Health

Internazionalismo dei vaccini: così porremo fine alla pandemia

Il G7 sta prolungando la pandemia. Il Summit per l’Internazionalismo del Vaccino si sta organizzando per porvi fine.
La settimana scorsa, mentre il virus Covid-19 mieteva più di 10.000 vite ogni giorno, i leader del G7 si sono incontrati per discutere i loro piani di porre fine alla pandemia.
La settimana scorsa, mentre il virus Covid-19 mieteva più di 10.000 vite ogni giorno, i leader del G7 si sono incontrati per discutere i loro piani di porre fine alla pandemia.

Dall'ultima riunione del G7 a febbraio, un altro milione di persone sono morte a causa del Covid-19. Una nuova ondata della pandemia è decisamente qui e, con essa, l'avvertimento che il virus potrebbe mutare ulteriormente e diventare resistente ai vaccini esistenti.

Eppure, nonostante questa letale urgenza, in Cornovaglia non si sono concretizzati un piano e un impegno per vaccinare il mondo. Anche l'annunciata promessa di donare un miliardo di dosi di vaccino Covid-19 - una frazione degli 11 miliardi di dosi di cui il mondo ha bisogno, e distribuite in un anno e mezzo - è scesa a 870 milioni di dosi al momento della conclusione degli incontri, di cui solo 613 milioni sono veramente nuove.

Non possiamo seriamente aspettarci che i leader del G7 mettano in discussione un sistema sanitario globale che hanno costruito. Né possiamo aspettare nuove promesse di donazioni. Mentre i G7 posano per le fotografie sulla spiaggia, nuove varianti preoccupanti continuano ad accelerare l'assalto del virus: la variante Alpha nel Regno Unito, Beta in Sud Africa, Gamma in Brasile e ora Delta in India. Ogni minuto di ritardo nella cooperazione globale è un’altra intera comunità di vite a rischio.

Ad oggi, i paesi del G7 hanno acquistato più di un terzo della fornitura mondiale di vaccini, nonostante costituiscano solo il 13% della popolazione globale. L'Africa, nel frattempo, con i suoi 1,34 miliardi di persone, ha vaccinato un misero 1,8 per cento della sua popolazione. Il risultato: al ritmo attuale, i paesi a basso reddito aspetteranno 57 anni prima che tutti siano completamente vaccinati.

Ecco perché l'Internazionale Progressista sta riunendo una nuova alleanza planetaria di ministri del governo, leader politici e produttori di vaccini in un vertice di emergenza per un #InternazionalismodelVaccino.

In questo momento, ogni laboratorio, ogni fabbrica, ogni scienziato e ogni operatore sanitario deve essere autorizzato a produrre e fornire più vaccini per tutti, ovunque. Invece, i paesi ad alto e medio reddito hanno consumato più dell'85% della fornitura mondiale di vaccini. Molti non hanno fatto nulla per rinunciare ai monopoli dei brevetti sui vaccini. Nessuno di loro ha fatto nulla per forzare un trasferimento della tecnologia dei vaccini a tutto il mondo.

Oggi, mentre la maggior parte del mondo è alle prese con il fatto di non avere alcun vaccino, gli Stati Uniti e altri paesi ricchi sono alle prese con quelle che saranno presto enormi eccedenze di vaccini.

È chiaro: la fine di questa pandemia viene ora ritardata artificialmente. Potrebbe finire - potremmo produrre abbastanza vaccini in un anno, secondo Public Citizen - ma invece di condividere la tecnologia e cooperare per produrre vaccini, le potenti compagnie farmaceutiche stanno scegliendo di prolungarla. Il rapporto IQVIA sul mercato potenziale dei richiami è eloquente: si stima che saranno spesi 157 miliardi di dollari in tutto il mondo per i vaccini Covid-19 fino al 2025. I governi hanno già trasferito quantità straordinarie di denaro pubblico in tasche private, creando nove nuovi miliardari: dirigenti farmaceutici che hanno tratto profitto dal monopolio sui vaccini Covid-19. La loro ricchezza combinata è sufficiente per vaccinare completamente circa 780 milioni di persone nei paesi a basso reddito.

Questo non può continuare. Ora, delegazioni del Sud globale si stanno riunendo per dimostrare modelli di internazionalismo vaccinale: Cuba, Bolivia, Argentina, Messico, Kenya, Kerala e altri. Si uniscono al loro appello gli alleati del Nord globale, dal Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda, pronti a sfidare i loro governi e porre fine alla loro fedeltà a Big Pharma e a cedere il loro controllo sulle istituzioni sanitarie globali. Con produttori di vaccini come Virchow, Biolyse e Fiocruz che dichiarano la loro volontà di fare la loro parte, questa coalizione ha un semplice obiettivo: produrre, distribuire e consegnare vaccini per tutti.

Con questo summit, l'Internazionale Progressista lancia l'allarme: le nostre vite e la nostra libertà sono in pericolo, e la sovranità del Sud è in gioco. Queste forze progressiste si stanno unendo per preparare il terreno per un nuovo tipo di politica, dove la solidarietà è più di uno slogan.

Stiamo convocando un'alleanza planetaria per un #InternazionalismodelVaccino. Unisciti a noi.

Varsha Gandikota-Nellutla e Ana Caistor Arendar sono coordinatrici del Progressive International Summit for Vaccine Internationalism.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishSpanishGermanItalian (Standard)FrenchHindiPortuguese (Brazil)TurkishRussianArabicPortuguese (Portugal)
Authors
Varsha Gandikota-Nellutla and Ana Caistor Arendar
Translators
Diego Orlandi and Michele Fiorillo
Date
17.06.2021

More in Health

Health

Capitalism's Most Inhumane Display: The Covid-19 Vaccine Business

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell