Economy

Esperta delle Nazioni Unite rilascia un rapporto completo sull'impatto delle sanzioni guidate dagli Stati Uniti contro il Venezuela

La relatrice speciale delle Nazioni Unite Alena Douhan ha ribadito il suo appello per la riduzione delle sanzioni, affermando che esse minano i diritti umani dei venezuelani.
Secondo il rapporto, le sanzioni unilaterali contro il Venezuela sono motivate politicamente, minano i diritti umani più fondamentali e violano il diritto internazionale.
Secondo il rapporto, le sanzioni unilaterali contro il Venezuela sono motivate politicamente, minano i diritti umani più fondamentali e violano il diritto internazionale.

Il documento compila la valutazione completa di Douhan della sua visita di 12 giorni a febbraio nel paese caraibico. Presentando i risultati alla 48esima sessione del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite il 15 settembre, l'esperta indipendente ha ribadito che il vasto programma di sanzioni contro il Venezuela ha avuto un effetto "devastante" sulle condizioni di vita dell'intera popolazione.

Douhan ha proseguito spiegando che la preesistente crisi economica e sociale del Venezuela è stata esacerbata dall'imposizione di "sanzioni settoriali sulle industrie del petrolio, dell'oro e delle miniere", così come "il blocco economico e il congelamento dei beni della Banca Centrale".

Di conseguenza, le entrate del paese, essenzialmente derivanti dalle esportazioni di petrolio, sono state notevolmente ridotte, colpendo "i sistemi pubblici di elettricità, gas, acqua, trasporto, telefono e comunicazione, così come le scuole, gli ospedali e altre istituzioni pubbliche".

L'avvocatessa bielorussa ha aggiunto che la minaccia di sanzioni extraterritoriali e secondarie ha portato a "un eccesso di zelo da parte di banche e società di paesi terzi", amplificando l'impatto negativo delle sanzioni primarie. Inoltre, ha sostenuto che "le esenzioni umanitarie sembrano essere inefficaci e insufficienti" per alleviare la crisi.

La relatrice speciale ha concluso che le sanzioni unilaterali contro il Venezuela hanno motivi politici, minano i diritti umani più fondamentali e violano il diritto internazionale. Ha esortato gli Stati Uniti e i suoi alleati a revocare tutte le misure coercitive.

Douhan ha inoltre riconosciuto il "maggiore impegno" del governo di Nicolás Maduro con le agenzie delle Nazioni Unite e le ONG per fornire aiuti umanitari alla popolazione.

Anche il ministro degli Esteri venezuelano Félix Plasencia ha partecipato alla 48esima sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e ha accolto con favore il rapporto di Douhan. "La relatrice speciale ha chiarito che queste misure, sotto forma di punizione collettiva, sono crimini internazionali che minacciano il popolo venezuelano".

Mercoledì, più di 800 organizzazioni per i diritti umani e movimenti sociali hanno rilasciato una dichiarazione a sostegno dei recenti appelli per la riduzione delle sanzioni, anche da parte del capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Michelle Bachelet.

Il Venezuela è sotto schiaccianti sanzioni statunitensi dal 2017, quando Washington ha preso di mira la compagnia petrolifera statale PDVSA. Tra il 2019-2020, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto un embargo sul petrolio, un divieto generale di tutti i rapporti con Caracas, e ha chiuso le importazioni di carburante e diluente e gli accordi di scambio. Inoltre, Washington ha imposto sanzioni secondarie e una serie di altre misure, tra cui il congelamento o il sequestro di un certo numero di beni venezuelani all'estero.

Oil output fell to historic lows in the second half of 2020. La produzione di petrolio è scesa ai minimi storici nella seconda metà del 2020.

Diritto al cibo e ai salari

Nel suo rapporto, l'esperta indipendente delle Nazioni Unite ha sottolineato che "il calo delle entrate petrolifere, esacerbato dalle sanzioni, ha provocato una crisi alimentare e nutrizionale", con la disponibilità di cibo che è diminuita di un 73% stimato come le importazioni tra il 2015 e il 2019.

Di conseguenza, più di 2,5 milioni di venezuelani soffrono gravemente la mancanza di accesso a forme di alimentazione, mentre la FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) ha registrato un "aumento del 213,8% della denutrizione o della fame cronica".

Il rapporto di Douhan ha anche messo in guardia sul "precario potere d'acquisto dei lavoratori", con un salario medio stimato in 2-10 dollari al mese che copre circa il 2% del paniere alimentare.

Tuttavia, la relatrice speciale ha riconosciuto gli sforzi del governo per alleviare la crisi con una serie di benefici sociali, compresa la distribuzione di cibo sovvenzionato attraverso il programma CLAP. Quest'ultimo, secondo quanto riferito, assiste 7,5 milioni di famiglie, ma ha ridotto i suoi prodotti di base dopo che le importazioni sono state prese di mira dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

"Situazione sanitaria "disastrosa

L'avvocatessa bielorussa ha dichiarato che le sanzioni hanno bloccato le transazioni finalizzate all'acquisto di medicine. "Questo ha impedito l'acquisto di reagenti del sangue nel 2020 per 2,5 milioni di pazienti e 123.000 altri che hanno bisogno di trasfusioni di sangue, secondo l'Ufficio dell'Ombudsman".

Inoltre, gli acquisti bloccati hanno colpito 5.859 persone affette da emofilia e sindrome di Guillain-Barré e hanno impedito 180.000 operazioni chirurgiche per mancanza di antibiotici, anestetici e trattamenti per la tubercolosi.

L'insufficienza di medicinali di base e l'aumento dei loro prezzi hanno anche messo a rischio circa 300.000 persone. Allo stesso tempo, 2,6 milioni di bambini sono stati privati dei vaccini per la meningite, rotavirus, malaria, morbillo, febbre gialla e influenza.

Altre preoccupazioni sono l'aumento delle gravidanze adolescenziali e dei casi di HIV/AIDS. Attualmente, 80.000 dei 120.000 malati di HIV/AIDS stimati hanno dovuto sospendere il loro trattamento per mancanza di farmaci, secondo il rapporto.

Inoltre, gli ospedali hanno riferito che solo il 20% delle attrezzature funziona a causa dell'impossibilità di acquistare pezzi di ricambio. L'esperta delle Nazioni Unite ha documentato due casi specifici: L'Ospedale del Cuore dei bambini ha eseguito meno di 120 interventi nel 2020 (lo standard era di circa 1800), e l'Ospedale pediatrico J.M. de Los Ríos a Caracas ha dovuto sospendere i trapianti di rene per 137 bambini.

Le scoperte di Douhan hanno anche evidenziato che il sequestro da parte di Washington della filiale petrolifera statunitense della PDVSA, CITGO, ha fermato il programma umanitario della compagnia. Come risultato, 14 bambini sono morti per non aver potuto ricevere trapianti di fegato, reni e midollo osseo negli ospedali all'estero. Altri 53 sono in attesa della ripresa della fondazione Simón Bolívar, finanziata dallo stato.

Servizi pubblici deteriorati

Durante la sua visita in Venezuela, Douhan ha attestato che tutti i servizi pubblici stanno lavorando alla metà della loro capacità da quando gli Stati Uniti hanno imposto misure coercitive.

Secondo i funzionari del governo venezuelano citati nel rapporto, solo il 50% delle unità di distribuzione del sistema idrico funzionavano e "l'acqua doveva essere distribuita a rotazione per garantire la consegna a tutti". L'uso di agenti chimici per trattare e purificare l'acqua è stato ridotto del 30 per cento, causando problemi di salute.

Il testo continuava a spiegare che il Venezuela sta producendo "solo il 40% dell'elettricità di cui ha bisogno, e le linee elettriche funzionano a meno del 20% della loro capacità". Nella regione sud-ovest del paese, "il 75-80 per cento dell'elettricità non poteva essere prodotta perché le macchine termoelettriche erano danneggiate e dovevano essere riparate". La situazione è stata aggravata da presunti attacchi informatici contro la rete elettrica nel 2019.

Scarsità di benzina e diesel

La relatrice speciale ha concluso che la nazione caraibica era sull'orlo di una "situazione catastrofica" a causa dell'acuta carenza di carburante.

Douhan ha avvertito che la scarsità di diesel ha messo in pericolo "la produzione agricola, il trasporto di cibo, la generazione di elettricità, il funzionamento delle pompe d'acqua, il trasporto pubblico, il transito e le ambulanze".

Allo stesso tempo, la scarsità di benzina ha provocato un aumento dei prezzi dei trasporti, ha bloccato l'accesso agli ospedali e alle scuole e ha aggravato la distribuzione di cibo e di forniture mediche, specialmente nelle aree remote del paese.

Accesso all'istruzione

Le limitate risorse finanziarie del governo per acquistare e riparare le infrastrutture necessarie hanno portato a una riduzione della copertura Internet, con, secondo quanto riferito, solo il 10% del territorio che accede al servizio. Nell'era pre-sanzioni, la percentuale era del 50-90 per cento.

Il rapporto dell'avvocata bielorussa ha anche sottolineato che i costi più elevati dell'accesso a Internet e le continue carenze di energia hanno influenzato l'insegnamento online dallo scoppio della pandemia Covid-19. Secondo i ricercatori universitari, si stima che l'80 per cento degli studenti delle scuole pubbliche non può superare questi ostacoli.

Un'altra conseguenza delle sanzioni è stata la sospensione del programma Canaima del governo nel 2020, che ha prodotto e distribuito 6,5 milioni di computer tablet a 14 milioni di studenti.

Migrazione e fuga di cervelli

L'inasprimento delle sanzioni ha portato a numeri di migrazione senza precedenti. Il rapporto degli esperti delle Nazioni Unite, citando una serie di fonti (tra cui il governo venezuelano), ha collocato la cifra tra 1,2 e 5,6 milioni entro maggio 2021.

La migrazione accelerata ha causato una fuga di cervelli, con la maggior parte delle aziende statali e dei servizi pubblici che hanno perso il 30-50 per cento del loro personale, compresi "medici, infermieri, insegnanti, professori universitari, ingegneri, agenti di polizia, giudici, tecnici e molti altri". Questo ha portato "alla disorganizzazione interna, all'aumento del carico di lavoro per il personale rimanente, alla riduzione dei servizi e al declino della loro qualità".

La visita della relatrice speciale Alena Douhan in Venezuela è la prima delle dieci previste per i prossimi due anni nell'ambito di un accordo tra il governo di Nicolás Maduro e l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani firmato nel 2019.

Il testo completo del rapporto di Douhan si trova qui.

Foto: Eneas de Troya, Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

The mission of the Wire is bold: to take on the capitalist media by creating a shared space for the world’s radical and independent publications, building a coalition that is more than the sum of its parts.

Together with over 40 partners in more than 25 countries — and the relentless efforts of our team of translators — we bring radical perspectives and stories of grassroots struggles to a global audience.

If you find our work useful, help us continue to build the Wire by making a regular donation. We rely exclusively on small donors like you to keep this work running.

Support
Available in
GermanPortuguese (Brazil)EnglishItalian (Standard)FrenchSpanish
Author
Andreína Chávez Alava
Translators
Diego Orlandi and Elisa Ciraci
Date
18.10.2021

More in Economy

Economy

Alves & Kvangraven: Reclaiming Economics After Covid-19

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell