Migration

Le forze di sicurezza egiziane reprimono le proteste pacifiche dei rifugiati

I rifugiati che protestavano contro ripetuti atti di discriminazione e violenza ora devono affrontare anche la risposta sempre più brutale delle forze di sicurezza egiziane.
Di fronte ad attacchi frequenti, i rifugiati in Egitto spesso chiedono nuovi insediamenti in quartieri più sicuri. Eppure queste richieste vengono comunemente ignorate.
Di fronte ad attacchi frequenti, i rifugiati in Egitto spesso chiedono nuovi insediamenti in quartieri più sicuri. Eppure queste richieste vengono comunemente ignorate.

Secondo diversi testimoni oculari, domenica 1 novembre le forze di sicurezza hanno utilizzato manganelli e idranti per disperdere una protesta dei rifugiati davanti all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati presso la Cittá del 6 Ottobre [municipalità egiziana di al-Sādis min Uktūbir nel governatorato di Giza]. La polizia ha arrestato un certo numero di manifestanti e ha confiscato i telefoni di molti altri per impedire qualsiasi foto o video dell'incidente.

Decine di rifugiati - la maggior parte dei quali provenienti dalla regione del Darfur in Sudan, così come dal Sud Sudan, Eritrea e Somalia - si erano riuniti per denunciare ripetuti episodi di violenza contro i rifugiati in Egitto, e contro i bambini in particolare, dopo che un bambino sudanese è stato ucciso nella Cittá del 6 Ottobre, secondo diversi manifestanti. Le richieste dei manifestanti includono maggiori protezioni, nuovi insediamenti o trasferimento nei campi all'interno dell'Egitto per protezione. (L'Egitto si distingue dagli altri paesi della regione in quanto non ospita rifugiati, richiedenti asilo o sfollati interni in campi designati).

Un testimone oculare ha detto che le forze di sicurezza hanno iniziato a disperdere i manifestanti picchiandoli e impiegando i cannoni ad acqua appena 15 minuti dopo l'inizio della manifestazione.

"Abbiamo organizzato una protesta pacifica per consegnare un messaggio alla commissione affinché ci protegga, in particolare le persone che vivono nella zona di Abnaa al-Giza", ha detto uno degli organizzatori della protesta, un rifugiato del Darfur. "Presentiamo reclami e nessuno ci ascolta."

L'appello alla protesta è arrivato sulla scia dell'uccisione di Mohamed Hassan, un rifugiato sudanese di 14 anni, avvenuta il 29 ottobre nella Cittá del 6 Ottobre. Il pubblico ministero ha annunciato il sabato successivo che il sospetto colpevole era stato arrestato e detenuto. In una seconda dichiarazione di domenica, l'accusa ha ordinato che l'imputato fosse tenuto per quattro giorni in custodia cautelare dopo aver confessato di aver ucciso il bambino pugnalandolo a morte all'interno della sua casa per vendicarsi del padre del bambino a causa di una controversia legata al denaro.

Nella dichiarazione di domenica, l'accusa ha affermato che stava perseguendo misure legali per affrontare gli attacchi contro egiziani e stranieri senza discriminazioni. "Chiediamo alle persone di essere consapevoli dei disperati tentativi di alcuni predatori di affermare che i rifugiati o gli stranieri in Egitto hanno meno diritti e che attaccarli è tollerato in qualsiasi modo".

Oltre alle forze di sicurezza di stanza fuori dall'ufficio dell'UNHCR, dopo l'omicidio del bambino c'è stata una forte presenza di sicurezza iniziale ad Abnaa al-Giza e Masaken Othman, due progetti di edilizia popolare alla Cittá del 6 Ottobre dove vive un gran numero di rifugiati sudanesi.

"Siamo venuti a manifestare per chiedere protezione all'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati", ha detto un rifugiato del Darfur che vive in Egitto dal 2016 ed è un vicino della famiglia della vittima. “La maggior parte di noi sono donne e la protesta è stata pacifica. Eravamo sul marciapiede. Un agente è venuto e ci ha detto che se non fossimo andati via entro 10 minuti saremmo morti. Siamo rimasti fermi nella nostra posizione. Non stiamo affrontando nessun tema di politico in Egitto, stiamo fuggendo dalla politica. Siamo madri con bambini e siamo venute qui per rappresentare la madre del bambino assassinato, Mohamed Hassan. Mohamed è nostro figlio."

Poco dopo la protesta di domenica, un certo numero di rifugiati sudanesi si è radunato davanti alla casa di Hassan in attesa dell'arrivo del suo corpo dall'obitorio, con le forze di polizia che avrebbero sparato lacrimogeni per disperdere la folla. Secondo un residente della zona, un bambino è stato portato d'urgenza in ospedale dopo essere stato colpito alla testa da un lacrimogeno. La polizia ha arrestato un certo numero di persone per strada e dalle loro case, ha perquisito i loro telefoni ed esaminato i documenti di soggiorno dei rifugiati, arrestando quelli senza documenti o il cui periodo di residenza era scaduto.

La domenica la polizia ha permesso solo al padre di Hassan di assistere alla sepoltura e ha vietato a chiunque altro di partecipare, ha detto un vicino. Ha aggiunto che la presenza di sicurezza nell'area è diminuita lunedì, ma che la polizia continua a condurre pattuglie nell'area e molti residenti sudanesi hanno paura di lasciare le loro case.

La zia del bambino morto, che è una richiedente asilo del Darfur e vive in Egitto dal 2018, ha detto a Mada Masr che l'area in cui vivono è "molto brutta e non c'è sicurezza". “I nostri bambini vengono picchiati, molestati e maltrattati. Abbiamo paura di mandarli al supermercato. Quello che ci sta accadendo in Egitto è molto difficile. L'ONU non ci ha risposto. Siamo stati davanti all'UNHCR e hanno mandato la polizia anche se stavamo protestando in silenzio”, ha detto.

Di fronte a frequenti attacchi, i rifugiati in Egitto spesso chiedono nuovi insediamenti in quartieri più sicuri. Eppure queste richieste vengono comunemente ignorate.

La fonte coinvolta nell'organizzazione della protesta di domenica ha ricordato la sua richiesta di essere inviato a un nuovo insediamento in una zona più sicura dopo che diversi egiziani hanno attaccato suo fratello di 12 anni con un coltello nel quartiere di Masaken Othman nel 2017. In risposta, l'Istituto di servizi psicosociali e di formazione del Cairo, un'organizzazione partner dell'UNHCR che fornisce servizi medici e sociali ai rifugiati, ha inviato un rappresentante per prendere nota dei loro dati; tuttavia, secondo la stessa fonte, l'organizzazione non ha fornito alloggi alternativi.

Recentemente sono stati segnalati diversi episodi di violenza e discriminazione contro i rifugiati in Egitto, così come ripetuti episodi di violenza sessuale contro donne rifugiate e migranti.

Una rifugiata sudanese che vive in Egitto dal 2016 ha detto a Mada Masr di vivere per strada da ottobre, quando è stata cacciata dalla sua casa ad Ain Shams dopo essere stata aggredita sessualmente all'interno della casa. Ha detto che più di un ospedale si è rifiutato di curarla dopo lo stupro e alla fine ha cercato rifugio presso Medici Senza Frontiere. Quando ha cercato di presentare un rapporto alla polizia sul suo stupro, dice che le avrebbero detto: "Via da qui, negretta. Non apriremo una causa contro uno dei nostri stessi uomini."

I rifugiati hanno aggiunto che le aggressioni sessuali avvengono a molti dei rifugiati che lavorano nelle case delle persone. “Siamo gravemente insultati in Egitto. Se lasciassimo le case dove lavoriamo non ci pagherebbero. Avvengono stupri sul lavoro e molestie per le strade dove ci dirigono insulti razzisti. Vogliamo lasciare questo Paese, vogliamo sicurezza, siamo esausti ".

Hadeer El-Mahdawy è una giornalista a tempo pieno per il sito di notizie bilingue indipendente Mada Masr. Si concentra su argomenti delicati a livello nazionale, come le detenzioni politiche, il lavoro, i diritti delle donne, i rifugiati, le minoranze religiose o il sequestro di proprietà private e terreni.

Foto: Mada Masr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishItalian (Standard)SpanishGermanFrench
Author
Hadeer El-Mahdawy
Translators
Diego Orlandi and Elisa Ciraci
Date
17.11.2020

More in Migration

Migration

Egyptian Security Forces Crack Down on Peaceful Refugee Protests

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage Cookies
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell