Labor

Un anno di Resistenza nel Tech

Il 2020 è stato un anno da record per l'azione collettiva nel settore tecnologico.
Per il settore tecnologico, la pandemia ha accelerato la trasformazione digitale di tutti gli aspetti della nostra vita e ha dato alle aziende tecnologiche valutazioni da record, ma per i lavoratori tecnologici la pandemia ha evidenziato le disuguaglianze esistenti.
Per il settore tecnologico, la pandemia ha accelerato la trasformazione digitale di tutti gli aspetti della nostra vita e ha dato alle aziende tecnologiche valutazioni da record, ma per i lavoratori tecnologici la pandemia ha evidenziato le disuguaglianze esistenti.

Nota del redattore: L’Internazionale Progressista presenta il più recente membro del pilastro Agenzia, Collective Action in Tech (Azione Collettiva in Tecnologia). Collective Action in Tech è nato come un progetto per documentare azioni collettive e si è evoluto in una piattaforma per i lavoratori per raccontare le loro storie, condividere risorse e teorizzare insieme il movimento dei lavoratori tecnologici. Di seguito è riportata una panoramica della resistenza nella tecnologia durante l'anno 2020. L’IP e CAIT ritengono che l'azione collettiva sia il percorso più efficace per affrontare le questioni dei lavoratori e sfruttare la forza collettiva per spingere le aziende nella giusta direzione.

Per la maggior parte delle persone, la pandemia di Covid-19 ha trasformato il 2020 in uno dei punti più bassi della memoria recente. Tuttavia, per il settore tecnologico, la pandemia ha accelerato la trasformazione digitale di tutti gli aspetti della vita e ha fornito alle aziende tecnologiche valutazioni da record che riflettono l'attuale ottimismo.

Tra i lavoratori della tecnologia, la pandemia ha evidenziato disuguaglianze giá esistenti. Mentre alcuni lavoratori hanno avuto il privilegio di lavorare da casa, altri sono stati costretti a presentarsi al lavoro o hanno trovato il proprio posto di lavoro eliminato del tutto. Il movimento Black Lives Matter ha anche portato a un aumento delle azioni antirazziste mentre l'industria ha iniziato a fare i conti con una mancanza di diversità che si protrae da lunga data.

C'erano una serie di pietre miliari. Kickstarter United ha fatto la storia a febbraio quando è diventato il primo grande sindacato tecnologico negli Stati Uniti. I lavoratori del magazzino di Amazon, alla luce della gestione della pandemia da parte dell'azienda, hanno anche iniziato a compiere passi significativi verso la sindacalizzazione. La recente cessazione della ricercatrice Timnit Gebru ha acceso una conversazione a livello di settore sulla diversità e l'inclusività.

Quest'anno abbiamo documentato 119 casi di azione collettiva nel settore tecnologico, rendendolo un anno da record per l'azione collettiva nel settore tecnologico. Ecco alcune delle cose che abbiamo imparato dall'archiviazione di questo movimento:

1. Il numero di azioni collettive segnalate dai lavoratori della tecnologia ha raggiunto un nuovo record.

Azioni collettive totali nel settore della tecnologia per anno

Il 2020 è stato un altro anno da record per le azioni collettive nel settore tecnologico, ma con un margine sottile: 119 eventi contro i 114 dell'anno precedente. Poiché il nostro archivio si basa su eventi che sono stati segnalati pubblicamente, è possibile che o il tasso di crescita reale si sia stabilizzato oppure che le testimonianze sul movimento dei lavoratori tecnologici abbiano raggiunto il picco. In un anno in cui il 47% delle storie del New York Times ha menzionato la pandemia, è possibile che più azioni non siano state segnalate quest'anno di quante ne sarebbero state altrimenti.

2. Le azioni dei lavoratori precari hanno continuato a crescere.

Azioni collettive nel settore della tecnologia per anno da parte dei lavoratori precari

In questo caso, il "lavoro precario" è definito come azioni che coinvolgono gig worker, contrattisti o operai. Da questo grafico vediamo che anche se la crescita dell'azione collettiva nella tecnologia sta rallentando in modo aggregato, l'azione collettiva tra i lavoratori precari continua a crescere. Ciò si riflette anche nel calo significativo delle azioni dei colletti bianchi dal 2019 al 2020. La nostra analisi precedente mostra che i colletti blu hanno guidato la maggior parte delle azioni relative al Covid. I manifestanti hanno elencato tra le loro richieste condizioni di lavoro più sicure, risarcimento dei rischi e maggiori benefici per la salute.

3. I lavoratori di Amazon erano più attivi dei dipendenti di qualsiasi altra azienda.

Azioni collettive per azienda

I lavoratori di Amazon sono diventati il ​​principale motore dell'azione collettiva nel settore tecnologico. Hanno svolto più azioni rispetto ai dipendenti di Google, Microsoft, Facebook e Apple messi insieme. La maggior parte (75%) di queste azioni era direttamente correlata al Covid-19. L'imminente votazione sindacale a Bessemer, Alabama, ha portato una maggiore attenzione all'azienda, che attualmente rappresenta una delle più grandi forze lavoro in America.

* Riteniamo che ci siano molte altre azioni dei magazzinieri di Amazon che non abbiamo ancora archiviato, specialmente al di fuori degli Stati Uniti.

4. I lavoratori del settore della tecnologia stanno rispondendo al COVID-19 e al movimento BLM.

Rapporto di azioni nel 2020

Le azioni contro il razzismo, che hanno incluso scioperi virtuali in segno di protesta contro l'omicidio di George Floyd e una lettera aperta che chiedeva una maggiore trasparenza nel licenziamento della ricercatrice Timnit Gebru a Google, hanno rappresentato il 16% delle azioni dei lavoratori della tecnologia quest'anno o 19 in totale. Ciò ha rappresentato un aumento sostanziale rispetto agli anni precedenti.

La prima azione contro il razzismo documentata nel nostro archivio risale al 1970, quando i lavoratori neri dell’IBM fondarono la National Black Workers 'Alliance of IBM (Alleanza dei Lavoratori Neri di IBM). I lavoratori raccoglievano dati interni sugli stipendi e sostenevano i colleghi che avevano subito ritorsioni. Nonostante la disuguaglianza razziale e la discriminazione di lunga data all'interno del settore, ci sono state solo 2 azioni di protesta esplicita contro il razzismo nel 2019 e nessuna nel 2018. Il 2020 rappresenta un miglioramento significativo rispetto agli anni precedenti, ma mostra anche fino a che punto il settore deve ancora spingersi.

5. La lettera aperta rimane una tattica popolare.

Numero di lettere aperte

Nel 2020, i lavoratori nel settore della tecnologia hanno continuato a mostrare resistenza sotto forma di lettere aperte. Delle 31 lettere aperte scritte quest'anno, la maggioranza (18) sono state scritte da colletti bianchi. Storicamente, le lettere aperte sono state un buon

modo per aumentare la consapevolezza di un problema, ma ci sono poche prove che le richieste formulate per mezzo di lettere aperte vengano effettivamente soddisfatte.

6. I lavoratori della tecnologia stanno iniziando a sindacalizzarsi e formare comitati aziendali.

Data Luogo Azienda / Sindacato / Comitati aziendali
Jan Hong Kong, China Hong Kong Information and Technology Workers Union
Feb Chicago, USA Instacart
Feb New York, USA Kickstarter
Mar New York, USA Glitch
Mar New York, USA Gimlet (Spotify)
Mar Berlin, Germany Babbel*
Jun Toronto, Canada Foodora
Jun Toronto, Canada Uber
Jul Zurich, Switzerland Google*
Aug Berlin, Germany N26*
Sept United Kingdom United Tech and Allied Workers (national industry-wide union)
Oct Berlin, Germany Cobot*
Oct New York, USA Parcast (Spotify)

\

  • I dipendenti di Google, N26, Babbel e Cobot hanno formato comitati aziendali che non includono i diritti di contrattazione collettiva.

Il 2020 segna l'anno con il maggior numero di sindacalizzazioni che abbiamo mai visto nel settore tecnologico, tra cui Kickstarter United, che ha fatto la storia come il primo sindacato tecnologico di lavoratori interni negli Stati Uniti, e il primo sindacato nazionale dei lavoratori tecnologici in Gran Bretagna.

Nel 2020 abbiamo assistito a un rallentamento nella crescita dell'azione collettiva nel settore tecnologico. Questo in parte può essere spiegato dalla pandemia che, costringendo i colletti bianchi a lavorare da casa, li ha anche atomizzati e dislocati dai loro posti di lavoro. Questo rallentamento, soprattutto tra i colletti bianchi del settore della tecnologia, arriva anche dopo una serie di ritorsioni da parte di Google e Amazon nel 2019 e all'inizio di quest'anno. Ciò ha compreso il licenziamento di dipendenti vocali nell’attivismo e l'assunzione di aziende volte a distruggere i sindacati.

Tuttavia, un rallentamento nella crescita dell'azione collettiva non significa necessariamente che anche le iniziative organizzative stiano rallentando. Il nostro set di dati documenta solo le azioni che sono state rese pubbliche. Alla luce del Covid-19 e delle aziende tecnologiche che reprimono i dipendenti attivisti, potrebbe essere il momento per gli organizzatori del settore di fare meno affidamento sulle azioni rivolte al pubblico e concentrarsi invece sulla costruzione di una base resiliente. Il movimento potrebbe già essere diretto in quella direzione.

JS è un ex impiegato nel settore tecnologico e scrive di tecnologia, lavoro e Cina.

Nataliya è una sociologa che conduce ricerca su tecnologia e lavoro.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanItalian (Standard)SpanishPortuguese (Brazil)French
Authors
JS Tan and Nataliya Nedzhvetskaya
Translators
Amina Attia El Tabakh and Diego Orlandi
Date
03.02.2021

More in Labor

Labor

Geoff Tily: The Grip of Brotherhood the World O'er

Labor

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell