Labor

A Tbilisi, i ciclofattorini scoprono che hanno il potere di non lavorare

Una campagna di protesta in Georgia mostra il potenziale dell'auto-organizzazione da parte dei ciclofattorini.
In tutto il mondo, la manodopera è sotto attacco a causa della crescente tendenza a classificare i lavoratori come "collaboratori esterni " piuttosto che come dipendenti. Ma in Georgia, i ciclofattorini stanno ribaltando la situazione. Mentre i dipendenti devono affrontare un processo molto più complicato per organizzare scioperi legali, lo status dei ciclofattorini consente loro di smettere di lavorare semplicemente spegnendo l'applicazione, causando potenzialmente il caos per l'azienda datrice di lavoro.
In tutto il mondo, la manodopera è sotto attacco a causa della crescente tendenza a classificare i lavoratori come "collaboratori esterni " piuttosto che come dipendenti. Ma in Georgia, i ciclofattorini stanno ribaltando la situazione. Mentre i dipendenti devono affrontare un processo molto più complicato per organizzare scioperi legali, lo status dei ciclofattorini consente loro di smettere di lavorare semplicemente spegnendo l'applicazione, causando potenzialmente il caos per l'azienda datrice di lavoro.

Nota editoriale: da quando è stato scritto questo articolo, l'attuale crisi politica della Georgia ha raggiunto un nuovo picco, attirando l'attenzione dei media internazionali per presunte minacce alla democrazia. Tuttavia, I media internazionali si sono ripetutamente dimostrati disinteressati delle preoccupazioni materiali quotidiane e delle lotte della classe operaia. Con questo articolo resistiamo a questa tendenza e vi portiamo la storia di una di queste lotte di base.

Fuori da un modesto edificio senza pretese in un quartiere di Tbilisi, si stanno radunando decine di ciclofattorini. Alcuni si appoggiano allo scooter o stanno in piedi, mentre altri stanno cercando di entrare dalla porta principale o ne escono con borsoni per le consegne nuovi di zecca.

È il 29 gennaio. La maggior parte di queste persone - prevalentemente uomini - sono qui per protestare contro le recenti modifiche ai termini e alle condizioni del loro lavoro per Glovo, una società internazionale di consegne a domicilio che opera nella capitale georgiana.

Ma altri, spesso disoccupati e in difficoltà a causa della pandemia globale, hanno un disperato bisogno di lavorare, esattamente ciò su cui conta l'azienda. Ciò che a questi volenterosi nuovi fattorini non viene detto, tuttavia, è quello che li aspetta se si uniscono a Glovo: diventare sulla carta dipendenti dell'azienda, ma senza alcuna garanzia di lavoro né di tutele sul posto di lavoro.

Tra i manifestanti c'è un giovane con le stampelle appoggiato a una motocicletta, che mi racconta di aver subito un incidente quella stessa mattina mentre durante le consegne. Andava di corsa per fare una consegna, dice, pioveva e il suo veicolo è scivolato durante una svolta, scontrandosi con un palo. "Se non vai di fretta, non raggiungi i bonus", ha detto.

Più tardi quella settimana, il conducente ha contattato Glovo dei danni subiti, ricevendo però solo un'e-mail standard secondo cui l'assicurazione della società non copre i danni a terzi da veicoli a motore, danni che dovrebbero essere a carico di un'assicurazione auto stipulata autonomamente. Ora gli tocca pagare tutto il conto; lui e la sua auto sono troppo danneggiati per continuare a lavorare.

"Rischi la salute per avere un salario decente e provvedere alla tua famiglia", ha detto il conducente.

Tutto o niente

Gli zaini gialli di Glovo che sfrecciano sugli scooter sono diventati da tempo un elemento fisso del paesaggio urbano di Tbilisi, dove l'azienda, con sede in Spagna e con attività in tutta Europa, è attiva da tre anni.

Ma gli zaini rivelatori dell'azienda spagnola hanno acquisito un nuovo significato durante la pandemia di COVID-19, quando sono diventati essenziali per consegnare alimenti e medicine in città. Si perde il lavoro in ogni settore in Georgia e i negozi sono stati perlopiù chiusi a causa del confinamento, creando domanda sia per i servizi che per i posti di lavoro di Glovo.

Glovo si pubblicizza come un modo flessibile per fare soldi: i fattorini hanno la massima libertà e grandi stipendi. Come mi ha detto un lavoratore soddisfatto ad agosto: "Non abbiamo condizioni di lavoro, abbiamo l'applicazione, l'accesso, e Glovo è una società di intermediazione, noi consegniamo le ordinazioni".

L'applicazione di Glovo è il principale mezzo di comunicazione con l'azienda e tiene traccia del lavoro dei fattorini. L'intero modello aziendale è costruito attorno alla facilità di iniziare a lavorare: scarichi l'app, vai a un incontro di formazione, prendi tutto il materiale con la personalizzazione dell’azienda e via. Gli stessi conducenti sono gli unici “responsabili” dei loro orari di lavoro.

Ma due aspetti dell'organizzazione aziendale suggeriscono il contrario e che il modello basato sugli incentivi dell'azienda penalizza chi vuol lavorare meno ore. Senza dubbio il sistema di incentivi progettato da Glovo funziona più sul principio del "tutto o niente".

Partiamo dal sistema di valutazione di Glovo per i fattorini, necessario per accedere agli orari di lavoro e quindi scegliere i turni. Questo sistema valuta i conducenti in base a una serie di fattori: la loro disponibilità a lavorare in orari molto richiesti (35% del punteggio di un conducente), la quantità totale di ordinazioni evase e la media di consegne orarie rispetto al fattorino più veloce di Glovo (10%). Il resto del punteggio è un misto delle valutazioni dei clienti e della cronologia delle ordinazioni.

In secondo luogo, ma fondamentale, il sistema di bonus di Glovo. I fattorini ricevono bonus in base a quante ordinazioni evadono in una singola settimana. Sono proprio questi bonus mirati che creano gli “alti salari” declamati da Glovo nella sua pubblicità.

In media, un fattorino guadagna tre lari (0,75€) a ordinazione - e secondo i fattorini con cui ho parlato, si evade un’ordinazione e mezza all'ora, con una tariffa oraria approssimativa di 4,5 lari (1,12€), meno i costi a carico dei conducenti (carburante, manutenzione del veicolo, assicurazione).

Se si volesse lavorare 20 ore a settimana, si evaderebbero circa 30 ordinazioni, salvo problemi tecnici o di altro tipo.

Poiché il primo bonus (100 lari, o 24,94€) subentra a quota 120 consegne a settimana, un fattorino che lavora 20 ore a settimana non sarebbe idoneo a questi pagamenti extra. Il suo guadagno (esclusi i costi) sarebbe di circa 90 lari (22,44€) a settimana, che ammonta a 360 lari (89,77€) al mese. Questo se la valutazione dell'autista resta sufficientemente alta per accedere ai turni con il maggior numero di consegne orarie disponibili, se il tempo di attesa nei punti di ritiro resta ridotto e se non si incontrano problemi né con l'applicazione Glovo né con il cliente.

Per quanto riguarda l'assicurazione, proprio come molte altri aspetti del contratto di servizio Glovo, tutte le responsabilità ricadono sul fattorino, mentre l'azienda guadagna. I fattorini devono acquistare il proprio veicolo, il proprio carburante, le attrezzature e l’assicurazione.

Nel frattempo, l'azienda addebita ai ristoratori o ai fornitori al dettaglio oltre il 30% sugli ordini effettuati tramite la piattaforma e addebita ai clienti una commissione per ogni ordine oppure un abbonamento mensile. Sono previsti costi aggiuntivi se un cliente ordina al di sotto dell'importo minimo e tutti i "partner" (fattorini e fornitori) pagano tariffe per l'applicazione mobile.

Sembra inoltre che Glovo non paghi le tasse relative al lavoro dei fattorini in Georgia: questi ultimi sono classificati come collaboratori indipendenti e gli stessi fattorini sono tenuti a pagare solo l'1% di imposta sul reddito nel Paese.

Secondo i documenti ufficiali, la società ha dichiarato di non aver pagato alcuna tassa sugli utili nel 2018 e nel 2019, a causa delle perdite subite.

Tutto questo quando i limitati costi fissi dell'azienda, pagati in gran parte dai fattorini, sono invidiabili sotto qualsiasi standard aziendale e la pandemia globale ha reso indispensabile la sua esistenza, aumentandone così le entrate.

"Siamo conformi a tutte le leggi e i regolamenti in tutti i paesi in cui operiamo", ha affermato Glovo. "Possiamo, se richiesto dalla legge, rendere noti gli importi esatti pagati in tasse sia nel 2019 che nel 2020".

La scintilla

In risposta alle modifiche del sistema di bonus - che chiaramente incentiva a lavorare 80 ore a settimana, a una velocità vertiginosa - e al fatto di non essere trattati come dipendenti, i lavoratori di Glovo hanno deciso di organizzarsi.

L'indignazione iniziale è iniziata lo scorso agosto, quando Glovo ha modificato i tassi di bonus da 130 consegne a settimana per un bonus di 250 lari (62€) a 180 consegne per un bonus di 350 lari (87,28€), e 120 consegne sono passate a un bonus di 100 lari.

I fattorini mi hanno detto che ci sarebbero volute 80 ore alla settimana per raggiungere le 120 consegne. Anche se riuscissero ad aumentare le loro consegne orarie a una media di due, avrebbero comunque bisogno di lavorare 60 ore settimanali per ricevere un bonus di 100 lari. Per essere accedere a 180 ordinazioni - che sarebbero 350 lari in più - dovrebbero lavorare 90 ore almeno a due ordinazioni all'ora. In Georgia, Glovo proibisce i turni di oltre 12 ore, quindi i fattorini devono coprire 180 consegne in 84 ore, il che significa che lavorano 12 ore al giorno, sette giorni alla settimana.

I fattorini hanno protestato, ma in privato, lontano dagli occhi di media e attivisti. ("Mi sento come uno schiavo su una nave", mi ha detto un fattorino all'epoca). E in risposta a queste proteste, la direzione ha detto ai fattorini che se non gli stava bene, potevano andarsene. I fattorini affermano che la società ha successivamente assunto centinaia di nuovi fattorini.

Poi, a gennaio, la società ha modificato la tariffa per i chilometri percorsi da 0,40 a 0,30 lari. Ciò è avvenuto dopo l’entrata in vigore delle modifiche ai bonus di agosto, ma modifiche come la riduzione dei tempi di attesa nei ristoranti - che avrebbero migliorato significativamente le condizioni dei fattorini - sono state prima promesse e poi negate.

In risposta, nonostante i timori di restare "bloccati" - ossia esclusi dall'applicazione Glovo senza poter lavorare - sempre più fattorini si sono uniti alla protesta, suonando il clacson, portando sotto la lente di ingrandimento la loro crescente protesta. "Ci stanno scuoiando vivi", ha detto un fattorino.

Nella maggior parte dei quartieri di Tbilisi, a parte un paio di zone, i fattorini affermano che sia impossibile guadagnare i bonus pur lavorando 84 ore a settimana, perché non ci sono abbastanza ordinazioni da evadere. Nelle zone della città dove la quantità di ordinazioni è elevata, spesso si spingono fisicamente oltre i limiti, incappando in incidenti stradali: ogni secondo è fondamentale se vuoi guadagnare il tuo bonus.

I fattorini di Glovo si sentono come abbandonati per strada, lasciati lì con il cerino in mano ogni volta che qualcosa va storto. Non ricevono supporto costante dall'azienda quando hanno difficoltà tecniche con l'app o problemi con i clienti. I fattorini spesso devono aspettare fuori dai ristoranti le consegne, controllando ogni pochi minuti se il loro ordine è pronto, spesso senza il diritto di aspettare dentro, sedersi o usare il bagno. Questo contribuisce alla sensazione tra i fattorini che i loro problemi quotidiani non vengano affrontati ma siano spesso nascosti.

"Quest'ultimo anno è stato uno dei più impegnativi mai registrati", ha affermato Glovo in risposta a openDemocracy. "Per un periodo durante il picco della pandemia, abbiamo avuto una serie di problemi con il nostro team di supporto a causa di un improvviso aumento delle ordinazioni. In quel periodo, non avevamo il personale necessario per soddisfare l'aumento della domanda. Oggi il problema è stato risolto."

Per i fattorini - per quanto “imprenditori indipendenti” - Glovo è l'azienda in cui lavorano; l'applicazione Glovo è nelle mani dell'azienda e lavora continuamente a favore dell'azienda. Al raduno di gennaio, molti fattorini si sono lamentati dei malfunzionamenti quotidiani nel calcolo delle distanze.

I fattorini, soprattutto i più anziani, conoscono molto bene Tbilisi. Alcuni hanno aggiunto di aver confrontato le distanze percorse sulla loro applicazione Glovo con Google Maps: affermano che l'applicazione di Glovo - che loro devono pagare - le calcola in difetto. Poiché gran parte della retribuzione che ricevono per consegna si basa sui chilometri percorsi, non possono permettersi questi errori quotidiani di misurazione.

Glovo ha affermato che le modifiche alla retribuzione nel 2020 sono state "apportate per affrontare lo squilibrio esistente tra le consegne a breve e a lunga distanza", ma "riconosce[va] i problemi occasionali della struttura [nella sua] integrazione con Google Maps, soprattutto nel mancato aggiornamento di alcuni indirizzi. Per risolvere questo problema, è stata creata una struttura di pagamento che copre qualsiasi problema minore con il calcolo della distanza. Di conseguenza, il nostro pagamento della distanza percorsa è uno dei più competitivi sul mercato".

Solo l'inizio

Sia i fattorini che Glovo sanno che se i Glover - come si fanno chiamare i fattorini - smettono di lavorare, possono creare scompiglio nell'azienda.

Lo status ufficiale di collaboratori esterni gli rende possibile smettere di lavorare anche solo disattivando l'applicazione di Glovo, mentre i dipendenti devono sottostare a un processo molto più lungo e complicato per organizzare scioperi legali di qualsiasi tipo in Georgia. Servono molti miglioramenti per ottenere un lavoro giusto e dignitoso, ma forse questo è solo l'inizio della reazione dei fattorini sia a livello locale in Georgia che, in futuro, a livello transnazionale.

Secondo i lavoratori con cui ho parlato, la direzione locale di Glovo in Georgia spesso giustifica i cambiamenti unilaterali di termini e condizioni e guadagna tempo quando i fattorini chiedono migliori condizioni di lavoro, sfruttando il fatto che si tratta di un'azienda internazionale. La direzione di Tbilisi deve "prima chiamare Barcellona" per poter in seguito accettare qualsiasi richiesta, hanno detto i fattorini.

Un fattorino mi ha detto che dopo aver sentito dire per mesi che dovevano prima contattare il quartier generale spagnolo della società per rispondere ai reclami, lui e altri fattorini hanno deciso di informarsi sulle condizioni di lavoro dei corrieri Glovo in Spagna. Hanno scoperto che i conducenti spagnoli lavorano su turni di otto ore (rispetto alle 12 in Georgia) e avevano una paga oraria garantita, anche se non venivano effettuate ordinazioni. Questo è in gran parte il risultato di una protesta e di una battaglia legale combattuta dai fattorini spagnoli.

Il 10 febbraio Glovo ha soddisfatto alcune delle loro richieste, come riportare la quota di compensazione chilometrica a 0,40 lari e aumentare del 50% la retribuzione “aggregata”. La società ha anche dichiarato che cercherà di ridurre i tempi di attesa nei ristoranti. In un comunicato, Glovo ha definito gli scioperi “spiacevoli” e ha affermato di aver “sempre mantenuto un dialogo aperto con la nostra comunità di fattorini”. "Dopo aver considerato le richieste [dei fattorini], abbiamo raggiunto un accordo sulle nuove tariffe che soddisfano entrambe le parti", ha detto la società via e-mail.

Questa prima reazione pubblica alla gig economy della Georgia - in un panorama economico in gran parte privo di lavoro dignitoso e opportunità, e duramente colpito dalla pandemia globale - dovrebbe essere un promemoria: anche nella "periferia" economica globale, le persone meritano lavoro e salari dignitosi.

Sopiko Japaridze è la co-fondatrice del Solidarity Network Workers Center (Centro per la Rete di Solidarietá dei Lavoratori), un gruppo per i diritti dei lavoratori in Georgia. È un'organizzatrice sindacale e per la comunità da 12 anni.

Foto: Sopiko Japaridze

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishSpanishHindiItalian (Standard)FrenchGermanPortuguese (Portugal)
Author
Sopiko Japaridze
Translators
Diego Orlandi and Antonio Bacile
Date
10.03.2021

More in Labor

Labor

Geoff Tily: The Grip of Brotherhood the World O'er

Labor

Czechs Don’t Use Amazon, but Amazon Does Use Czechs

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell