Housing and Land Rights

La nazione aborigena Wangan e Jagalingou si oppone a una nuova disastrosa miniera di carbone in Australia

I tradizionali proprietari terrieri aborigeni stanno conducendo una lotta decisa per fermare un progetto ecologicamente e culturalmente distruttivo.
Con il sostegno del governo australiano, la multinazionale Adani sta portando avanti uno dei più grandi e controversi progetti al mondo relativi ai combustibili fossili. La resistenza del popolo Wangan e Jagalingou è un simbolo della determinazione e della creatività di cui abbiamo bisogno per ottenere giustizia per i popoli indigeni e per il clima.
Con il sostegno del governo australiano, la multinazionale Adani sta portando avanti uno dei più grandi e controversi progetti al mondo relativi ai combustibili fossili. La resistenza del popolo Wangan e Jagalingou è un simbolo della determinazione e della creatività di cui abbiamo bisogno per ottenere giustizia per i popoli indigeni e per il clima.

Il popolo Wangan e Jagalingou è una nazione aborigena del Queensland centrale. Il loro paese fa parte del mitico entroterra australiano arido e polveroso. Ma, come loro ben sanno, è anche bagnato dalle sorgenti di Doongmabulla, le cui acque riempiono i fiumi Carmichael e Belyando.

Per i Wangan e Jagalingou, le sorgenti sono un luogo sacro. "Questa è l'unica fonte d'acqua nel nostro paese che è eterna e continua a vivere e a dare vita", dice Adrian Burragubba, un uomo Wangan e attivista aborigeno di lungo corso per i diritti della terra. "Quindi è essenziale per noi proteggere questo posto: perché è il nostro sogno, è il nostro passato, è il nostro presente ed è il nostro futuro".

È nella terra Wangan e Jagalingou che Adani spera di costruire la miniera di carbone Carmichael, uno dei progetti di combustibili fossili più grandi e controversi del mondo. Nei sessant'anni di attività previsti, la miniera dovrebbe esportare 2,3 miliardi di tonnellate di carbone e produrre 4,7 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra.

Nel 2019, Adani ha costretto Burragubba al fallimento a seguito di una serie di azioni legali fallite per fermare la miniera di carbone. Tuttavia, Burragubba non è solo. Altri si sono uniti alla lotta contro la miniera di Adani, compreso suo figlio, Coedie McAvoy. McAvoy ha parlato con Jacobin per raccontare il trattamento che Adani ha riservato al popolo Wangan e Jagalingou negli ultimi otto anni e per raccontare la storia della tenace resistenza del suo popolo.

Difendere la terra

Aprendo un nuovo filone di carbone nel bacino Galilee, la nuova miniera di Adani spianerebbe la strada ad altre miniere. Ulteriori aperture potrebbero anche avere effetti disastrosi di sbiancamento sulla Grande Barriera Corallina, che si trova proprio al largo del terminal carbonifero di Abbott Point, dove Adani esporterebbe il suo carbone. E l'IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) avverte che tutte le riserve di combustibile fossile esistenti non devono essere estratte se vogliamo evitare le forme più catastrofiche di cambiamento climatico. Per tutte queste ragioni, gli ambientalisti hanno combattuto contro la miniera per anni.

Per la nazione Wangan e Jagalingou, l'impatto della miniera è più diretto. Vedono nel suo enorme pozzo a cielo aperto una profanazione della loro terra. L'immenso uso di acqua della miniera (12,5 miliardi di litri all'anno, oltre a quella che pompano fuori dal pozzo) rappresenta una minaccia diretta al fragile sistema idrico della zona e alle vicine sorgenti di Doongmabulla.

Come racconta McAvoy, la nazione Wangan e Jagalingou ha respinto immediatamente le prime proposte di Adani:

Adani ci ha avvicinato per la prima volta nel 2012 per firmare un accordo di utilizzo della terra indigena (ILUA). Abbiamo rifiutato la loro offerta e sono dovuti ripartire da zero. Nel 2014, sono tornati e hanno organizzato una riunione di autorizzazione per far passare il loro ILUA, ma il gruppo l'ha rifiutato di nuovo.

Tuttavia, Adani non si è scoraggiata. Come dice McAvoy, "dopo il 2014, hanno usato tattiche disoneste. Hanno pagato alcune persone del nostro gruppo per dividerlo ed essenzialmente portare altra gente a votare per un ILUA".

Un'altra riunione nell'aprile 2016 ha portato a un voto apparentemente chiaro di 294 a 1 a favore della miniera. Ma la legittimità della riunione è sempre stata contestata. È stata oggetto di tre ricorsi falliti lanciati dal Consiglio delle Famiglie Wangan e Jagalingou.

Esaurite le opzioni legali, il Consiglio delle Famiglie Wangan and Jagalingou contesta ancora il risultato. McAvoy dice che molte persone che hanno votato alla riunione non erano nemmeno Wangan e Jagalingou e che sono state pagate per riempire i seggi e votare sì.

Molti altri presenti non avevano idea di ciò che stava accadendo alla riunione. Le persone che hanno organizzato la riunione, spiega McAvoy, sono state pagate in base al numero di persone che hanno portato e questi partecipanti sono stati istruiti su come votare. La decisione della riunione non è stata presa con un consenso preventivo e informato.

Allo stesso tempo, anche se la sua famiglia è tra i membri più importanti e impegnati della nazione Wangan e Jagalingou, non è stato permesso loro di partecipare. "Mi è stato rifiutato l'ingresso", ricorda McAvoy. "Così la nostra famiglia ha boicottato quell'incontro, e da allora stiamo combattendo quella riunione fasulla".

Diritto di proprietà indigeno

Gli anni passati a combattere Adani nei tribunali e nei media hanno avuto un effetto negativo sui membri della nazione Wangan e Jagalingou. Il padre di McAvoy è stato uno dei più importanti oppositori della miniera. Come spiega McAvoy:

È stato un grande sforzo per la nostra famiglia negli ultimi sei anni. È stato diffamato più volte dai media. . . Negli ultimi tre anni di lotta contro Adani, mio padre ha perso due fratelli e un figlio. E' stato un duro colpo, così ha dovuto farsi da parte e riprendersi. Ma da qualche parte troviamo il coraggio di andare avanti perché siamo una famiglia forte e crediamo in ciò che è giusto e corretto".

Nel frattempo, la nazione Wangan e Jagalingou ha sofferto il tipo di divisioni interne che sono tristemente comuni alle dispute sulle leggi sulla proprietà nativa. Queste leggi concedono agli indigeni diritti limitati sulle loro terre tradizionali, soggetti a un alto onere probatorio e a processi legali che spesso si svolgono molto tempo dopo che i proprietari tradizionali che li hanno avviati sono morti. Nelle parole di McAvoy:

Il sistema della proprietà nativa ha fatto quello che doveva fare: è progettato per dividere e conquistare, per eliminare le persone che si oppongono all'attività mineraria, isolarle e sostenere i proprietari tradizionali asserviti. È progettato per le compagnie minerarie, non per gli aborigeni. Anche quando si ottiene il diritto di proprietà non si ottiene nulla; tutto ciò che si ottiene è la possibilità di accamparsi e cacciare sulla propria terra con il permesso di un allevatore.

La lotta per la miniera Carmichael di Adani è stata la più importante battaglia per i diritti della terra in Australia negli ultimi anni. Tuttavia, più di vent'anni dopo che le nazioni Wangan e Jagalingou hanno presentato la loro rivendicazione di proprietà indigena, non è ancora stata risolta, certamente in parte a causa della proposta della miniera di Adani.

Ci sono stati anche diversi interventi straordinari del governo. Nel maggio 2017, con il sostegno dei laburisti, l'allora procuratore generale George Brandis intervenne per modificare la Legge sulla Proprietà Indigena. Questa mossa arrivò dopo che la Corte federale aveva annullato un accordo tra il governo dell’Australia Ovest e i proprietari tradizionali, sulla base del fatto che non tutti i rappresentanti del relativo clan indigeno o gruppo di rivendicazione lo avevano firmato.

La Coalizione considerava quella decisione come un potenziale precedente che avrebbe potuto sostenere il reclamo di Wangan e Jagalingou contro l’ILUA di Adani. Il cambiamento imposto da Brandis rende molto più facile per le compagnie minerarie e altri creare ILUA con una maggioranza apparente, escludendo i rappresentanti indigeni non allineati. Brandis incoraggiò il giudice che presiedeva il caso Wangan e Jagalingou a rimandare qualsiasi decisione contro Adani fino a quando non avesse cambiato la legge.

In seguito a questa mossa, nell'agosto 2019 il governo dello Stato del Queensland ha estinto la rivendicazione di proprietà di Wangan e Jagalingou sulle aree che Adani aveva affittato: una mossa senza precedenti nella storia della proprietà nativa dello Stato.

"Difendere le nostre posizioni"

Nel 2019, la nazione di Wangan e Jagalingou ha perso il suo terzo appello alla Corte federale. Adani ha poi avviato la procedura di fallimento contro Adrian Burragubba. McAvoy ribadisce che gli ostacoli legali non avrebbero mai dissuaso la sua famiglia dal resistere ad Adani:

La resistenza di Wangan e Jagalingou non è mai stata solo in tribunale: i tribunali sono un sistema di tipo occidentale che non riconosce veramente la nostra cultura e la nostra legge... sono corruttibili perché un politico può influenzare l'opinione di un giudice.

Diversi membri del Consiglio delle Famiglie viaggiarono per il mondo nel 2015, incontrando le maggiori istituzioni finanziarie per dissuaderle dal finanziare un progetto che non aveva l'approvazione dei proprietari tradizionali. Questa pressione, unita alle scoraggianti previsioni sulla sostenibilità economica della miniera, ha impedito ad Adani finora ad assicurarsi finanziamenti per la sua miniera Carmichael.

Tuttavia, Adani è andata avanti con una versione autofinanziata e significativamente ridimensionata della sua proposta originale. Con la miniera completamente approvata e i lavori ben avviati, il movimento di resistenza doveva cambiare la sua strategia.

Nel settembre 2019, McAvoy si è accampato nella concessione mineraria di Adani, creando un terreno per una corroboree [cerimonia tipica degli aborigeni australiani]. Adani attualmente detiene la terra con un contratto di locazione pastorale. Secondo la legge australiana, questo significa che deve essere condivisa con i pastori e gli indigeni richiedenti e detentori di proprietà.

I primi due soggiorni di McAvoy al campo sono stati brevi e solitari. Ma, nell'agosto 2020, è tornato con un gruppo di proprietari tradizionali Wangan e Jagalingou, altri aborigeni e sostenitori, ha bloccato la strada al campo per i lavoratori di Adani in un punto in cui si restringeva per una grata per il bestiame e ha acceso un fuoco cerimoniale. Per quattro giorni, il gruppo è rimasto sul posto alla grata per il bestiame, costringendo il personale di Adani a usare una strada secondaria per accedere ai cantieri. Non è stato semplicemente un blocco, come sottolinea McAvoy:

Ci sono altri modi per bloccare una strada, ma ho acceso intenzionalmente quel fuoco come simbolo di spiritualità, forza e potere. Un fuoco che è vivo e ha un significato spirituale che rende molto più difficile per la polizia gestirlo.

"Difendere la nostra posizione" è il nome che i Wangan e Jagalingou hanno dato alla nuova fase della loro campagna, riflettendo sia la militanza del campo che il legame con la terra sotto i loro piedi. È qui che la cultura e la protesta si intrecciano; è qui che la connessione con la terra va a braccetto con la protezione del paese.

Durante il blocco, i negoziatori della polizia hanno cercato di avviare lunghe conversazioni accanto al fuoco. Tuttavia, i Wangan e Jagalingou hanno detto loro che sarebbero rimasti finché Adani non se ne fosse andata. La quinta mattina, più di quaranta poliziotti del Queensland sono arrivati per sfrattare con la forza il gruppo, rimuovendo il loro fuoco sacro e riaprendo la strada bloccata.

Resistenza determinata

Coedie McAvoy, insieme a un gruppo di altri aborigeni, ha trascorso la maggior parte degli ultimi sei mesi accampato sul terreno di Adani. Il loro scopo è duplice: ostacolare le operazioni di Adani e praticare la cultura che stanno cercando di proteggere. "Sto scoprendo che più sto qui, più creo una connessione con la zona, con gli animali e gli uccelli, con gli alberi", spiega McAvoy. "Mi spinge ancora di più a combattere questa compagnia mineraria".

È stata una lunga e dura lotta per i Wangan e Jagalingou, che si sono trovati fianco a fianco in un movimento di massa di ambientalisti. Eppure ci sono state piccole ma importanti vittorie. Tutte le istituzioni finanziarie con cui i rappresentanti di Wangan e Jagalingou parlarono durante il loro tour globale hanno escluso di lavorare con Adani, insieme a quasi cento altre aziende. Adani ha ritardato e ridimensionato la sua miniera, e il progetto attualmente approvato è solo una frazione di quello che Adani aveva inizialmente proposto.

Per Adani, la miniera Carmichael non riguarda solo il carbone. Precedentemente incentrata sulle spedizioni, l'azienda è prevalentemente basata in India, dove è stata fondata. Il progetto Carmichael rappresenta sia un'espansione significativa in un paese straniero sia un'operazione completa di costruzione di infrastrutture che Adani spera genererà profitti significativi.

I sostenitori australiani di Adani, il Partito Nazionale Liberale del Queensland in particolare, hanno una forte motivazione ideologica per sostenere la miniera. I benefici economici sarebbero minimi, ma per loro rappresenterebbe una vittoria simbolica del capitale dei combustibili fossili sui "verdi" e sui settori dell'economia in crescita basati sull'energia verde e sui servizi. Sarebbe anche una vittoria sui popoli delle Prime Nazioni.

Per il popolo Wangan e Jagalingou la lotta continua. Nel maggio 2021, Coedie McAvoy spera di portare nel suo paese persone da tutta l'Australia. Ha aiutato a organizzare il Tour De Carmichael: una corsa in bicicletta dalla Gregory Highway al sito della miniera di Adani. "L'obiettivo", dice, "è quello di creare un evento ciclistico di massa assieme a un tour culturale guidato dai proprietari tradizionali. Chiunque non voglia la distruttiva miniera di Adani è invitato a partecipare".

Al di là di questo, McAvoy è ottimista e determinato: "Prevedo che avremo la forza e la capacità di superare Adani". La sua lotta, insieme alla lotta dei Wangan e Jagalingou, ci ricorda quanta strada dobbiamo fare per ottenere giustizia per gli indigeni e il clima. Dimostra anche il profondo legame tra l'azione per il clima e la sovranità aborigena, entrambi affrontando la potenza politica dell’industria mineraria come uno dei loro principali avversari.

Man mano che le realtà del collasso climatico diventano più chiare, campagne come quella contro Adani saranno cruciali, non solo per fermare progetti ecologicamente e culturalmente distruttivi, ma per far rivivere tradizioni, conoscenze e pratiche indigene che potrebbero rivelarsi vitali per la nostra sopravvivenza. E per gli attivisti ecologici, gli attivisti per la sovranità aborigena e i loro sostenitori, i Wangan e Jagalingou sono un simbolo della determinazione e della creatività di cui abbiamo bisogno per vincere.

Andy Paine è uno scrittore, giornalista e attivista. Ha trascorso gran parte degli ultimi tre anni nel Queensland centrale organizzando la resistenza alla costruzione della miniera Carmichael di Adani.

Foto: Andy Paine

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanSpanishItalian (Standard)FrenchTurkish
Author
Andy Paine
Translators
Annarita Natale and Amina Attia El Tabakh
Date
28.05.2021

More in Housing and Land Rights

Housing and Land Rights

Indorewala & Wagh: City Planning Before and After the Pandemic

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell