Housing and Land Rights

Sotto Bolsonaro gli attacchi alle popolazioni amazzoniche sono aumentati vertiginosamente

Un nuovo rapporto rileva che la violenza contro gli indigeni, i quilombolas (comunità di discendenti di schiavi neri, N.d.T.) e i contadini è in aumento mentre i capitalisti di Bolsonaro continuano a divorare l'Amazzonia.
Il governo Bolsonaro è impegnato a consegnare le terre amazzoniche ai capitalisti brasiliani e stranieri. Mentre il loro sfruttamento continua, il conflitto violento per la terra e l'acqua in Amazzonia si è intensificato - aumentando dell'8% nel 2020, il livello più alto nei 35 anni in cui questo rapporto è stato redatto. Molti di questi attacchi provengono dallo stato stesso.
Il governo Bolsonaro è impegnato a consegnare le terre amazzoniche ai capitalisti brasiliani e stranieri. Mentre il loro sfruttamento continua, il conflitto violento per la terra e l'acqua in Amazzonia si è intensificato - aumentando dell'8% nel 2020, il livello più alto nei 35 anni in cui questo rapporto è stato redatto. Molti di questi attacchi provengono dallo stato stesso.

La violenza contro le popolazioni amazzoniche non è una novità. Man mano che i capitalisti - compagnie minerarie, proprietari terrieri e lo stesso Stato - si impadroniscono di sempre più terra e risorse della regione, inevitabilmente affrontano, e poi espropriano violentemente, le comunità indigene, i quilombolas e i contadini che ci vivono. Sotto il governo di Bolsonaro, questi "conflitti" - più propriamente considerati violenza unilaterale contro chi cerca solo di mantenere il diritto alle proprie risorse - sono aumentati a livelli senza precedenti.

Un nuovo rapporto della Commissione per la terra pastorale (CPT) pubblicato il mese scorso indica un numero record di conflitti agricoli nel 2020, con 2.054 casi registrati. L'Amazzonia legale - una regione formata dagli stati del Nord, Mato Grosso e la maggior parte del Maranhão - è stata il principale centro di violenza nelle campagne brasiliane, con il 77% di tutti i casi.

Nel complesso, l'indagine indica un aumento dell'8% del numero di conflitti registrati nelle campagne, da 1.903 nel 2019 a 2.054 nel 2020, raggiungendo il numero più alto nei 35 anni di storia del rapporto della CPT. Nel 2018, un anno prima che Bolsonaro entrasse in carica, erano 1547.

Anche il numero di ettari in conflitto è salito alle stelle, raggiungendo 77.442.957 nel 2020, rispetto ai 53.313.244 del 2019 - un aumento del 45%. L'anno scorso, il territorio conteso era quasi il doppio di quello del 2018, quando era di 39.425.494 ettari.

Nel 2020, diciotto persone, sette delle quali indigene, sono morte a causa dei conflitti. Nel 2019 erano 32.

Anche se il numero di conflitti per l'acqua è diminuito rispetto al 2019, sono ancora molto più alti di quelli registrati nei periodi precedenti. Ce ne sono stati 350 nel 2020 e 509 nel 2019, rispetto ai 279 del 2018.

Per la ricercatrice Patrícia Rosa Chaves, docente di Geografia Umana all'Università Federale di Amapá (Ufap) e specialista in Geografia Agraria, i dati suggeriscono un consolidamento del modello di concentrazione della violenza agraria nell'Amazzonia legale, una tendenza iniziata nel 2015. Chaves è una dei consulenti della CPT responsabili dell'analisi dei dati.

CON BOLSONARO, I CONFLITTI CAUSATI DAL GOVERNO AUMENTANO

"Nonostante gli attacchi, l'Amazzonia dovrebbe essere una regione sotto protezione per il numero di riserve ambientali e territori indigeni", dice. "Ma l'attuale governo è impegnato a consegnare questi beni naturali ai capitalisti brasiliani e stranieri". Sottolinea che l'idea di sfruttare l'Amazzonia in collaborazione con i paesi alleati era sempre stata nel programma di governo di Bolsonaro, replicando il progetto della dittatura militare.

Durante i primi due anni dell'amministrazione di Jair Bolsonaro il numero di conflitti nelle campagne in cui il governo stesso era l'aggressore è aumentato vertiginosamente. La CPT ha registrato 311 casi, sette volte il numero osservato durante l'amministrazione di Dilma Rousseff (PT), quando il governo federale era l'aggressore in 45 casi. I principali obiettivi di questa offensiva condotta con la partecipazione diretta o l'appoggio del governo sono le popolazioni indigene, i quilombolas e i lavoratori dell'industria estrattiva. Questo numero non tiene conto dell'appoggio politico agli altri aggressori: proprietari terrieri, cercatori d'oro e accaparratori di terre.

Patrícia nota che la retorica di Bolsonaro fa eco al falso argomento che la regione è un vuoto demografico. "Il numero stesso di conflitti e di famiglie colpite dimostra la falsità dell'argomento", spiega. "E dobbiamo ricordare che le famiglie di campagna, specialmente quelle dei popoli tradizionali e originari, hanno più membri della maggior parte dei centri urbani". I 1.576 casi di conflitti nell'Amazzonia legale nel 2020 hanno colpito 171.000 famiglie.

LA PANDEMIA RENDE LE COMUNITÀ PIÙ VULNERABILI

Durante la pandemia, questi "conflitti" sono diventati ancora più asimmetrici: "Questi non sono casi in cui queste comunità stanno occupando delle terre [come strategia di protesta]. Stanno solo vivendo nei loro territori, lottando per sopravvivere, affrontando l’impatto del Covid-19, e sono attaccati da coloro che vogliono sfruttare quelle terre".

Con poca protezione e politiche sanitarie precarie anche prima della pandemia, queste popolazioni hanno sofferto doppiamente, come dimostrano le cifre sui morti indigeni e quilombola a causa del coronavirus.

Gli attacchi a queste popolazioni ha determinato il sorpasso della regione del Nord sul Nordest per numero di conflitti agrari. Il cambiamento è iniziato nel 2015 e si è consolidato negli ultimi due anni. Nel 2020 anche piccoli stati del Nord come Acre e Amapá erano tra i dieci stati con il maggior numero di conflitti.

"Amazonas non è tra i dieci stati con il maggior numero di conflitti, ma i conflitti coinvolgono anche lì una grande popolazione", commenta Patrícia. La regione più critica è il cosiddetto Bico do Papagaio, al confine del Pará con Maranhão e Tocantins, nell'Amazzonia legale. Con parte del suo territorio nell'Amazzonia legale e anche nel Matopiba, il Maranhão è lo stato con il più alto numero di conflitti.

La ricercatrice ha anche condiviso le preoccupazioni sul calo dei numeri riguardanti il lavoro forzato: "Non è un segno che il lavoro degradante e lo sfruttamento siano diminuiti, ma piuttosto che le indagini e il monitoraggio delle denunce da parte del potere pubblico hanno perso slancio".

Leonardo Fuhrmann è un cronista di De Olho nos Ruralistas.

Foto: Raissa Azeredo / Mídia Ninja, Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanPortuguese (Brazil)FrenchItalian (Standard)Spanish
Author
Leonardo Fuhrmann
Translators
Chiara Lilli and Amina Attia El Tabakh
Date
05.07.2021

More in Housing and Land Rights

Housing and Land Rights

Indorewala & Wagh: City Planning Before and After the Pandemic

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell