Politics

L’iniziativa Building Bridges ha Distorto la Democrazia in Kenya

L'unione dei partiti di governo e di opposizione del Kenya rappresenta un disastro per tutti.
Dall'accordo della "stretta di mano", la democrazia keniota è stata distorta e il ruolo dell'opposizione completamente eroso. In effetti, l'opposizione è più governo del governo stesso.
Dall'accordo della "stretta di mano", la democrazia keniota è stata distorta e il ruolo dell'opposizione completamente eroso. In effetti, l'opposizione è più governo del governo stesso.

Nota del redattore: nel marzo del 2018, dopo mesi di disordini post-elettorali, il presidente di destra Uhuru Kenyatta e il leader dell'opposizione di centro sinistra Raila Odinga si sono uniti in un accordo di "stretta di mano" con un piano per "unire il Paese". Questo accordo, poi approfondito nel rapporto “Building Bridges Initiative” (BBI, Iniziativa Costruendo Ponti), propone una serie di riforme costituzionali intese a garantire una maggiore condivisione del potere. I sostenitori affermano che la BBI unirà una nazione divisa e correggerá gli squilibri etnici del potere che risalgono all'era coloniale. I critici, come anche l'autore, concordano sul fatto che i problemi devono essere affrontati, ma sostengono che la BBI non è in grado di farlo. I critici divergono sulla legittimità del processo stesso, ma tutti dicono che la BBI è poco più che uno spettacolo dell'élite politica, destinato a distrarre e cooptare le forze dell'opposizione. Questo è stato leggermente modificato dall'originale per la lunghezza. Puoi leggere la versione completa qui.

I sostenitori della "stretta di mano" tra Raila Odinga e Uhuru Kenyatta lo dipingono spesso come un momento da premio Nobel per la pace, come quello in cui il primo ministro etiope Abiy Ahmed Ali ha esteso un ramo d'ulivo all'Eritrea, ponendo così fine a 16 anni di stallo e ostilità. Alcuni lo hanno persino descritto come "un momento fondamentale" nella storia del Kenya in cui due rivali politici hanno messo da parte le loro differenze per il bene del paese. Il riavvicinamento è spesso espresso nel linguaggio della riconciliazione, di due famiglie dinastiche che si uniscono trasformando vecchi odi in amicizia, una tregua tra ex nemici.

Tuttavia, coloro che credono che Odinga e Uhuru abbiano scongiurato una guerra civile unendo il paese hanno completamente perso il punto. Prima di tutto, se Raila Odinga avesse o meno un odio personale o un rancore storico contro Uhuru Kenyatta e la sua famiglia è completamente irrilevante. Non si forma un partito di opposizione per una vendetta personale contro il leader del partito al governo. In effetti, nessun partito si forma per ferire un nemico. I partiti politici dovrebbero essere basati su determinati ideali e un'ideologia, non sulle ambizioni personali o sui problemi dei loro leader.

La maggioranza di coloro che si oppongono costantemente al governo del Giubileo non lo fanno perché odiano Uhuru Kenyatta o William Ruto. Lo fanno perché credono che il loro governo sia sulla strada sbagliata e stia effettivamente causando danni alla maggioranza della popolazione del paese attraverso una varietà di leggi e politiche che hanno paralizzato il paese economicamente e limitato alcune libertà.

Ho votato per Raila Odinga in ogni elezione dal 2007, non perché mi piaccia particolarmente. In effetti, penso che se ci incontrassimo davanti a una birra potremmo avere poco di cui parlare oltre alla politica. Penso che potrei anche dover massaggiare il suo ego per ottenere una parola. Ma ho votato per lui perché credevo che rappresentasse una visione del mondo e un'ideologia progressisti che erano in linea con il mio pensiero. Sentivo che nonostante i suoi difetti (come la sua implacabile ambizione di potere politico anche se esercita una notevole influenza in tutto il paese) si battesse ancora per qualcosa - ed era disposto a morire per questo qualcosa se necessario. Che fosse fatto della stessa stoffa degli eroi.

Ma la stretta di mano ha distrutto la mia visione di lui. Come molte persone dell'opposizione, mi sono sentito tradito, usato, scartato. Una fiducia è stata rotta. E riparare questa fiducia non sarà facile.

Gli irriducibili sostenitori di Raila mi dicono che mi manca il punto, che Raila è un maestro stratega che imporrà il suo programma riformista attraverso la stretta di mano. Dicono che Raila sia noto per neutralizzare o demolire un partito al governo infiltrandosi o unendosi ad esso, come ha fatto con il KANU di Moi: in sostanza, distrugge il partito al governo dall'interno.

Questa teoria non me la bevo. Semmai, la stretta di mano non solo ha legittimato il governo di Uhuru, ma lo ha anche rafforzato. Quel che è peggio, l'opposizione come la conoscevamo è stata completamente castrata ed evirata. Come ha affermato la campagna di Linda Katiba guidata da Martha Karua e altri, “Dopo la stretta di mano la nostra democrazia è stata distorta e il ruolo del partito di minoranza (opposizione) è stato completamente eroso. L'opposizione è più al governo del governo stesso".

Afferrare il potere

Allo stesso modo, la Building Bridges Initiative (BBI) viene descritta come il grande unificatore, il collante che terrá insieme il nostro paese etnicamente diviso. Ciò che i suoi redattori non hanno riconosciuto è che mettere un Luo al tavolo alto non risolverà le differenze etniche in questo paese perché le nostre animosità etniche sono il risultato di una cattiva politica e di una cattiva leadership, come ho sottolineato qui.

I sostenitori della BBI affermano che essa porterà equità e stabilità. Potrebbe essere anche vero. Ma è più preoccupante quello che non dicono. L'omissione più importante è che la BBI non è stata costituita in maniera legale; la squadra della BBI era semplicemente un comitato ad hoc che non aveva basi legali o costituzionali. Inoltre, sembra essere stata formata con lo scopo specifico di cambiare la costituzione del 2010. Ci sono belle parole nel rapporto della BBI per dimostrare che la squadra si preoccupa davvero dei poveri, delle donne e dei gruppi emarginati, ma non si riconosce che questi gruppi siano già coperti dalla costituzione, e che è per via di una mancata aderenza a questa costituzione da parte del governo del Giubileo che troviamo questi gruppi ancora sottorappresentati o ignorati.

C'è anche il pericolo che, gettando qua e là qualche regalo, gli emendamenti proposti alla costituzione, come previsto dalla BBI, portino anche cambiamenti che di fatto minano o annullano completamente la costituzione del 2010 - ad esempio, creando posizioni di primo ministro e vice-primo ministro e aggiungendo altri 70 membri all'Assemblea Nazionale (un conto salariale che difficilmente possiamo permetterci).

E come hanno ripetutamente affermato i difensori della costituzione del 2010, la devoluzione - se adeguatamente attuata - potrebbe essere il vero punto di svolta in Kenya. C'è il pericolo che, adottando gli emendamenti proposti e delegando maggiori poteri al governo nazionale, torneremo ai tempi in cui il centro controllava tutto, anche il nostro pensiero. Manomettere la costituzione in tali circostanze equivarrebbe a uccidere la costituzione e suicidarsi.

Stiamo già sentendo parlare di capi di area a cui è stato ordinato di raccogliere firme per il referendum della BBI. Tale coercizione ricorda i giorni di Moi, quando i capi avevano un filo diretto con la State House ed erano, quindi, i funzionari più temuti nelle aree remote del paese, dove un capo di area poteva renderti la vita un inferno se non seguivi gli ordini di Nyayo (nomignolo swahili di Moi, ndt).

Per avere un'idea dei pericoli che potremmo affrontare, basta guardare cosa è successo alla contea di Nairobi. Il Jubilee Party ha sostenuto con tutto il cuore un dubbioso candidato a governatore della contea di Nairobi e poi ha proceduto a privare lui e la contea dei suoi poteri. Nairobi è stata militarizzata attraverso un ordine esecutivo e la nomina di un ufficiale militare a capo dei servizi metropolitani di Nairobi (costituiti illegalmente).

Commentando l'ordine esecutivo (incostituzionale) che ha portato la situazione a questo stato in un articolo su Foreign Policy intitolato Kenya’s Road to Dictatorship Runs Through Nairobi County (La Strada Verso la Dittatura Corre Lungo la Contea di Nairobi), Carey Baraka ha scritto:

La militarizzazione di Nairobi e il successivo trasferimento dell'amministrazione della contea nell'ufficio del presidente è una sfacciata presa di potere da parte di Kenyatta; ancora più preoccupante è il fatto che le mosse non siano state controllate dal parlamento del Kenya. . . La storia del Kenya è piena di dichiarazioni unilaterali dell'ufficio del presidente. È a questo passato che Kenyatta cerca di tornare.

Se avessimo avuto una sana opposizione, una simile mossa sarebbe stata fortemente osteggiata, ma poiché avevamo sia un governatore inetto che un'opposizione sterilizzata, questo assalto alla devoluzione è stato accolto con rassegnazione, persino giubilo.

Lady Macbeth di William Shakespeare dice al suo ambizioso marito che vuole essere il re di Scozia: "Per ingannare il tempo / Assomiglia al tempo". Macbeth segue il consiglio di sua moglie e usa l'inganno per uccidere il re scozzese, che poi sostituisce. Segue un regno di terrore, che sfocia in una sanguinosa guerra civile. Lady Macbeth, piena di sensi di colpa, si suicida. Macbeth viene infine ucciso.

Nessuno vince alla fine. Il bardo ha una lezione per tutti noi.

Rasna Warah è una scrittrice e giornalista keniota. In una precedente incarnazione, è stata redattrice presso il Programma per gli insediamenti umani delle Nazioni Unite (UN-Habitat). Ha pubblicato due libri sulla Somalia - War Crimes (2014) e Mogadishu Then and Now (2012) - ed è autrice di UNsilenced (2016) e Triple Heritage (1998).

Foto: Wiki Commons

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishItalian (Standard)GermanSpanishFrench
Author
Rasna Warah
Translators
Diego Orlandi and Amina Attia El Tabakh
Date
29.01.2021

More in Politics

Politics

Solidarity Party of Afghanistan

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell