Housing and Land Rights

I contadini indonesiani lottano per recuperare la loro terra

Per gli abitanti del villaggio Pakel in Indonesia, la lotta contro il furto delle loro terre e la distruzione ambientale dura da 100 anni. E la loro lotta non è ancora finita.
Prima contro il governo coloniale olandese, poi contro i governanti autoritari indonesiani post-indipendenza: la lotta dei contadini di Pakel è un'ispirazione per la lotta per la terra e la dignità ovunque.
Prima contro il governo coloniale olandese, poi contro i governanti autoritari indonesiani post-indipendenza: la lotta dei contadini di Pakel è un'ispirazione per la lotta per la terra e la dignità ovunque.

La lunga storia di lotta per i diritti alla terra mostra come la vita in un paese indipendente sia ancora lontana da ciò che la gente di Pakel si aspettava. Pakel è un villaggio situato nel distretto di Licin della reggenza di Banyuwangi, la zona più remota di Java orientale, in Indonesia. Si trova nella parte superiore di una zona collinare circondata da foreste. Anche se quest'area sembra verde e serena se vista da lontano, non può essere categorizzata interamente come una foresta perché molte parti sono adibite alla monocoltura di piante coltivate da una società chiamata PT Bumi Sari, che ha gestito le terre dei residenti per decenni. Oltre alle aree gestite da questa società, c'è anche una foresta di produzione molto grande controllata in modo dominante da Perhutani, un'impresa statale.

Prendendo in prestito le parole di Dianto Bachriadi nel suo libro del 2020 “Manifesto per la ristrutturazione del controllo del territorio forestale” (Manifesto Penataan Ulang Penguasaan Tanah Kawasan Hutan), l'area che vediamo ora non è una foresta ma piuttosto un territorio la cui funzione è cambiata, sebbene sia ancora classificata legalmente come area di foresta produttiva. In altre parole, è una pseudo-foresta. Anche se legalmente quest'area è ancora considerata un'area di foresta produttiva, in realtà ora ha terreni agricoli, insediamenti e piantagioni di legname.

Possiamo trovare questa situazione nelle aree che sono territorialmente rivendicate come aree di gestione della Perhutani, compreso il villaggio di Pakel. La copertura forestale è stata persa, e la sua designazione è cambiata: da foresta di produzione a terreno agricolo, e persino insediamenti. Poiché è ancora rivendicata come area di foresta produttiva per quanto riguarda la concessione della Perhutani che è gestita dall'Unità di Gestione Forestale (KPH) nel Banyuwangi occidentale e copre un'area di 716,5 ettari, la proprietà non permette agli abitanti del villaggio e al villaggio stesso di gestire l'area. Oltre ad avere a che fare con la rivendicazione territoriale della Perhutani, i residenti di Pakel devono anche fare i conti con la rivendicazione della PT Bumi Sari, che sostiene di avere un permesso per attività di piantagione nell'area del villaggio di Pakel. In realtà, come riconosciuto dai Servizi Agriculturali e Alimentari di Banyuwangi, l'area di piantagione della PT Bumi Sari si trova solo nel villaggio di Bayu, nel distretto di Songgon. Sorge quindi una grossa domanda. Non si tratta forse di un caso di accaparramento di terre? E perché non è stata intrapresa alcuna azione?

Questa condizione solleva grandi domande tra sentimenti di meraviglia e tristezza. Pakel è ora un villaggio fiancheggiato da due gigantesche compagnie, ed entrambe stanno giocando con la legalità per effettuare la divisione territoriale o la territorializzazione, come se fosse il loro territorio tanto per cominciare. In realtà ci sono residenti nella zona che dipendono da questa terra e dalla foresta per il loro sostentamento, ma che hanno un accesso limitato all’area. Alcuni coltivano in questa zona in modo indipendente, altri collaborano con la Perhutani e altri ancora diventano lavoratori delle piantagioni. Quindi, i residenti di Pakel sono per lo più fittavoli, braccianti agricoli e lavoratori delle piantagioni, che ora si sentono emarginati a causa di queste rivendicazioni sulla loro area in nome della legalità e della legittimità statale.

Diritti dei residenti di Pakel

Qualche tempo fa, il 24 marzo 2021, il giornale online indonesiano di Java Orientale WALHI Jatim ha pubblicato una cronologia di un secolo di resistenza dei contadini di Pakel. Questa cronologia è stata compilata sulla base della "Akta 29" o lettera dei diritti dell'epoca coloniale che è ancora archiviata dai residenti, ed è stata consultata da diverse reti accademiche, comprese università come Brawijaya, Widayagama e Diponegoro. Inoltre, i residenti di Pakel conservano ancora le registrazioni delle loro lotte del passato, il che rende più facile compilare la cronologia.

La lotta dei residenti di Pakel iniziò nel 1925. C'erano circa 2956 persone che erano rappresentate da sette individui. Uno di questi rappresentanti era Doelgani, che lottò senza sosta. Presentarono una richiesta al governo coloniale olandese per aprire le foreste Sengkan Kandang e Keseran, che si trovano a Pakel, Licin e Banyuwangi. Quattro anni dopo, l'11 gennaio 1929, la loro petizione fu approvata. A queste sette persone fu concesso il diritto di aprire le aree forestali per circa 4000 spalle (3000 ettari) dal Reggente di Banyuwangi, R.A.A.M. Notohadi Suryo. Nel loro viaggio, nonostante avessero la "Akta 1929" come base per i loro diritti, le attività di disboscamento della foresta e di piantagione di colture furono portate avanti da Doelgani e dagli altri rappresentanti. Spesso dovettero affrontare varie intimidazioni e atti di violenza da parte del governo coloniale olandese, che continuarono anche nell'era giapponese. Nonostante ciò, Doelgani e gli altri continuarono a difendere e a coltivare la terra "Akta 1929".

Dopo l'indipendenza della Repubblica d'Indonesia, cercarono di lottare per i loro diritti sul disboscamento come indicato nella "Akta 1929" con il governo della Repubblica d'Indonesia, attraverso il Reggente di Banyuwangi. Fino all'emanazione della Legge Agraria Fondamentale del 1960, lo sforzo di riforma agraria non aveva ancora raggiunto l'area di Banyuwangi, ma i contadini erano ancora in attesa e svolgevano attività agricole. Nel settembre 1965, una sanguinosa tragedia causò una sfortunata catena di eventi che colpì la gente di Sumberejo Pakel. Furono accusati di essere del PKI (Partito Comunista Indonesiano), costringendo persone come Doelgani a scomparire improvvisamente. Alcune persone non potevano parlare, perché c'era sempre la minaccia che chiunque lottasse per i propri diritti sarebbe stato dipinto come uno del PKI.

Negli anni '70, l'area "Akta 1929" nel villaggio di Pakel, che era storicamente coltivata da agricoltori, fu rivendicata come appartenente alla piantagione della PT Bumi Sari. Eppure, nel decreto del Ministero degli Affari Interni SK.35 / HGU / DA / 85 del 13 dicembre 1985 si affermava che la PT Bumi Sari avesse solo diritti di uso commerciale (HGU) su una superficie di 11.898.100 metri quadrati o 1189,81 ettari, divisi in 2 certificati: Certificato HGU Numero 1 Kluncing, che copriva un'area di 1.902.600 metri quadrati e Certificato HGU Numero 8 Songgon, che copriva un'area di 9.995.500 metri quadrati. Chiaramente, questi due decreti rendono evidente come Pakel non faccia parte dell'area assegnata alla PT Bumi Sari.

In mezzo al clima politico repressivo del regime autoritario del Nuovo Ordine, i residenti di Pakel scelsero di rimanere in silenzio e di non combattere apertamente. Nel frattempo, la PT Bumi Sari continuò a rivendicare la HGU fino al villaggio di Pakel.

Nel 1999, dopo le dimissioni di Suharto, i residenti di Pakel occuparono l'area "Akta 1929". Come risultato, il 17 agosto 1999, diversi residenti furono arrestati, imprigionati e subirono vari atti di violenza fisica da parte delle forze di sicurezza. Anche nel 2001, i residenti di Pakel tornarono ad occupare l'area "Akta 1929". In risposta, tutte le abitazioni e le piante sul terreno furono bruciati dall'apparato di sicurezza dello stato. Questo incidente causò l'abbandono della scuola da parte della maggior parte dei giovani di Pakel. Diversi residenti furono anche costretti a lasciare il villaggio di Pakel per evitare di essere arrestati e inseguiti dalle forze di sicurezza.

Il decreto del reggente di Banyuwangi “188/402 / KEP / 429.011 / 2015 riguardante la determinazione e la conferma del confine del villaggio di Pakel, distretto di Licin, reggenza di Banyuwangi” confermò che non c'era nessuna HGU di appartenenza della PT Bumi Sari nel villaggio di Pakel, Licin, Banyuwangi. Ciò fu confermato da una circolare della BPN Banyuwangi, 280 / 600.1.35.10 / II / 2018, e datata 14 febbraio 2018, che ribadì che il terreno del villaggio di Pakel non era incluso nella HGU della PT Bumi Sari. Ma in realtà, ancora oggi, la PT Bumi Sari controlla la terra.

La popolazione di Pakel è di circa 2.760 persone. L'area del villaggio di Pakel copre 1.309,7 ettari. Tuttavia, in realtà, gli abitanti del villaggio hanno solo il diritto di gestire un'area di circa 321,6 ettari perché la PT Bumi Sari sostiene di controllare 271,6 ettari, e 716,5 ettari sono controllati dalla Perhutani KPH West Banyuwangi. Di conseguenza, possiamo immaginare i problemi che i cittadini stanno affrontando. Con una terra così limitata, cosa si può coltivare?

Non sorprende che molti residenti di Pakel scelgano di emigrare nelle grandi città o di cercare lavoro in altri settori. Questo problema che ha preso in ostaggio gli abitanti di Pakel non è altro che una conseguenza della storia dell’accaparramento di terre legittimato dallo stato. Da un lato, la Perhutani ha incluso gran parte dell'area del villaggio di Pakel nella categoria di foresta produttiva anche se alcune aree sono chiaramente agricole. Dall'altro lato, c'è una terra del villaggio che è rivendicata unilateralmente dalla PT Bumi Sari.

Riappropriazione come modo di lottare

Il 24 settembre 2020, i residenti che avevano precedentemente costituito un'organizzazione chiamata Rukun Tani Sumberejo Pakel, si sono attivati per occupare la terra rivendicata dalla PT Bumi Sari. Questa azione è un'affermazione del loro diritto alla terra. Per quasi dieci anni hanno lottato supplicando la "gentilezza" del governo, ma senza successo. Sono stati ignorati e non sono stati considerati come cittadini con il diritto legittimo di gestire la loro terra e di vivere. Finché non hanno capito che la riappropriazione è l'unico modo per riavere i loro diritti erosi, lottando per il riconoscimento.

Scegliere il passo della riappropriazione nel mezzo di una situazione repressiva non è facile. Invece di ottenere il riconoscimento dei loro diritti di gestione, hanno visto arrivare la minaccia di criminalizzazione. Prima della rivendicazione, i residenti di Pakel hanno subito intimidazioni e tentativi di criminalizzazione. Diverse persone sono state convocate dalla polizia, e c'è stata una persona che ha finito per essere imprigionata, anche se alla fine è stata rilasciata. Ora affrontano una minaccia simile, in cui due cittadini sono stati criminalizzati come risultato di questa azione.

Questo modello di riappropriazione è simile a quello che viene chiamato riforma agraria per leva o "riforma agraria dal basso". Secondo Wiradi (in Sutaryono, Nugroho & Afifi, 2014), la riforma agraria per leva è uno sforzo per incoraggiare cambiamenti in certe strutture di proprietà della terra avviati direttamente dagli agricoltori in modo organizzato. I cittadini propongono apertamente che la terra che controllano sia riconosciuta dallo Stato piuttosto che aspettarsi il bene dello Stato (per grazia). Se non viene riconosciuta, continuano ad occuparla e a gestirla.

Questa storia degli abitanti di Pakel ci mostra il lungo cammino di lotta per i loro diritti. Il programma di riforma agraria del regime di Jokowi, che doveva risolvere il problema della disuguaglianza con la ridistribuzione delle terre e i conflitti agrari, non ha ancora prodotto alcun risultato. Perché? Facendo riferimento alla ricerca di Lutfi (2018), il programma di riforma agraria di Jokowi, in pratica, cerca solo di accelerare la registrazione della terra per la certificazione, piuttosto che risolvere la disuguaglianza e i conflitti agrari. Il risultato è che oggi stiamo ancora assistendo a tanti casi di conflitti agrari e lotte dal basso, come il caso di Pakel, Banyuwangi.

Wahyu Eka Setyawan è responsabile della campagna di WALHI East Java e redattore di Coklektif.

Foto: Wahyu Eka Setyawan

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishItalian (Standard)FrenchGermanSpanish
Author
Wahyu Eka Setyawan
Translators
Amina Attia El Tabakh and Elisa Ciraci
Date
18.08.2021

More in Housing and Land Rights

Housing and Land Rights

Indorewala & Wagh: City Planning Before and After the Pandemic

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell