War & Peace

Il commercio del sangue

L'Australia ha le mani sporche di sangue yemenita.
Mentre gli Stati Uniti continuano a dominare il commercio globale di armi, l'Australia sta spingendo per aumentare il suo ruolo nell'industria mortale. Gli yemeniti ne stanno pagando il prezzo.
Mentre gli Stati Uniti continuano a dominare il commercio globale di armi, l'Australia sta spingendo per aumentare il suo ruolo nell'industria mortale. Gli yemeniti ne stanno pagando il prezzo.

Nota dell'editore: Quanto segue è una versione condensata di "The Bloody Trade" di Michelle Fahy, originariamente pubblicato su Arena. L'articolo può essere letto per intero in inglese qui.

“Devi... avere le mani coperte di sangue se vuoi essere uno dei 10 grandi" è stato l'avvertimento del primo ministro Malcolm Turnbull quando ha annunciato l'obiettivo dell'Australia di diventare uno dei principali esportatori di armi a livello mondiale. Venderai all'Arabia Saudita, agli Emirati Arabi... a questi paesi molto autoritari... impegnati in grandi conflitti... in posti come la Siria... nello Yemen. Devi davvero sporcarti le mani".

Questo avvertimento è venuto da Andrew Feinstein, uno dei maggiori esperti mondiali sul commercio di armi, intervistato alla radio ABC all'inizio del 2018. È stato presto dimostrato che aveva ragione.

L'Australia aveva già fatto accordi segreti sulle armi con i paesi che combattono la catastrofica guerra dello Yemen, nonostante il gran numero di vittime civili e le prove crescenti di crimini di guerra. La notizia degli accordi è emersa pubblicamente alla fine del 2018: l'Australia aveva approvato decine di permessi di esportazione militare all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi, le nazioni chiave che combattono nello Yemen. A marzo 2021, le approvazioni di esportazioni militari australiane a queste due nazioni avevano superato le 100 unitá: ottanta agli Emirati Arabi, ventitré all'Arabia Saudita.

La guerra dell'Australia in Yemen

La guerra in corso nello Yemen è ormai ampiamente nota per aver causato la più grande catastrofe umanitaria attuale del mondo. Ma già nell'ottobre 2016 l'ONU avvertiva di probabili crimini di guerra e chiedeva alle nazioni di smettere di fornire armi ai paesi che vi combattono: dall'inizio di questo conflitto in Yemen, sono stati colpiti matrimoni, mercati, ospedali, scuole e ora anche persone in lutto durante un funerale, con il risultato di massicce vittime civili e nessuna conseguenza per i responsabili".

Il mondo era consapevole dell'orrore inflitto ai civili yemeniti dai sauditi e dagli Emirati Arabi quando Christopher Pyne, come nuovo ministro australiano dell'industria della difesa, è volato in entrambi i paesi alla fine del 2016 per promuovere le armi australiane. Pochi mesi dopo, Pyne è tornato negli Emirati Arabi per ulteriori colloqui. Mentre era ad Abu Dhabi, ha partecipato alla più grande esposizione di armi del Medio Oriente, la International Defence Exhibition and Conference (IDEX). Pyne ha detto che stava discutendo un possibile affare di armi da 1 miliardo di dollari con gli Emirati Arabi, aggiungendo che le aziende australiane potrebbero finalizzare centinaia di milioni di dollari in vendite all'IDEX del 2017.

La sua previsione si è avverata quando, all'inizio del 2018, il produttore di armi Electro Optic Systems (EOS) con sede a Canberra ha annunciato un contratto da 410 milioni di dollari con un cliente senza nome per i sistemi di armi a distanza di EOS. Il cliente segreto si è poi rivelato essere gli Emirati Arabi, e la dimensione dell'accordo è aumentata a 450 milioni di dollari. Nell'ottobre 2017, Pyne è volato di nuovo in Medio Oriente, per altri incontri a Riyadh.

Ingraziarsi i regimi repressivi

Nell'agosto 2018, un attacco missilistico della coalizione saudita su uno scuolabus nello Yemen ha ucciso quaranta bambini e undici adulti e ne ha feriti altre decine. Nonostante questa atrocità, il governo australiano ha voluto avvicinarsi all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi.

Il mese successivo l'assistente del ministro saudita della difesa ha visitato l'Australia e ha partecipato a una delle più grandi esposizioni di armi dell'Australia, Land Forces. Pyne era appena stato nominato ministro della difesa. Durante Land Forces 2018, Pyne ha detto che l'Australia stava cercando di firmare nuovi accordi formali di "industria della difesa" con gli Emirati Arabi e l'Arabia Saudita. Era una notizia sorprendente che l'Australia stesse considerando di chiudersi in accordi di fornitura di armi con questi due regimi repressivi.

Nell'ottobre 2018 la questione della vendita di armi all'Arabia Saudita è esplosa come una questione globale. Il macabro omicidio e lo smembramento del giornalista Jamal Khashoggi all'interno del consolato saudita di Istanbul hanno dominato i titoli dei giornali per settimane. Su questo argomento, il nuovo primo ministro australiano ha trovato una voce morale. Siamo inorriditi oltre ogni descrizione da quello che è successo", ha detto Scott Morrison.

Sulla scia dell'assassinio di Khashoggi, il ministro degli Esteri Marise Payne ha detto che "tutte le opzioni sono sul tavolo" quando gli è stato chiesto se l'Australia seguirà l'esempio di diversi paesi europei e smetterà di esportare armi in Arabia Saudita. Il ministro della Difesa Pyne ha detto che le future esportazioni militari ai sauditi saranno valutate in relazione agli eventi "deplorevoli". 

Nel frattempo, Pyne ha cercato di prendere le distanze dai sauditi perpetuando il mito che l'Australia può dettare ciò che l'Arabia Saudita fa con le armi fornite dall'Australia. Pyne ha detto che i severi controlli sulle esportazioni "impediscono" che il nostro equipaggiamento sia usato nel conflitto in corso nello Yemen. Ma i "severi controlli sulle esportazioni" dell'Australia non possono impedire niente del genere. Negli accordi sulle armi con l'Arabia Saudita o gli Emirati Arabi, l'unico punto di controllo rigoroso è la decisione di approvarne o meno l'esportazione. Se vogliamo essere severi, l'Australia può dire "No". Ma una volta che un'esportazione viene spedita, la possibilità che l'Australia eserciti il controllo su come quelle armi vengono usate precipita praticamente a nullo.

Richieste di esportazione militare

Questo autore si è appellato al decreto che fornisce accesso pubblico a informazioni detenute da autorità pubbliche e ha rivelato che la Difesa ha negato tre richieste di esportazioni militari all'Arabia Saudita dal 1° luglio 2019 e ne ha approvate sei. Prima di quella data non aveva negato alcuna domanda di esportazioni militari all'Arabia Saudita dall'inizio della guerra in Yemen. Ventitré domande saudite sono state approvate da metà 2015 a fine marzo 2021. Nessuna domanda di permessi di esportazione militare verso gli Emirati Arabi è stata negata; ottanta sono state approvate. 

Trasferimenti illegali di armi

I governi allegano abitualmente alle esportazioni militari dei "certificati di utente finale" che vietano il trasferimento delle armi a terzi senza approvazione. Nonostante ciò, i trasferimenti non autorizzati di terzi avvengono regolarmente. Raramente ci sono ripercussioni per le nazioni colpevoli.

Un'emittente pubblica tedesca ha collaborato con l'Arab Reporters for Investigative Journalism (Giornalisti arabi per il giornalismo investigativo) con sede in Giordania nel 2018 per indagare sui trasferimenti di armi nello Yemen. L'indagine ha scoperto che "nessuna sanzione è mai stata applicata per la violazione degli accordi con l'utente finale".

Durante l'indagine durata un anno, il giornalista egiziano Mohamed Abo-Elgheit ha scoperto centinaia di esempi di armi e veicoli militari forniti da Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Austria, Svizzera, Belgio e altri, utilizzati in Yemen da al-Qaeda e altri gruppi armati non statali. Lo stesso vale per pezzi offerti per la rivendita, ancora nuovi di zecca, sul mercato nero. I governi occidentali avevano inviato le armi e l'equipaggiamento all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi con accordi "rigorosi" per l'utente finale che si supponeva impedissero il trasferimento a terzi.

L'indagine ha scoperto che:

  • veicoli corazzati forniti agli Emirati Arabi e all'Arabia Saudita dagli Stati Uniti, utilizzati da gruppi armati non statali (uno dei quali è stato poi aggiunto a una lista di controllo sui terroristi) nello Yemen, alcuni con la bandiera degli Emirati Arabi. Gli Stati Uniti hanno detto che avrebbero indagato.
  • Grandi veicoli corazzati che il Regno Unito aveva fornito all'Arabia Saudita sono stati anche trovati in uso da gruppi armati in Yemen, uno guidato da un noto leader islamista fondamentalista. Il governo britannico ha rifiutato di impegnarsi con il giornalista, dicendo che l'indagine era motivata politicamente.
  • La Germania inizialmente ha affermato che avrebbe indagato sulle violazioni, ma, quando le sono stati forniti numeri di serie e fotografie di armi tedesche in vendita sul mercato nero, ha smesso di rispondere al giornalista.
  • Il governo austriaco non ha risposto alle prove che centinaia di suoi fucili forniti all'Arabia Saudita sono stati usati in Yemen, alcuni da bambini, altri in vendita nei mercati.
  • Granate svizzere fornite agli Emirati Arabi sono state filmate nelle mani di combattenti yemeniti. La Svizzera ha detto che avrebbe indagato.

Il governo australiano ha una capacità maggiore rispetto a questi paesi di esercitare un controllo sui sauditi e sugli Emirati Arabi su come vengono utilizzate le armi australiane e altre esportazioni militari? Gli australiani possono fidarsi delle blande rassicurazioni del dipartimento della difesa che i "severi controlli sulle esportazioni" australiane impediscono l'uso o il trasferimento illegale di armi australiane?

Violazione del diritto internazionale

Dopo il lancio della strategia di esportazione della difesa australiana (Defence Export Strategy), Pyne ha dato la sua parola che l'Australia avrebbe autorizzato le esportazioni militari solo a paesi "come noi che sostengono l'ordine internazionale basato sulle regole". Non l’avrebbe rispettata prima ancora di darlo. O, per dirla più chiaramente, ha mentito.

Oltre alle ampie violazioni documentate del diritto internazionale nello Yemen da parte dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi, e l'omicidio di Jamal Khashoggi da parte dell'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi sono ampiamente noti per armare e sostenere illegalmente le forze ribelli libiche che cercano di rovesciare il governo internazionalmente riconosciuto della Libia, in spregio a un embargo sulle armi delle Nazioni Unite. A seguito di ripetute violazioni nel corso di molti anni da parte di diversi paesi, compresi gli Emirati Arabi, l'ONU ha etichettato l'embargo come "totalmente inefficace". Nonostante ciò, l'Australia ha continuato a vendere armi e altre attrezzature militari agli Emirati Arabi e all'Arabia Saudita.

“Le azioni dell'Australia nell'approvare l'esportazione di armi verso paesi che notoriamente commettono gravi violazioni dei diritti umani, e la sua mancanza di trasparenza al riguardo, sono incompatibili con i suoi obblighi di diritto internazionale", afferma l'ex politico australiano e avvocato internazionale Melissa Parke, che ora fa parte del gruppo di esperti delle Nazioni Unite sullo Yemen. “Avendo sottoscritto... queste leggi internazionali, il governo australiano non può scegliere solo gli aspetti che intende rispettare, specialmente quando... dà lezioni ad altri paesi, come la Cina e la Russia, sull'importanza dello stato di diritto internazionale".

C'è un altro modo?

Quasi 2,3 milioni di bambini sotto i cinque anni nello Yemen soffriranno di malnutrizione acuta quest'anno e 400.000 potrebbero morire se non ricevono cure urgenti, ha detto l'UNICEF a febbraio. Save the Children dice che 1,71 milioni di bambini sono in campi di sfollamento in Yemen, e il 90 per cento di questi bambini non hanno sufficiente accesso al cibo, all'acqua pulita o all'istruzione. “Lo Yemen è il peggior disastro umanitario del mondo", dice Philippa Lysaght, consigliere per la politica umanitaria e l'advocacy di Save the Children Australia. “Pensare che l'Australia sia in qualche modo complice di questa guerra catastrofica è orribile. È ora di fermare la guerra ai bambini".

Bruce Riedel del prestigioso gruppo di esperti statunitense The Brookings Institution ha chiamato la guerra in Yemen "la guerra dell'America". Dice che Barack Obama avrebbe potuto fermare la guerra fin dall'inizio, nel 2015, tagliando il sostegno militare, diplomatico e di intelligence alla coalizione guidata dai sauditi. Riedel nota l'enorme proporzione (86%) degli armamenti dell'Arabia Saudita forniti dagli Stati Uniti e dal Regno Unito e dice: "È ora di fermare la carneficina in Yemen e smettere di alimentare la corsa agli armamenti in Medio Oriente". Il fedele alleato dell'America, l'Australia, dovrebbe fare lo stesso. 

L'attivista per il commercio di armi Ann Feltham è concisa: "Il commercio di armi alimenta la guerra, fa esacerbare le tensioni regionali, dà aiuto a chi viola i diritti umani e sperpera le risorse". All'inizio di quest'anno, l'Australia ha confermato che non avrebbe vietato la vendita di armi all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi.

Foto: Arena

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

The mission of the Wire is bold: to take on the capitalist media by creating a shared space for the world’s radical and independent publications, building a coalition that is more than the sum of its parts.

Together with over 40 partners in more than 25 countries — and the relentless efforts of our team of translators — we bring radical perspectives and stories of grassroots struggles to a global audience.

If you find our work useful, help us continue to build the Wire by making a regular donation. We rely exclusively on small donors like you to keep this work running.

Support
Available in
EnglishGermanSpanishItalian (Standard)French
Author
Michelle Fahy
Translators
Diego Orlandi and Elisa Ciraci
Date
01.11.2021

More in War & Peace

War & Peace

CODEPINK

War & Peace

How do indigenous peoples in the Pacific experience armed conflict?

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell