Housing and Land Rights

"È una Nakba": Dentro la lotta per salvare Sheikh Jarrah

Gli abitanti di Sheikh Jarrah continuano la loro campagna contro la "Nakba incessante".
Nel giro di sole due settimane sei famiglie palestinesi, per un totale di 27 persone, del quartiere occupato Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est saranno cacciate dalle loro case e lasciate per strada, sostituite da coloni israeliani. Ora i residenti stanno raddoppiando gli sforzi per la campagna #SaveSheikhJarrah.
Nel giro di sole due settimane sei famiglie palestinesi, per un totale di 27 persone, del quartiere occupato Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est saranno cacciate dalle loro case e lasciate per strada, sostituite da coloni israeliani. Ora i residenti stanno raddoppiando gli sforzi per la campagna #SaveSheikhJarrah.

Nota dell'editore: Quanto segue è una versione riassunta di un articolo completo pubblicato su Mondoweiss, disponibile qui.

Nel giro di sole due settimane, sei famiglie palestinesi, per un totale di 27 persone, saranno buttate fuori dalle loro case direttamente in strada, e sostituite da coloni israeliani.

Il destino delle famiglie del quartiere di Sheikh Jarrah, nella zona occupata di Gerusalemme Est, è inesorabilmente scolpito nella pietra: un tribunale distrettuale israeliano ha respinto il loro appello nel febbraio di quest'anno, ordinando loro di lasciare le loro case entro il 2 maggio 2021.

Se le famiglie non lasceranno le loro case, dove hanno vissuto per la maggior parte degli ultimi 65 anni, saranno rimosse con la forza dalle autorità israeliane armate, proprio come i loro vicini prima di loro.

L'unica speranza rimasta alle famiglie el-Kurd, al-Qasim, Skafi e al-Ja'ouni per salvare la loro casa dall'essere occupata dai coloni israeliani nelle prossime due settimane è un appello alla Corte Suprema israeliana: una corte che ha una lunga storia di sostegno ai progetti coloniali israeliani in luoghi come Gerusalemme, a discapito dei diritti dei residenti palestinesi della città.

Nel corso degli anni, decine di parenti, amici e vicini delle famiglie sono stati sfrattati e sostituiti da coloni israeliani, seguendo ordini del tribunale israeliano.

L'incombente scadenza dello sgombero del 2 maggio pesa molto sullo scrittore e poeta 22enne Mohammed el-Kurd, che aveva solo 11 anni quando la sua famiglia fu gettata in strada e metà della sua casa fu occupata da un gruppo di coloni israeliani.

"Ricordo tutte le forze di polizia israeliane che erano lì quel giorno, lanciando granate stordenti e picchiando le persone che cercavano di resistere. Avevano completamente chiuso il quartiere al resto della città, nessuno poteva entrare o uscire".

"Ricordo che buttavano via le cose che non volevano, e qualsiasi cosa volessero delle nostre cose, se la tenevano", ha detto. Uno dei mobili che i coloni tennero fu la culla della sorellina di el-Kurd, con cui, dice, il giorno dopo i coloni fecero un falò nel cortile di casa.

SEGNI IN EBRAICO SOPRA UNA CASA PALESTINESE OCCUPATA DA COLONI ISRAELIANI. (FOTO: SALEH ZIGHARI)

Mentre la scadenza del loro sgombero forzato incombe, i residenti palestinesi rimasti a Sheikh Jarrah stanno facendo tutto il possibile per portare l'attenzione internazionale sul loro caso, e idealmente la pressione internazionale su Israele, con la campagna #SaveSheikhJarrah .

L'hashtag ha inondato i social media palestinesi per settimane, mentre gli attivisti del quartiere chiedono ai capi di stato e ai sostenitori internazionali di fare pressione su Israele per porre fine a quella che dicono essere una "Nakba [parola araba per catastrofe, usata per descrivere l'espulsione di massa del popolo palestinese dalle loro case quando lo stato di Israele fu istituito nel 1948] incessante”.

Tour giornalieri di sostegno al quartiere, condotti dai residenti locali palestinesi, e sit-in e dimostrazioni settimanali hanno portato maggiore attenzione alla situazione di Sheikh Jarrah nelle ultime settimane.

La settimana scorsa, una manifestazione ha fatto scalpore dopo che le autorità israeliane hanno represso violentemente la protesta pacifica, causando diversi feriti tra i manifestanti, tra cui il deputato israeliano Ofer Cassif, un membro ebreo della Joint List a maggioranza palestinese.

Nel febbraio di quest'anno, el-Kurd ha fatto pressione con successo su 81 legislatori britannici alla Camera dei Comuni, tra cui Jeremy Corbyn, per firmare una lettera urgente sulla situazione a Sheikh Jarrah.

A marzo un gruppo di 14 organizzazioni palestinesi e regionali per i diritti umani ha inviato un appello urgente alle Procedure Speciali delle Nazioni Unite sugli sgomberi forzati a Gerusalemme Est, in particolare sulla situazione a Sheikh Jarrah, sottolineando come Israele abbia illegalmente applicato la legge interna israeliana a Gerusalemme Est occupata, risultando in decisioni giudiziarie che quasi sempre favoriscono le organizzazioni di coloni israeliani.

Mohammed el-Kurd ha detto a Mondoweiss che un errore che crede sia spesso commesso dai media internazionali e dal pubblico quando si riferiscono e leggono di Sheikh Jarrah è accettare la legittimità del sistema giudiziario israeliano sulle comunità palestinesi nella Gerusalemme Est occupata.

"Secondo il diritto internazionale, il sistema giudiziario israeliano non ha alcuna autorità legale su di noi nella Gerusalemme Est occupata, eppure siamo qui", ha detto, facendo eco alle dichiarazioni di innumerevoli gruppi per i diritti umani.

"Stiamo combattendo contro i coloni, ma abbiamo a che fare con un tribunale coloniale, giudice e giuria", ha detto el-Kurd.

El-Kurd dice che attraverso la sua militanza, il messaggio più importante che ha cercato di trasmettere è che ciò che sta accadendo a Sheikh Jarrah può essere combattuto solamente agli alti livelli del sistema politico e diplomatico.

"Sono stanco di vuote lettere di condanna ai funzionari israeliani, senza alcuna azione reale", ha detto. "Per salvare davvero Sheikh Jarrah la gente deve prendere posizioni politiche ferme, e applicare sanzioni a Israele per quello che sta facendo".

GRAFFITI ARABI A SHEIKH JARRAH RECITANO "NON CE NE ANDREMO". (FOTO: SALEH ZIGHARI)

"Quello che sta succedendo è che collettivamente, come quartiere, stiamo perdendo le nostre case attraverso lo spostamento forzato e l'espropriazione da parte delle organizzazioni di coloni che lavorano in collusione con lo stato".

El-Kurd ha detto che non crede che la parola "apartheid" sia sufficiente per descrivere ciò che sta accadendo a Sheikh Jarrah, dicendo che il termine "pulizia etnica" racchiude meglio la realtà di ciò che sta accadendo nel quartiere.

"È una Nakba", ha detto, "che continua ad accadere ad altri quartieri e comunità nello stesso modo in cui accadde nel 1948. Stiamo vedendo i nostri quartieri che vengono spazzati via davanti ai nostri occhi".

El-Kurd ha detto che una delle sue più grandi paure è che tra 10 anni, quando camminerà per il suo quartiere, non troverà più i ricordi del posto in cui è cresciuto.

"Se queste organizzazioni di coloni hanno successo, passeremo per il quartiere e vedremo solo insediamenti", ha detto. "Ci saranno persone che scriveranno di Sheikh Jarrah come un lontano ricordo".

"Voglio che il mondo sappia che, qualunque cosa accada, resteremo fermi al cento per cento nelle nostre convinzioni e nella verità storica che questa è la nostra terra. Non ce ne andremo, a meno che non ci trascinino con la forza fuori dalle nostre case".

Yumna Patel è il corrispondente dalla Palestina per Mondoweiss.

Foto: Saleh Zighari

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanItalian (Standard)Portuguese (Brazil)SpanishPortuguese (Portugal)
Author
Yumna Patel
Translators
Margherita Battistara and Amina Attia El Tabakh
Date
29.04.2021

More in Housing and Land Rights

Housing and Land Rights

Indorewala & Wagh: City Planning Before and After the Pandemic

Housing and Land Rights

“It is a Nakba”: Inside The Campaign to save Sheikh Jarrah

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell