Announcements

I lavoratori di Amazon in tutto il mondo lanciano un'azione per far sì che Amazon paghi tutti i suoi lavoratori

I lavoratori di Amazon, i sindacati e i loro sostenitori in tutto il mondo, stanno esprimendo il loro sostegno ai lavoratori nella supply chain di Amazon, in una dimostrazione di unità globale tra i lavoratori dei magazzini, delle consegne e dell'abbigliamento.
Mercoledì 26 maggio 2021, mentre Amazon tiene la sua assemblea annuale degli azionisti, i lavoratori e i sindacati di tutto il mondo parteciperanno a una giornata globale di azione in solidarietà con i lavoratori della catena di approvvigionamento di Amazon in Bangladesh e Cambogia.
Mercoledì 26 maggio 2021, mentre Amazon tiene la sua assemblea annuale degli azionisti, i lavoratori e i sindacati di tutto il mondo parteciperanno a una giornata globale di azione in solidarietà con i lavoratori della catena di approvvigionamento di Amazon in Bangladesh e Cambogia.

Amazon, attualmente primo rivenditore di moda negli Stati Uniti, attinge ad una vasta rete di circa 1400 fabbriche in tutto il mondo, comprese centinaia di fabbriche di abbigliamento. Ma nonostante i profitti record durante la pandemia, Amazon si rifiuta di assicurare che gli operai licenziati ricevano le indennità di licenziamento che sono loro dovute, secondo un recente rapporto del Worker Rights Consortium. Così come i magazzinieri e i fattorini, ora anche gli operai appartenenti alla parte meno in superficie del sistema globale di sfruttamento di Amazon stanno sfidando la grande azienda.

In Bangladesh, i lavoratori tessili sindacalizzati, licenziati a ottobre quando il fornitore di Amazon, Global Garments, chiuse, chiedono che la fabbrica riapra, riassuma i 1.200 membri del sindacato e dia loro gli stipendi arretrati.

Rintu Barua, che ha lavorato nella fabbrica per 20 anni nel controllo qualità e che ora è nella lista nera a causa del suo attivismo sindacale, ha detto:

"La chiusura della fabbrica ci ha tolto i mezzi per sopravvivere. Ho cercato di trovare un nuovo lavoro per più di sei mesi. Ma poiché ero un leader sindacale alla Global Garments, nessuno nell'industria mi vuole assumere".

In Cambogia, gli ex lavoratori del fornitore di Amazon, Hulu Garment, chiedono ad Amazon di garantire loro la piena liquidazione prevista dalla legge. Hulu Garment sospese tutta la sua forza lavoro di 1.020 lavoratori all'inizio della pandemia, nel marzo 2020. Alla fine del periodo di sospensione, i lavoratori furono chiamati a firmare un documento con l'impronta del pollice per ricevere il loro ultimo salario. I lavoratori firmarono il documento, senza rendersi conto che, al suo interno, era nascosta una frase che affermava le loro dimissioni volontarie dal ruolo. In questo modo, la Hulu Garment ha trattenuto 3,6 milioni di dollari di liquidazione dovuti ai lavoratori.

Yi Sokunthea, che ha lavorato alla Hulu Garment per 15 anni, ha detto:

"Ho due figli e genitori anziani che dipendono da me. Ho dovuto ridurre le mie spese quotidiane del 50%. Ho dovuto ritirare i miei figli dalla scuola per un po'".

Mentre i lavoratori lottano con i salari non pagati, l'abbattimento dei sindacati e le cattive condizioni di lavoro, i profitti netti di Amazon sono aumentati dell'84% durante il 2020 grazie alla pandemia, con un valore attuale netto di 314,9 miliardi di dollari.

I lavoratori di Amazon, i sindacati e i loro sostenitori in tutto il mondo, stanno esprimendo il loro sostegno ai lavoratori nella supply chain di Amazon, in una dimostrazione di unità globale tra i lavoratori dei magazzini, delle consegne e dell'abbigliamento.

La campagna Make Amazon Pay, una coalizione composta da più di 50 gruppi co-convocati da UNI Global Union e l’Internazionale Progressista, ha pianificato azioni presso i siti Amazon in paesi di cinque continenti, tra cui Regno Unito, Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Bangladesh, Svizzera, Australia, USA, Costa Rica, Colombia e Messico.

Casper Gelderblom, il coordinatore dell’Internazionale Progressista per Make Amazon Pay, ha detto:

"Amazon è la corporazione più potente del mondo, e il suo CEO Jeff Bezos è l'uomo più ricco del pianeta. Questo potere e questa ricchezza dipendono interamente dal lavoro di centinaia di migliaia di lavoratori in tutto il mondo. I lavoratori creano il prodotto che comprate, lo confezionano e lo consegnano a casa vostra. I lavoratori, non Bezos, fanno funzionare il mondo di Amazon.

"In tutto il mondo, i lavoratori che producono i profitti di Amazon stanno iniziando a rivendicare i loro diritti. In tutta la sua supply chain, Amazon si rifiuta di pagare ai lavoratori il rispetto e i salari che meritano. I produttori, i distributori e gli autisti di Amazon stanno dicendo a Jeff Bezos forte e chiaro: paga i tuoi lavoratori".

Christy Hoffman, segretaria generale di UNI Global Union, ha dichiarato:

"Amazon deve pagare tutti i suoi lavoratori - ovunque risiedano, qualunque sia la loro occupazione. Ma, in definitiva, far pagare Amazon è parte di una lotta molto più grande per conquistare un nuovo mondo. Uno in cui i circuiti commerciali globali siano orientati non alla ricchezza e al potere dei miliardari e degli azionisti, ma alla salute e alla felicità delle persone che lavorano duramente e che li gestiscono."

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanFrenchSpanishItalian (Standard)
Author
Rasna Warah
Date
26.05.2021

More in Announcements

Announcements

Introducing: The Inaugural Blueprint Collection

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell