nel corso dell'espansione coloniale ha lasciato la maggior parte degli africani in condizioni di povertà estesa, che li porta a battersi per sopravvivere. Ed è lì - nelle baraccopoli di Kibera, Khayelitsha e Katutura e non nei grattacieli di Johannesburg o nelle comunità recintate di Città del Capo - che risiede la vera ricchezza dell'Africa.

Nello Zimbabwe del tardo XIX secolo, le comunità indigene sono state costrette a lasciare le loro terre e in seguito trasferite in aree sterili e improduttive chiamate riserve tribali - note ora come aree comuni. In totale, questo processo di espropriazione ammonta a circa 16 milioni di ettari per circa 8 milioni di persone nel 1999 - mentre 11 milioni dei terreni del paese più ricchi e produttivi dal punto di vista agricolo sono rimasti nelle mani di appena 4.500 agricoltori con attività commerciali, eredi del passato coloniale dello Zimbabwe.

La disputa per la giustizia fondiaria è già iniziata nel paese. Dopo una guerra di liberazione durata 15 anni - o hondo yevhu/nyika, letteralmente "guerra della terra" in Shona, la lingua locale - un'ondata di espropriazioni agricole e di riforme fondiarie ha cominciato a riconquistare la sovranità che il popolo dello Zimbabwe aveva perso sotto il dominio coloniale. Dopo l'indipendenza, ci sono voluti 20 anni perché i cittadini ordinari cominciassero a percepire i vantaggi di questo confronto per la terra, ma nello Zimbabwe ora cinque milioni di persone possono basare il loro sostentamento sulla terra.

Essendo il primo Paese a ribellarsi agli accordi della Conferenza di Berlino, lo Zimbabwe deve lottare più duramente per smantellare i sistemi coloniali di amministrazione fondiaria e di gestione della proprietà che continuano a deprivare il suo popolo.

Questo è il motivo per cui il Movimento per il Diritto Fondiario del Popolo dello Zimbabwe sta collaborando con le comunità rurali emarginate nella promozione e nella protezione dei diritti all’habitat.

Attraverso l'educazione su base locale in merito ai diritti di habitat e l'impegno con le varie divisioni statali, lo ZPLRM difende i diritti fondiari nelle comunità di reinsediamento rurale dello Zimbabwe.

In collaborazione con la Coalizione Internazionale per l’Habitat (Habitat International Coalition, HIC), abbiamo creato un database delle infrazioni che documenta le trasgressioni in materia di habitat nello Zimbabwe. Lo strumento di valutazione dell'impatto delle infrazioni è stato fondamentale per monitorare le violazioni e la conseguente risposta. Abbiamo anche lavorato su un appello urgente per fermare gli sfratti forzati nelle zone rurali.

In linea con il nostro approccio azionato dal basso in collaborazione con la Rete per i Diritti all’Alloggio e alla Terra (Housing and Land Rights Network, HLRN) dell’HIC, abbiamo appena completato la prima fase del Progetto per i Diritti delle Donne alla Terra e all’Alloggio (Women’s Land and Housing Project).

Stiamo lavorando al reclutamento di membri e al rafforzamento delle loro potenzialità, con la finalità di avere strutture organizzative e membri in ciascuna delle 10 province del Paese entro il 2023.

Come Movimento per il Diritto Fondiario del Popolo dello Zimbabwe, i nostri obiettivi includono:

  • Costruire un movimento attivo per i diritti fondiari dei popoli.
  • Sostenere assetti e politiche di governo della terra sostenibili ed equi.
  • Dare potere i cittadini e promuovere una campagna per i loro diritti alle risorse fondiarie.
  • Facilitare il coinvolgimento tra governo e cittadini per garantire un utilizzo sostenibile ed equo delle risorse fondiarie.
  • Costruire reti locali, regionali e internazionali di sostegno e solidarietà.
  • Monitorare e accertare l'attuazione delle politiche fondiarie e relative alle risorse naturali.

Le nostre aree di programmazione includono:

  • Solidarietà locale, regionale e internazionale così come sostegno, influenza e networking per condividere le migliori pratiche.
  • Sviluppo di una nuova classe dirigente e dell'educazione civica di base.
  • Interessi a livello delle comunità.
  • Mobilitazione dei membri e sviluppo delle loro competenze.
  • Ricerca, documentazione e pubblicazione.

Hilary Zhou è la coordinatrice nazionale dello ZPLRM

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishPortuguese (Brazil)GermanItalian (Standard)FrenchSpanishPortuguese (Portugal)Hindi
Author
Hilary Zhou
Translators
Giacomo Collini, Giacomo Martinis and Elisa Ciraci
Date
27.10.2020

More in Statements

Statements

Diab: Debt Justice Is an Internationalist Project

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell