Health

Il paradosso pandemico: misure di previdenza sociale e sgomberi forzati per gli abitanti ai margini della città di Delhi

Nonostante la pandemia, ci domandiamo ancora che senso abbia la previdenza sociale per gli abitanti delle baraccopoli di Delhi quando il diritto alla casa viene violato.
La pandemia non ha cambiato nulla per gli abitanti delle periferie di Delhi che vivono negli insediamenti riconosciuti dallo stato. Continuano ad avere diritto a razioni gratuite e a servizi forniti dallo stato, ma affrontano la costante minaccia di sfratto e demolizione.
La pandemia non ha cambiato nulla per gli abitanti delle periferie di Delhi che vivono negli insediamenti riconosciuti dallo stato. Continuano ad avere diritto a razioni gratuite e a servizi forniti dallo stato, ma affrontano la costante minaccia di sfratto e demolizione.

La distribuzione di razioni e di altri beni di prima necessità durante la crisi creata dal confinamento dell'anno scorso a causa del COVID-19 ha avuto luogo principalmente nelle baraccopoli di Delhi. Ironicamente, però, anche se il governo di Delhi fornisce agli abitanti di questi insediamenti i beni di prima necessità, le loro case vengono frequentemente demolite per sfrattarli dai loro quartieri con la motivazione che si tratta di occupazioni abusive, e questo è continuato anche durante il confinamento.

"Migliaia di case a Delhi sono state demolite durante il confinamento", ha detto Shakeel Ahmed, il coordinatore di Basti Suraksha Manch (BSM), una delle reti che costituiscono la Delhi Housing Rights Task Force (DHRTF - Unità operativa per i diritti abitativi a Delhi). "Alcuni gruppi hanno persino sperimentato molteplici fasi di sgombero".

Gli sfratti hanno avuto luogo nonostante il fatto che il 28 aprile 2020, a circa un mese dalla chiusura nazionale in India, il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla casa avesse dichiarato "la fine di tutti gli sfratti" fino alla fine della pandemia.

Anche se non esiste un diritto costituzionale all'alloggio nel paese, nel 1976 l'India ha ratificato il patto delle Nazioni Unite del 1966 sul diritto ad un alloggio adeguato. Diverse sentenze, tra cui molte della Corte Suprema dell'India, come Olga Tellis vs Bombay Municipal Corporation (1985), Chameli Singh vs State of U.P. (1996), Sudama Singh vs Govt of Delhi (2010) e Ajay Maken vs Union of India (2019), hanno affermato il diritto alla casa. Insieme a queste misure giudiziarie, regimi politici consolidati come la politica di riabilitazione e ricollocazione di Delhi Slum & JJ (JhuggiJhopri) (DUSIB, 2015) intendono preservare il diritto alla casa per tutti. Ma Delhi ha stabilito un destino molto arbitrario per i suoi abitanti della periferia durante la pandemia.

Alla ricerca di una casa

Quando sono arrivate le ruspe nella colonia del mercato di Laxmi Nagar est, a Jagatpuri, nel giugno 2020, i residenti dell'insediamento sapevano cosa avrebbero dovuto fare per fermare la demolizione delle loro case. Ma non era stato dato loro il tempo di cercare il rimedio di cui avevano bisogno.

"Se fosse stata presentata una domanda in tribunale, non ci sarebbe stata alcuna demolizione durante la pandemia. Ma abbiamo avuto solo tre giorni per organizzarci", ha detto Ram Chandra, il pradhan (capo) dell'insediamento. "L'avviso che avrebbe dovuto arrivarci venerdì è arrivato sabato. Domenica era festa e Lunedì la scadenza era terminata. Cosa si può fare con questa fretta? Da chi ci si fa aiutare?".

La colonia del mercato di Laxmi Nagar est era stata identificata come un gruppo di jhuggijhropri (capanne) nel 1982 dalla Delhi Development Authority (DDA - Autorità per lo sviluppo di Delhi) attraverso il suo censimento degli abusivi. Nel corso degli anni, i residenti dell'insediamento lo avevano trasformato in uno spazio abitabile che aveva diritto ai servizi forniti dallo stato. Ma nonostante la colonia avesse una presenza storica, una causa legale decennale l'ha demolita per abusivismo.

Altrove a Delhi, vicino a Shastri Park, più di 135 famiglie sono state sfrattate in una sola volta l'11 febbraio 2021. Quando Geeta Devi, una residente dell'insediamento, ha chiesto perché la sua casa venisse demolita, un funzionario le ha detto: "L'ordine è arrivato dal tribunale".

Questo ha lasciato Geeta Devi frustrata dal paradosso di esistere nell'India urbana. "Se è arrivato un ordine dal tribunale (di sfrattarci), allora perché ci vengono offerti pasti gratuiti? Perché non ci è stato tagliato il servizio del gas? Ci vengono offerti pasti gratuiti e allo stesso tempo siamo sfrattati dalle nostre case", ha detto. La sua osservazione pone una domanda sul paesaggio urbano contemporaneo: che senso ha la previdenza sociale quando il diritto alla casa viene violato? La narrazione di coloro che sono spesso sfrattati mostra che le loro vite sono al punto di intersezione tra la previdenza sociale da un lato e la mancanza di una casa dall'altro.

I residenti di tali insediamenti sostengono che la fornitura da parte del governo di pasti gratuiti e altri beni essenziali non sono l'unica prova che sono radicati nelle loro case. Le loro tessere elettorali provano la loro esistenza nella città, sottolineano. Ma anche questi documenti vengono ignorati durante gli sgomberi.

"Abbiamo documenti d'identità validi. Quindi perché siamo privi di giustizia?" ha chiesto Akbari Bibi, il cui basti (insediamento) vicino a Batla House è stato demolito tre volte dall'inizio della pandemia, il 24 settembre 2020, il 4 ottobre 2020 e il 24 dicembre 2020. "Noi esprimiamo i nostri voti a nome del numero di jhuggi (capanna) elencato come nostro indirizzo sulle nostre tessere elettorali. I nostri jhuggi sono la nostra identità sulla terra", ha sottolineato Akbarai Bibi.

La tragedia in India è che il diritto al suffragio universale non porta automaticamente al diritto all'alloggio, nonostante l'esistenza di politiche che prevedono il diritto all'alloggio. Per esempio, i residenti dell'insediamento vicino a Batla House non hanno ancora ricevuto la riabilitazione anche se hanno documenti d'identità validi che soddisfano la normativa DUSIB del 2015.

Uno spreco di debiti

Anche i più poveri in India trovano il modo di investire nella costruzione di case quando l'offerta formale di alloggi non può soddisfare le loro esigenze. Le case costruite dagli abitanti periferici sono ufficialmente definite "informali", ma Delhi ha 675 agglomerati jhuggijhopri (secondo la normativa DUSIB, 2015), dove le persone investono, di solito con denaro preso in prestito dai loro datori di lavoro, per costruire case che o rimangono non costruite o vengono demolite a causa di sfratti periodici.

"Ho investito soldi per la mia casa attraverso un karza (prestito) dalla mia madam (datore di lavoro)", ha detto Sunita Devi, 40 anni, residente nel campo israeliano vicino a Vasant Kunj, a Delhi, che fa la domestica. "Solo due giorni dopo il completamento della costruzione, l'hanno demolita. Se avessi saputo che sarebbe stata demolita, non avrei preso il prestito".

La casa di Sunita Devi è stata demolita insieme a centinaia di altre il 28 settembre 2020. Ora, come molti altri nella stessa posizione, si preoccupa sia di ripagare il suo debito al suo datore di lavoro che della possibilità di ottenere un altro prestito per un'altra casa.

La pandemia ha portato a cambiamenti eccezionali in tutto il mondo nel modo in cui la gente vive e lavora. Ma per gli abitanti delle periferie di Delhi, il nuovo coronavirus non ha cambiato nulla. Hanno sempre dovuto vivere la loro vita in incrementi che si ritirano regolarmente, costruendo case solo per perderle e sperare di ricominciare tutto da capo.

Rana Paul è un ricercatore urbano che attualmente lavora a Delhi e fa parte della rete UCLA "Housing Justice in Unequal Cities" (Giustizia abitativa in città con diseguaglianze).

Foto: Rana Paul

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishSpanishFrenchItalian (Standard)GermanPortuguese (Brazil)
Author
Rana Paul
Translators
Alessandro Zancan and Amina Attia El Tabakh
Date
23.04.2021

More in Health

Health

Dear WTO: Covid-19 Vaccine is a Global Public Good

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell