Housing and Land Rights

Le lotte e le aspirazioni dei Tumandok

Di fronte ad una persecuzione sempre maggiore, il popolo Tumandok delle Filippine sta resistendo a progetti di sviluppo che distruggerebbero non solo i loro mezzi di sussistenza ma anche il loro modo di vivere.
L'isola filippina di Panay è la casa del popolo indigeno Tumandok, ma è anche diventata lo sfondo della loro lotta decennale contro i progetti di costruzione di dighe. Nella lotta per preservare la loro terra, la loro vita e la loro cultura, hanno dovuto affrontare non solo il trasferimento forzato, ma anche una persecuzione politica e militare sempre più forte.
L'isola filippina di Panay è la casa del popolo indigeno Tumandok, ma è anche diventata lo sfondo della loro lotta decennale contro i progetti di costruzione di dighe. Nella lotta per preservare la loro terra, la loro vita e la loro cultura, hanno dovuto affrontare non solo il trasferimento forzato, ma anche una persecuzione politica e militare sempre più forte.

I popoli indigeni uccisi a Panay avevano da tempo rivendicato il loro diritto alla terra e alla vita di fronte ai cosiddetti progetti di sviluppo, contrariamente a quanto affermato dai militari secondo cui erano membri della milizia del Partito Comunista delle Filippine. In cambio, erano stati etichettati come nemici dello stato e sottoposti a un'intensa militarizzazione nel corso degli anni.

Negli ultimi dieci anni, i Tumandok dell'isola di Panay si sono opposti a progetti che avrebbero finito per sommergere le loro comunità, le loro fonti di sostentamento e la loro secolare cultura e tradizione.

Poco prima della fine del 2020, le forze statali hanno effettuato una "Gestione sincronizzata e rafforzata delle operazioni di polizia" che ha lasciato nove morti, tra cui il presidente della loro organizzazione locale Roy Giganto e due funzionari di villaggio, Reynaldo Katipunan e Mario Aguirre.

Due settimane prima, la loro organizzazione TUMANDUK o Tumanduk Farmers in Defense for Land and Life (Agricoltori Tumanduk a difesa della terra e della vita) è stata etichettata come un'organizzazione di facciata del Partito Comunista delle Filippine e del New People's Army (Nuovo Esercito Popolare) durante un'audizione al Senato che puzzava di maccartismo degli anni '50.

Ma chi sono i Tumandok e perché il governo filippino è deciso a reprimere la loro resistenza?

Lotta contro lo sfollamento

I Tumandok si sono opposti alla diga di Jalaur da 11 miliardi di dollari, che rischia di far sfollare 17.000 persone della loro tribù e almeno 1,2 milioni di residenti che vivono nelle vicinanze del bacino del fiume a causa delle inondazioni.

Le agenzie governative iniziarono il loro studio di fattibilità sulla costruzione della diga nel 2009 e presentarono poi risultati a una ditta coreana nel 2011. Le consultazioni con le comunità interessate, secondo le leggi filippine sulla necessità di ottenere il consenso libero, preventivo e informato, ebbero luogo solo nel 2012.

La costruzione della diga di Jalaur offrì inizialmente circa 17.000 posti di lavoro temporanei e mal pagati ai Tumandok. I capi delle tribù annunciarono che dopo la costruzione sarebbero rimasti senza lavoro e le loro terre completamente sommerse dall'acqua.

La diga comporterà dei pericoli per le comunità circostanti, poiché il sito proposto si trova a circa 11 chilometri da una linea di faglia - la West Panay Fault - che ha causato uno dei terremoti più catastrofici nelle Filippine. In un comunicato stampa del 2014, il Dagsaw-Panay-Guimaras Indigenous People's Network (Rete delle Popolazioni Indigene Dagsaw-Panay-Guimaras) affermò che il terremoto di magnitudo 8,2 del 1948, soprannominato "Lady Caycay", fu uno dei più grandi degli ultimi 500 anni nel paese.

Nella storia recente, il terremoto del 2012 che scosse il Negros centrale con una magnitudo 6,8 e il terremoto del 2013 nel Visayas centrale che registrò una magnitudo 7,2 furono sufficienti a portare una distruzione massiccia a Panay.

Nel mezzo di una pandemia, l'amministrazione Duterte ha annunciato nell'agosto 2020 che il progetto Jalaur è stato aggiunto alla lista dei progetti infrastrutturali prioritari nell'ambito del "Build Build Build" (NdT programma di importanza centrale dell’amministrazione Duterte per dare impulso alle infrastrutture), mentre ha eliminato un altro controverso progetto di diga sulla stessa isola, il Panay River Basin Integrated Development (Sviluppo Integrato del Bacino del Fiume Panay).

Il consigliere presidenziale per i programmi di punta Vivencio Dizon, un mese dopo, ha chiesto di accelerare l'approvazione delle infrastrutture idriche nell'ambito del Build Build Build.

Militarizzazione

Conoscendo gli impatti negativi della diga sulle loro vite e sulle loro comunità, i Tumandok sono stati tra coloro che hanno resistito fermamente e costantemente alla costruzione della diga, dall'amministrazione Aquino fino ad oggi. Questo portò alla fondazione nel 2014 del loro gruppo TUMANDUK, considerato la loro più grande coalizione fino ad oggi, di fronte alla crescente sorveglianza statale e alla militarizzazione delle loro comunità.

Alla sua fondazione, l'organizzazione ha approvato una risoluzione contro la costruzione della diga di Jalaur, nonostante sei camion carichi di soldati e due elicotteri militari aleggiassero nel loro dominio ancestrale.

Anche il governo locale ha sostenuto la costruzione. Per esempio, nel 2012, il Jalaur River for the People Movement (JRPM - Movimento per un Fiume Jalaur popolare) affermò che il governo locale aveva reclutato individui per il Kabayan Action Group, un gruppo paramilitare sotto il Dipartimento degli Interni e del Governo Locale e la Polizia Nazionale Filippina per militarizzare la comunità.

Coloro che sono fermi nella loro posizione contro la costruzione della diga sono minacciati di essere denunciati per "ritardare" la costruzione, ha detto il JRPM.

I coniugi Nestor e Mary Castor e Romeo e Berna Castor, fermi nella loro opposizione e nel rifiuto di vendere la loro terra, sono stati colpiti da casi di esproprio dall'Amministrazione Nazionale dell'Irrigazione (NIA).

Secondo il JRPM, due delle tre dighe, il bacino principale di Jalaur e il bacino di scarico delle turbine, si trovano all'interno del dominio ancestrale di proprietà del clan Castor.

Secondo lo studio del JRPM, il fratello di Romeo, Nestor, ha perso quasi un ettaro delle sue terre a causa della costruzione della strada che porta al sito della diga principale. Gli sono stati pagati solo 1.800,00 P (38 dollari) per i danni alle sue piante di caffè e agli alberi da frutta, ma durante il processo in cui è stato testimone, l’Amministrazione Nazionale dell'Irrigazione (NIA) ha presentato un documento che dimostra che ha ricevuto 180.000 P (3817 dollari).

I residenti sono stati anche costretti ad accettare denaro dai rappresentanti del governo che li espropriano della loro terra ancestrale per 50.000 P (1040 dollari) o meno per coloro che non hanno titoli. Questo è dovuto all'aumentata presenza del personale in uniforme che accompagna i funzionari governativi nel recarsi nelle case dei residenti e nel costante pattugliamento della loro zona.

Con l'inizio del progetto governativo, anche le operazioni militari si sono intensificate.

Già nel febbraio 2020 l'esercito filippino aveva annunciato che avrebbe intensificato la sua lotta contro CPP e NPA con il 12° Battaglione di Fanteria da 501 membri sotto forma di addestramento organizzativo e programma di sostegno alla comunità.

Dalla consultazione del materiale amministrativo, il PNA ha riferito che il 12° Battaglione di Fanteria è stato convertito in un battaglione di manovra che ora include soldati a piedi, che cercavano di finalizzare l’operazione entro la loro "scadenza" per sconfiggere CPP e NPA prima che finisse il 2020 o il mandato del presidente Duterte.

Tale dichiarazione è stata accompagnata dal fatto che i progressisti sono stati bollati come leader di organizzazioni di facciata e come reclutatori del movimento clandestino, i loro nomi e volti affissi in manifesti nelle comunità e nelle pagine dei social media che hanno presunti legami con le forze statali.

La Task Force Filippina per i Diritti dei Popoli Indigeni ha anche riferito che il 16 giugno 2020 il 47° e il 12° Battaglione di Fanteria dell'esercito filippino (IBPA) e la Philippine National Police Regional Mobile Force (PNP-RMF, Forza mobile Regionale della Polizia Nazionale Filippina) "hanno costretto le comunità indigene di Tumandok a Capiz a trasferirsi permanentemente dagli altipiani al bordo della strada, se volevano che i loro nomi fossero cancellati dalla lista dei sostenitori comunisti".

Proprio di recente, il Col. Enrique Ancheta, capo dell'ufficio del laboratorio criminale della PNP nel Visayas occidentale, ha confermato che sette dei nove leader uccisi sono risultati negativi al test per i residui di polvere da sparo. Per aver detto la verità, Ancheta è stato sollevato dal suo incarico presso l'ufficio Centrale del Laboratorio Criminale Regionale della Polizia.

Aspirazioni

Per i Tumandok, la lotta per la loro terra ancestrale significa una lotta per la loro stessa sopravvivenza.

Nella missione di indagine ambientale del 2012, AGHAM o Advocates for Science and Technology for the People (Avvocati per la Scienza e la Tecnologia Popolari) ha notato le ricche risorse nel dominio ancestrale Tumandok. Ci sono erbe medicinali e alberi di legno duro per la costruzione di case e mobili. Anche il fiume da cui i Tumandok traggono il loro cibo è ricco, ma è stato colpito a causa della costruzione della diga di Dingli, che apparentemente ha ostacolato il ciclo di riproduzione del Sili, un tipo di anguilla d'acqua dolce.

Il fiume Jalaur serve anche come sede del Dangsaw, un raduno dei popoli indigeni dove si pratica la pesca collettiva.

"Il fiume e le strutture lungo di esso servono come punti di riferimento per i popoli indigeni, alcuni dei quali sono anche menzionati nel Sugidanon, l'epopea dei Tumandok. Alla ricchezza della loro cultura si aggiunge la danza etnica chiamata Binanog ispirata ai movimenti e al volo dell'uccello localmente conosciuto come Banog (Falco-aquila mutevole)", si legge nel rapporto della missione di AGHAM.

AGHAM ha detto che "la costruzione della diga cancellerà queste strutture e questi animali, lasciando l'epica, la danza e altre forme di tradizione prive di significato e vuote nelle prossime generazioni".

Secondo la ONG Pesticide Action Network-Asia Pacific (Azione contro i Pesticidi nell’Asia del Pacifico), "Il massacro dei contadini Tumandok è una grave perdita non solo per le loro famiglie, non solo per il movimento dei popoli indigeni, ma per una comunità globale che valorizza i piccoli produttori di cibo e per come la conoscenza indigena sia indissolubilmente legata alla terra e alla protezione della biodiversità".

Anche se nove dei loro leader più coraggiosi sono stati uccisi, e decine sono ancora in prigione, i Tumandok continueranno a difendere la loro terra, i loro mezzi di sussistenza e la loro cultura.

Foto: Carlo Manalansan / Bulatlat

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishItalian (Standard)SpanishHindiGermanPortuguese (Brazil)French
Authors
Janess Ann J. Ellao and Anne Marxze D. Umil
Translators
Elisa Ciraci and Amina Attia El Tabakh
Date
16.02.2021

More in Housing and Land Rights

Housing and Land Rights

Indorewala & Wagh: City Planning Before and After the Pandemic

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell