Politics

Un'unità militare britannica in Colombia ha "assistito” la polizia che ha ucciso 63 manifestanti

Mentre la polizia colombiana uccideva decine di manifestanti a maggio, una squadra militare britannica composta da un massimo di nove soldati la sosteneva grazie a un piano segreto.
Il Ministero della Difesa britannico ammette per la prima volta a Declassified che i suoi soldati hanno "sostenuto" la polizia della Colombia, ma non dice come
Il Ministero della Difesa britannico ammette per la prima volta a Declassified che i suoi soldati hanno "sostenuto" la polizia della Colombia, ma non dice come
  • L'unità militare britannica "assiste" anche le forze armate della Colombia, che hanno ucciso migliaia di civili e sono ora schierate per reprimere le proteste
  • Gli ufficiali militari colombiani hanno frequentato cinque corsi in Gran Bretagna l'anno scorso,  tra le centinaia che si sono formati nel Regno Unito negli ultimi anni

L'esercito britannico aveva fino a nove soldati che "assistevano" le forze di polizia colombiane un mese prima di lanciare un brutale giro di vite sui manifestanti antigovernativi che ha lasciato 63 persone morte.

Ma il Ministero della Difesa (MOD) ha rifiutato di rivelare la natura dell'assistenza o di dire a Declassified se il personale britannico ha continuato ad assistere la polizia colombiana durante la repressione.

Questa è la prima volta che il MOD ha rivelato l'esistenza del suo programma di polizia in Colombia.

Dalla fine di aprile, le proteste iniziate contro la riforma fiscale proposta dal governo hanno attanagliato il paese sudamericano, causando 63 morti, secondo Human Rights Watch.

Amnesty International ha denunciato "la repressione da parte della polizia di manifestazioni per lo più pacifiche" in diverse città della Colombia. Ha aggiunto che "la polizia ha usato la forza in modo indiscriminato e sproporzionato", e ci sono rapporti allarmanti di violenze sessuali e sparizioni".

Wendy Morton, ministro degli esteri responsabile per le Americhe, ha detto al Parlamento a marzo  (il mese prima dello scoppio delle proteste): "Meno di 10 membri delle forze armate britanniche sono schierati in Colombia per assistere il servizio di polizia colombiano".

L'anno scorso, il MOD aveva detto a Declassified, in risposta a una richiesta di libertà di informazione, che l'esercito britannico aveva "fino a cinque" membri schierati in Colombia. Tuttavia, aveva rifiutato di dire quale fosse il loro ruolo in quanto "avrebbe pregiudicato la sicurezza del personale britannico in servizio all'estero".

Ma dopo essere stato informato dell'ammissione del Ministero degli Affari Esteri  a marzo, il MOD ha detto a Declassified che "le forze armate britanniche hanno sostenuto un certo numero di autorità colombiane, compresa la polizia colombiana".

Declassified ne deduce che i militari britannici non hanno prestato assistenza a nessuna unità di polizia colombiana che è stata coinvolta nel rispondere alle recenti proteste e non hanno fornito formazione o assistenza nella gestione dell’ordine pubblico o nel controllo della folla.

Recentemente, Declassified ha rivelato che l’Agenzia Nazionale del Crimine del Regno Unito (National Crime Agency, NCA)  ha anche addestrato la polizia colombiana in un programma quinquennale multimilionario che è anch’esso avvolto nella segretezza. La NCA è al riparo dalle leggi britanniche sulla trasparenza.

​​Sostegno militare

Morton ha anche detto al Parlamento che il personale militare britannico impegnato in Colombia sostiene le forze armate del paese e la polizia, compreso il "sostegno al potenziamento delle capacità" del Ministero della Difesa colombiano.

C'è stata a lungo una stretta cooperazione militare tra il Regno Unito e la Colombia, nel mezzo del terribile record di diritti umani delle forze armate del paese sudamericano.

Una recente inchiesta ha scoperto che l'esercito colombiano è stato responsabile di 6.402 uccisioni extragiudiziali di civili dal 2002 al 2008 durante una repressione dei ribelli di sinistra nel paese.

Persone vulnerabili - spesso giovani poveri - sono state uccise e falsamente presentate come combattenti nemici al fine di migliorare la percezione pubblica della lotta dell'esercito contro il movimento guerrigliero FARC e accedere alle ricompense offerte alle unità militari che hanno raggiunto un alto numero di corpi.

A maggio, il presidente colombiano Ivan Duque ha dispiegato delle truppe in una delle province occidentali del paese e nella sua capitale, che è stata anche messa sotto coprifuoco.

"Da stasera inizia il massimo dispiegamento di assistenza militare alla polizia nazionale a Cali e nella provincia di Valle", ha detto Duque, riferendosi all’ importante città del sud-ovest. Ha aggiunto che i militari sono stati utilizzati per fermare "il vandalismo, i disordini" e per proteggere "le risorse strategiche". 

Le proteste sono iniziate contro l'aumento delle tasse, e poi per richiedere misure contro la corruzione, la disuguaglianza, la brutalità della polizia e l'impatto economico della pandemia di coronavirus, che ha lasciato più del 40% dei colombiani a sopravvivere con meno di 90 dollari al mese.

L'anno scorso, il personale colombiano ha frequentato cinque corsi militari nel Regno Unito, tra cui "costruire l'integrità per gli alti dirigenti", un corso per ufficiali militari a una e due stelle.

L'anno precedente, il personale colombiano aveva seguito sei corsi, tra cui un "corso avanzato di comando e staff", che includeva la "pianificazione delle operazioni".

Almeno due ufficiali dell'esercito colombiano si sono formati nelle accademie militari britanniche. Nel 2018, un sottotenente ha completato un anno di formazione presso l’istituto militare Sandhurst, e nel 2019, un ufficiale di marina ha concluso 11 mesi di formazione presso l’istituto navale Dartmouth.

Non è noto se alcuni soldati colombiani addestrati nel Regno Unito siano ora impiegati a Cali.

Le richieste di libertà di informazione rivelano che nei sei anni fino al 2020, 309 studenti colombiani hanno studiato presso l'Accademia della Difesa del Regno Unito e i suoi istituti costitutivi. 

​​L'accademia fa parte del MOD e forma il personale dell'esercito britannico e del servizio civile, così come quello d'oltremare.

Un portavoce del MOD ha detto a Declassified: "Tutto l'impegno della difesa e l'addestramento fornito alla Colombia è progettato per educare, se necessario, alle migliori pratiche e al rispetto del diritto internazionale umanitario".

Hanno aggiunto: "Le valutazioni del potenziale impatto della fornitura di assistenza sono aggiornate periodicamente o ogni volta che ci sono nuove preoccupazioni riguardanti i diritti umani o il rispetto del diritto internazionale umanitario".

L'assistenza britannica si è estesa anche ai servizi segreti della Colombia. L'MI6, l'agenzia di servizi segreti esterna del Regno Unito, "è stata pesantemente coinvolta nella creazione" delle cosiddette "unità controllate" di agenti segreti colombiani, secondo un articolo della BBC del 2016.

Ha aggiunto: "L'MI6 ha anche aiutato la Colombia a creare centri di intercettazione elettronica, registrando conversazioni incriminanti".

Nel 2018 l'esercito colombiano ha condotto un'operazione di spionaggio illegale su più di 130 persone tra cui politici, ONG, sindacalisti e giornalisti internazionali.

Un funzionario britannico ha recentemente affermato che: "Condividiamo le preoccupazioni per le segnalazioni di violazioni dei diritti umani in relazione alle proteste, e accogliamo con favore l'impegno del governo colombiano a condurre indagini trasparenti su tutte le accuse di uso eccessivo della forza".

"Massicce violazioni dei diritti umani”

Dall'inizio del 2016, il Regno Unito ha autorizzato l'esportazione di 28 milioni di sterline di attrezzature militari o dual-use (militari e civili) in Colombia. Questo include 1,5 milioni di sterline di armi leggere, artiglieria, armi leggere e munizioni.

Il governo britannico sostiene di rifiutare le esportazioni di armi quando c'è un "rischio di contribuire a tensioni interne o conflitti nel paese destinatario".

Tuttavia, ha commissionato un rapporto nel 2018 che ha scoperto che lo stato e i militari colombiani hanno compiuto "massicce violazioni e abusi dei diritti umani", portando alla "sistematica violazione del diritto umanitario internazionale".

L'anno successivo, il governo britannico ha invitato la Colombia a fare acquisti di armi al DSEI, una fiera della difesa soprannominata  "festival della violenza" che riunisce commercianti di armi e delegazioni militari da tutto il mondo.

Nel 2020, il governo britannico ha fatto della Colombia uno dei suoi principali mercati di vendita di armi e ha approvato tutte le 30 richieste di licenze di esportazione presentate, per un valore di 2,5 milioni di sterline, nonostante l'abbia inserito tra i "paesi prioritari per i diritti umani" nello stesso anno.

A maggio, in risposta alle pressioni dei parlamentari sulle esportazioni di armi britanniche in Colombia, il ministro degli Esteri Wendy Morton ha difeso la politica, affermando che il governo britannico gestisce "uno dei regimi di controllo delle esportazioni di armi più solidi al mondo".

Morton è stata in precedenza co-tesoriere del gruppo All-Parliamentary per le Forze Armate (gruppo che include parlamentari di diversi partiti politici) che riceve finanziamenti dagli esportatori di armi, tra cui il gigante delle armi BAE Systems mentre Morton era nel suo ruolo.

BAE gode di una "stretta relazione" con la Colombia e ha venduto al governo artiglieria, veicoli aerei senza equipaggio, sistemi radar e cannoni. Ha anche partecipato a una fiera di armi a Bogotà nel 2019.

Hasan Dodwell, direttore della ONG Giusizia per la Colombia (Justice for Colombia) con sede a Londra, ha detto a Declassified: "Nel corso della lunga e sanguinosa storia di abusi dei diritti umani in Colombia, la Gran Bretagna è stata uno stretto alleato militare. Mentre la polizia colombiana continua a uccidere i manifestanti nelle città e l'esercito uccide i manifestanti nelle campagne, questa collaborazione continua".

Dodwell ha aggiunto: "Piuttosto che offrire addestramento e fornire armi, il governo britannico dovrebbe usare la sua influenza per condannare la violenza delle forze di sicurezza colombiane e chiedere il pieno rispetto del diritto alla protesta e la fine delle violazioni dei diritti umani."

Il Ministero degli Esteri britannico non ha risposto a una richiesta di commento.

Matt Kennard è capo delle investigazioni presso Declassified UK, un'organizzazione di giornalismo investigativo che si occupa del ruolo del Regno Unito nel mondo.

Molly Antigone Hall è una giornalista investigativa residente a Barcellona, in Spagna e che ha scritto per La Vanguardia.

Foto: Oxi.Ap / Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishFrenchItalian (Standard)GermanSpanish
Authors
Matt Kennard and Molly Antigone Hall
Translators
Chiara Lilli and Amina Attia El Tabakh
Date
01.09.2021

More in Politics

Politics

Lula da Silva & Celso Amorim: For a Multipolar World

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell