Statements

L'eredità distopica di Bezos va ben oltre Amazon

Nei suoi 27 anni come Amministratore Delegato di Amazon, Jeff Bezos ha sostenuto tattiche altamente invasive in cui i lavoratori sono incessantemente monitorati, valutati e sottoposti a condizioni estenuanti. Queste tattiche si stanno ora diffondendo rapidamente nei centri logistici dell'e-commerce e presso altri datori di lavoro e industrie.
Nel nuovo rapporto "The Amazon Panopticon" (Il Panottico di Amazon), UNI Global Union cataloga i vari metodi che Amazon usa per accumulare pressione sui lavoratori attraverso una sorveglianza e un monitoraggio estremi.
Nel nuovo rapporto "The Amazon Panopticon" (Il Panottico di Amazon), UNI Global Union cataloga i vari metodi che Amazon usa per accumulare pressione sui lavoratori attraverso una sorveglianza e un monitoraggio estremi.

All'inizio di questo mese, Jeff Bezos, il miliardario che ha costruito un impero aziendale sulle spalle dei lavoratori, si è dimesso da Amministratore Delegato di Amazon. Nel costruire il suo conglomerato in continua espansione tra il commercio online, logistica, nuvola informatica, intrattenimento, alimentari, e quasi tutto il resto, Bezos si è basato su una visione distopica in cui i dipendenti sono incessantemente monitorati, valutati e sottoposti a pressioni elevate e condizioni estenuanti. Questo modello è così disumano che, come il New York Times ha recentemente riportato, "Amazon brucia i lavoratori così rapidamente che i dirigenti sono preoccupati di rimanere senza persone da assumere". Bloomberg News ha anche riportato che gli autisti di Amazon sono stati "licenziati dall'applicazione" per piccoli incidenti che un responsabile in carne e ossa avrebbe ignorato.

In risposta alle dimissioni di Bezos, UNI Global Union ha pubblicato "The Amazon Panopticon", che cataloga i vari metodi che Amazon usa per accumulare pressione sui lavoratori attraverso una sorveglianza e un monitoraggio estremi. Individualmente, nessuno di questi metodi di monitoraggio è completamente nuovo, ma il culmine di tutta la tecnologia sul posto di lavoro di Amazon crea un ambiente di controllo senza precedenti nel recente passato.

Le tattiche invasive dell'azienda si stanno diffondendo rapidamente nei centri logistici legati al commercio online, e anche presso altri datori di lavoro e industrie, con un ritmo e una scala mai visti prima.

Per esempio, nell'industria dei call center, insieme alla rapida introduzione del telelavoro, le aziende stanno dispiegando sofisticati programmi di monitoraggio nelle case dei loro lavoratori: essenzialmente prendendo il modello panopticon dal magazzino (di Amazon) e mettendolo nelle camere da letto dei dipendenti, nelle loro cucine e, se sono fortunati, nei loro uffici casalinghi.

L’inganno? A questi lavoratori è anche richiesto di essere monitorati senza sosta, alcuni con telecamere accese per tutto il periodo di lavoro, il che invade necessariamente la privacy delle loro case.

Quindi la domanda successiva è, supponendo che non vogliamo che i lavoratori passino 40 ore a settimana o più a consegnare il loro corpo a un sorvegliante, o che ci siano telecamere nelle nostre camere da letto: cosa possiamo fare?

I lavoratori stanno esprimendo la loro opinione con la fuga. L’avvicendamento tra i lavoratori è alto sia a Teleperformance, il più grande datore di lavoro dei call center (circa l'80% all'anno) che ad Amazon, il 150%. E tuttavia fuggire da un lavoro non è una risposta a lungo termine, dato che questa tecnologia disumanizzante diventa sempre più la norma ovunque.

I regolatori si lamentano che la tecnologia è troppo complicata da controllare e che le aziende tecnologiche troveranno una soluzione per ogni regola. "Se i lavoratori danno il consenso, va bene?" si chiedono i datori di lavoro. Ma con il potere contrattuale ineguale di un singolo lavoratore, la libera scelta non è esattamente sul menu.

I sindacati di tutta Europa hanno chiesto che l'UE regoli il pericolo di abusi nell'uso dell'intelligenza artificiale sul lavoro come parte delle prossime direttive sulla digitalizzazione. L'élite politica ovunque chiede un uso "etico" dell'Intelligenza Artificiale.

Ma mentre capiamo esattamente cosa significa "etico", ci sono alcuni modi provati e veri per regolare il monitoraggio abusivo associato alla gestione algoritmica nel mondo del lavoro.

In primo luogo, i sindacati devono avere il potere di negoziare i termini del monitoraggio, compreso come e quante informazioni sui lavoratori vengono raccolte e la conservazione di questi dati. I sindacati dovrebbero anche influenzare la progettazione degli algoritmi che usano questi dati, e gli obiettivi di produzione e le azioni disciplinari che ne possono derivare.

I sindacati hanno tradizionalmente negoziato l'introduzione di nuove tecnologie e le loro implicazioni per i lavoratori, compresa la capacità di monitoraggio. Nei call center statunitensi, il sindacato CWA (Communications Workers of America) ha negoziato per limitare il monitoraggio. La conservazione dei dati o la disciplina basata sul monitoraggio è proibita. I sindacati spagnoli hanno recentemente ottenuto il diritto di negoziare sull'algoritmo nel settore dei taxi basato su applicazioni.

In secondo luogo, e specialmente dove non c'è un contratto collettivo che limiti la pratica, i regolatori dovrebbero vietare le telecamere e altre forme di monitoraggio continuato sul lavoro.

I minatori di carbone, tipicamente ben rappresentati dai sindacati, hanno accettato da tempo le telecamere nelle miniere di carbone come forma di protezione, nel caso in cui ci sia un crollo o qualche altro evento imprevisto che colpisce la sicurezza di tutti giù in basso. In effetti c'è spazio per le telecamere se c'è una reale preoccupazione per la salute e la sicurezza. Ma, a meno che non ci sia una tale preoccupazione, le telecamere e gli strumenti di ascolto o di osservazione non dovrebbero mai essere permessi ininterrottamente in un luogo di lavoro.

In terzo luogo, gli ispettorati e i regolatori della salute e della sicurezza dovrebbero riconoscere l'impatto psichico e fisico di questa nuova tecnologia. Dovrebbero sviluppare strumenti e regole per assicurare che il posto di lavoro rimanga libero da obiettivi che richiedono di spezzarsi la schiena per essere raggiunti e dal terrorismo psichico che degrada i lavoratori nel corpo e nello spirito. Tutti i lavoratori dovrebbero avere comitati per la salute e la sicurezza sul lavoro eletti democraticamente.

Infine, gli esseri umani devono rimanere al comando delle conseguenze della gestione algoritmica. Qualsiasi decisione disciplinare o di licenziamento deve essere presa da un umano, non da un algoritmo. I paesi che già vietano i licenziamenti ingiusti dovrebbero inserire questo punto nel quadro giuridico. Per quelli che non hanno alcuna regolamentazione esistente su questo tema, è il momento di farsi avanti e cambiare rotta.

C'è stato molto scalpore e shock tra i politici che stanno mettendo in discussione il modello Amazon e si chiedono: è davvero questo il futuro del lavoro che vogliamo? Un futuro in cui i corpi dei lavoratori fungono da braccia robotiche per comandi impartiti da programmi di gestione algoritmica attraverso scanner palmari, che dettano ogni mossa, senza lasciare spazio all'errore o alla discrezione. La risposta dovrebbe essere un clamoroso no.

Christy Hoffman è il segretario generale di UNI Global Union.

Foto: Daniel Oberhaus, 2019, Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishFrenchItalian (Standard)Portuguese (Brazil)GermanSpanish
Author
Christy Hoffman
Translators
Amina Attia El Tabakh and Elisa Ciraci
Date
09.07.2021

More in Statements

Statements

Comelli: The Debt Narrative is Dead Wrong

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell