Social Justice

Per ristabilire la democrazia in Malesia, ricostruiamo i movimenti di massa

Quando il COVID-19 l'ha colpita, la Malesia è sprofondata in una profonda crisi politica, che ha raggiunto il suo apice con la dichiarazione dello stato di emergenza e lo scioglimento del parlamento all'inizio di quest'anno. Con le classi politiche che cambiano improvvisamente alleanze pur di rimanere al potere, solamente la mobilitazione di massa può risolvere la crisi e permettere di costruire una Malesia migliore.
Dalla "Manovra dello Sheraton" allo stato di emergenza: un anno di crisi politica ha rivelato le carenze democratiche della politica malese. Per questo è fondamentale per la sinistra e le forze progressiste in Malesia ricostruire un movimento sociale che lotti per una vera democrazia e per la giustizia sociale: un movimento che superi le differenze etniche e religiose.
Dalla "Manovra dello Sheraton" allo stato di emergenza: un anno di crisi politica ha rivelato le carenze democratiche della politica malese. Per questo è fondamentale per la sinistra e le forze progressiste in Malesia ricostruire un movimento sociale che lotti per una vera democrazia e per la giustizia sociale: un movimento che superi le differenze etniche e religiose.

L’ultima fase di crisi politica malese è coincisa quasi esattamente con il momento in cui il paese è stato colpito dal COVID-19 nel marzo del 2020.

La crisi è iniziata con il crollo della "Coalizione della speranza" (Pakatan Harapan, PH), un raggruppamento di partiti centristi e riformisti che salì al potere dopo aver vinto le storiche elezioni generali del 2018 contro il Fronte Nazionale conservatore (Barisan Nasional, BN), da tempo dominante. La vittoria del PH nel 2018, contro una coalizione che era stata al potere per decenni, ha contribuito a mostrare ai malesi che un cambiamento di governo attraverso elezioni democratiche era possibile. Ma una sola elezione non è riuscita a determinare la trasformazione di cui c'era disperatamente bisogno.

Poi è arrivato il crollo. Il breve periodo al potere del PH è terminato in seguito a quella che da allora è stata chiamata la "Manovra dello Sheraton", un'operazione politica per cambiare le alleanze fra i partiti pianificata da alcuni membri del parlamento all'hotel Sheraton, il 23 febbraio 2020. Dopo mesi di caos, la crisi ha raggiunto un nuovo apice quando il nuovo governo che è subentrato ha dichiarato lo stato di emergenza e ha sciolto il parlamento, il 12 gennaio 2021.

Gli sviluppi politici in Malesia dopo la Manovra dello Sheraton sono stati estremamente volatili, con un continuo riallineamento delle forze politiche per rimanere al potere o per escluderne altre forze. Le relazioni tra amici e nemici possono cambiare da un giorno all'altro, ma ciò non ha nulla a che fare con dei principi politici. È piuttosto una battaglia di interessi fra diverse fazioni all'interno della classe dirigente, ognuna delle quali rimescola il potere tra i propri delegati.

Riallineamento politico al vertice

In sostanza, la manovra dello Sheraton era un accordo dietro le quinte tra diversi partiti e parlamentari per revocare il sostegno alla coalizione PH al potere. Dopo il crollo del PH nel febbraio 2020, è arrivata al potere una nuova coalizione chiamata "Alleanza Nazionale" (Perikatan Nasional, PN), e Muhyiddin Yassin, presidente del Partito dell’unione degli indigeni malesiani (Malaysian United Indigenous Party, BERSATU), ha prestato giuramento come 8° primo ministro della Malesia.

Ma il PN, sotto la guida di Yassin, aveva una maggioranza molto esigua nel parlamento federale. I politici di PH, specialmente Anwar Ibrahim, hanno cercato dunque di riprendere il potere rivendicando di avere la maggioranza, ma questo tentativo non ha avuto successo. La minaccia più seria al governo del PN è arrivata dall'interno. L’Organizzazione nazionale dei malesi uniti (United Malays National Organisation, UMNO), un membro della coalizione del PN che aveva dominato la politica malese dall'indipendenza fino al 2018, ha spinto per un'elezione anticipata nella speranza di ripristinare il proprio status di partito dominante all'interno della coalizione di governo.

Di fronte a una minaccia interna e al potenziale collasso del governo del PN, Muhyiddin Yassin ha dichiarato lo stato di emergenza il 12 gennaio 2021, più o meno nello stesso momento in cui il governo ha reintrodotto le misure di confinamento attraverso l’Ordine di controllo degli spostamenti (Movement Control Order, MCO). Anche se dichiarato con il pretesto di contenere la diffusione del COVID-19, lo scopo evidente dello stato di emergenza è quello di sospendere il Parlamento e impedire lo svolgimento delle elezioni anticipate. L'UMNO ha deciso che romperà i legami con il PN non appena l'emergenza sarà terminata e le elezioni anticipate avranno probabilmente luogo quando lo stato di emergenza sarà revocato. Ma almeno fino ad allora regnerà l'incertezza politica.

La mancata riforma conduce alla crisi

La crisi odierna marca la fine anticipata di un periodo di apertura democratica iniziato con la vittoria del PH nel 2018. Ma la situazione attuale riflette anche il modo in cui le speranze di riforme democratiche nella "Nuova Malesia" del PH si sono infrante, già molto prima del suo crollo, dopo molte giravolte e ritardi da parte del governo del PH nella realizzazione delle politiche riformiste, nonché defezioni e tradimenti tra i politici all'interno della coalizione di governo nelle loro lotte di potere irrisolte.

Sebbene il PH avesse promesso un'ampia riforma istituzionale nel suo manifesto elettorale del 2018, ha dovuto affrontare enormi ostacoli a causa degli interessi politici contrastanti all'interno della sua ampia coalizione. Inoltre, al di là della lenta attuazione delle riforme, il governo del PH non ha dato una svolta significativa alla politica economica. La pratica della collusione tra lo stato e gli interessi corporativi è rimasta invariata.

Il governo non è neppure riuscito a raggiungere un consenso per alleviare le inquietudini malesi riguardo i problemi interetnici, permettendo ai suoi avversari politici di armare e fomentare continuamente i sentimenti razziali per la loro agenda politica. La politica razziale ha perseguitato la Malesia fin dalla sua epoca coloniale, dal momento che è stata usata dai politici, sia dei partiti di governo che dell'opposizione, per ottenere un sostegno su base etnica. Quasi ogni singola questione politica può essere ridotta ad una questione di razza da parte di politici con un'agenda politica limitata: non per la liberazione e l'uguaglianza fra le etnie, ma come strumento di divisione per servire interessi etnici liberali ben definiti.

Crisi: Politica e oltre

Con il crollo del governo del PH dopo meno di due anni dal suo insediamento, il panorama politico è ancora una volta determinato dalle mutevoli alleanze delle fazioni politiche, piuttosto che da qualsiasi parvenza di mandato democratico. Allo stesso tempo, la Malesia si confronta con molteplici crisi sempre più profonde. Oltre alla minaccia dell’attuale pandemia di coronavirus e alla crisi politica,il paese sta anche affrontando la recessione economica da essa provocata.

Nel complesso, l'economia malese si è contratta nel 2020 del 5,6%, il peggior risultato dal 1998, quando il paese fu colpito dalla crisi finanziaria asiatica. Il tasso di disoccupazione ufficiale è salito al 4,5%, il più alto dal 1993. Il ministro delle Finanze della Malesia, Tengku Zafrul Aziz, ha previsto che l'economia della Malesia tornerà a crescere tra il 6,5% e il 7,5% nel 2021. Ma dato che l'economia malese è ancora molto orientata all'esportazione ed è dipendente dagli investimenti stranieri, l'assurdo iper-ottimismo del ministro delle finanze mostra solamente che i politici e le classi politiche dirigenti non hanno una visione alternativa di come affrontare la situazione attuale.

Una vera alternativa è necessaria, e deve venire dalla mobilitazione delle forze progressiste

Con la farsa politica in corso e le tremende sfide che attendono il popolo malese, c'è un urgente bisogno di (ri)costruire dal basso le forze sociali per offrire alternative reali e un cambiamento significativo. E ci sono ragioni per essere fiduciosi. Prima delle storiche elezioni del 2018, la Malesia è stata testimone di una serie di mobilitazioni di massa della gente comune e della società civile per oltre due decenni. BERSIH, la coalizione per elezioni libere ed eque, è stata una delle mobilitazioni di massa che ha contribuito alla lotta per le riforme democratiche.

Sfortunatamente, una parte significativa della società civile è stata assorbita e cooptata all'interno del sistema quando il PH è salito al potere. Sebbene alcuni abbiano esercitato un ruolo di pressione per le riforme, una parte importante della società civile ha smesso di partecipare. Questa smobilitazione comporta una mancanza di potere organizzato nel sostenere le riforme democratiche e una incapacità di rispondere alla crescente minaccia delle forze reazionarie, che si mobilitano con limitati programmi politici etno-nazionalisti.

Per questo è fondamentale per la sinistra e le forze progressiste in Malesia ricostruire un movimento sociale che lotti per una vera democrazia e per la giustizia sociale: un movimento che superi le differenze etniche e religiose. I movimenti e i gruppi sociali dovrebbero fare di più per superare le divisioni etniche, per essere maggiormente sensibili ai problemi affrontati dagli altri e continuare a lavorare per una Malesia più inclusiva ed equa. Con l'attuale minaccia della pandemia e della recessione economica, possiamo mobilitare i malesiani di diverse etnie attorno alla richiesta comune di programmi sociali di trasformazione, come la difesa del nostro sistema sanitario pubblico, la lotta contro la privatizzazione dei servizi pubblici, la creazione di posti di lavoro attraverso la nostra versione del "Green New Deal", e l'introduzione del reddito di base per i disoccupati.

La politica malese è definita oggi dalle lotte politiche al vertice. Per costruire una nuova Malesia, dobbiamo sollevarci dal basso come un unico soggetto.

Choo Chon Kai coordina l'Ufficio Internazionale del Parti Sosialis Malaysia (PSM, Partito Socialista della Malesia) ed è redattore di Sosialis.net. Scrive qui a titolo personale.

Foto: Hafiz Noor Shams / Wiki Commons

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishFrenchGermanItalian (Standard)SpanishPortuguese (Brazil)HindiPortuguese (Portugal)
Authors
Lukáš Rychetský and Pavel Šplíchal
Translators
Diego Malquori and Giulia Tramonti
Date
23.03.2021

More in Social Justice

Social Justice

Latin American Council of Social Sciences (CLACSO)

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell