Economy

Enorme vittoria per gli agricoltori indiani dopo che le riforme agricole di Modi sono state abrogate dal parlamento

Una mobilitazione incessante e stimolante degli agricoltori di tutta l'India contro le riforme agricole di Modi ha portato a una vittoria clamorosa.
Soprannominate le "leggi anti-contadini" dai sindacati, e sostenute dal FMI e dagli Stati Uniti, i contadini indiani hanno combattuto e superato la repressione della polizia, la pandemia COVID-19, e forti avversari internazionali per seppellire tre disegni di legge agricoli neoliberali che sono stati oggetto di una diffusa opposizione.
Soprannominate le "leggi anti-contadini" dai sindacati, e sostenute dal FMI e dagli Stati Uniti, i contadini indiani hanno combattuto e superato la repressione della polizia, la pandemia COVID-19, e forti avversari internazionali per seppellire tre disegni di legge agricoli neoliberali che sono stati oggetto di una diffusa opposizione.

Le riforme agricole neoliberali del premier indiano Narendra Modi da settembre 2020 hanno innescato la più grande mobilitazione dei lavoratori contro la sua direzione, con una campagna sostenuta e incentrata sull'azione guidata dai sindacati. Queste azioni hanno incluso marce, blocchi, campi di protesta, cortei e la lotta contro la violenza della polizia. Il ruolo cruciale delle donne nelle proteste è stato evidenziato in un precedente articolo del Wire, così come un saggio fotografico di Rohit Lohia che delinea la resistenza di massa nel Punjab, considerato il centro del movimento. A partire dal novembre 2021, le leggi sono state abrogate e il risultato è considerato una vittoria massiccia per gli agricoltori e il loro duro lavoro nel galvanizzare un movimento di massa. 

New Delhi: in un "discorso alla nazione" trasmesso in televisione venerdì mattina, il primo ministro Narendra Modi ha annunciato che le tre controverse leggi agricole approvate nel settembre 2020 sono state abrogate dal governo centrale. Gli agricoltori di tutto il paese stanno protestando contro queste leggi da prima della loro approvazione. Essi credono che le leggi beneficeranno le grandi multinazionali e danneggeranno gli agricoltori.

Centinaia di agricoltori si sono accampati ai confini di Delhi dal novembre 2020 con la richiesta che il governo abroghi la legge sugli scambi e il commercio dei prodotti agricoli (promozione e facilitazione) del 2020; l'accordo degli agricoltori (empowerment e protezione) sull'assicurazione dei prezzi e i servizi agricoli del 2020; e la legge sulle materie prime essenziali (modifica) del 2020. Quasi 700 agricoltori hanno perso la vita durante la protesta, hanno detto i sindacati.

Contrariamente alle affermazioni del BJP che solo i grandi agricoltori stavano protestando, uno studio ha scoperto che le vite perse durante la protesta erano di piccoli agricoltori e coltivatori marginali e senza terra.

Prima di arrivare al punto, Modi ha trascorso una buona quantità di tempo sostenendo che il suo governo aveva sollevato gli agricoltori indiani e fatto "tutto il possibile" per aiutarli. Dopo aver trascorso dieci minuti a esaltare i presunti risultati del suo governo, è passato a lodare le tre controverse leggi agricole introdotte dal suo governo.

Poi è passato a parlare delle proteste. "È importante per noi non essere stati in grado di convincere i benefici di queste leggi a tutti gli agricoltori. Abbiamo provato e riprovato, usando diversi mezzi, e ci sono stati dei colloqui. Abbiamo ascoltato i loro argomenti e li abbiamo compresi. Eravamo anche pronti a cambiare alcune disposizioni e abbiamo sospeso queste leggi per due anni. La questione è anche davanti alla Corte Suprema".

"Mi scuso con la nazione, perché sembra che sia mancato qualcosa nei nostri sforzi, a causa dei quali non siamo stati disponibili a spiegare la verità ad alcuni agricoltori. Oggi è Guru Nanak Jayanti e non è il momento di incolpare nessuno. Vorrei annunciare a tutti che abbiamo deciso di abrogare queste leggi. Spero che i contadini che protestano tornino ora alle loro case, tornino alle loro fattorie, e possiamo ricominciare da capo".

Nelle prime parti del suo discorso di venerdì mattina, Modi ha cercato di stabilire la sua vicinanza agli agricoltori. "Negli oltre cinque decenni della mia vita, ho assistito da vicino alla lotta degli agricoltori. Ecco perché, dopo essere diventato primo ministro, il mio governo ha dato il primato alle questioni degli agricoltori".

"Molte persone non sanno che la maggior parte degli agricoltori in India sono piccoli agricoltori, con meno di due ettari di terra. Tutta la loro vita si basa su questo piccolo appezzamento di terra. È il modo in cui nutrono se stessi e le loro famiglie. L'eredità nel corso delle generazioni rende questi appezzamenti ancora più piccoli.  Per aiutare i piccoli agricoltori abbiamo lavorato su beej, beema, baazar, bachat. Abbiamo dato ai contadini le schede sullo stato di saluto del suolo, all'assicurazione e ad altre agevolazioni. La produzione agricola è aumentata anche grazie alle schede sullo stato di salute del suolo".

Le proteste dei contadini sono state impossibili da ignorare per il governo Modi, con i contadini accampati ai confini di Delhi da più di un anno ormai e che hanno chiarito che nessuno provvedimento inferiore a un'abrogazione totale li avrebbe calmati. Anche i partiti dell'opposizione di tutto il paese hanno sostenuto le proteste degli agricoltori. Gli agricoltori hanno anche deciso di farne una questione elettorale, e hanno fatto una campagna attiva contro il Bharatiya Janata Party prima delle elezioni dell'assemblea.

Gli stati che andranno alle urne all'inizio del prossimo anno, compresi Punjab e Uttar Pradesh, sono stati al centro delle proteste degli agricoltori. La maggior parte degli osservatori elettorali credeva che le leggi agricole avrebbero avuto un impatto sugli elettori in alcune parti di questi stati.

Il Samyukt Kisan Morcha, un'organizzazione ombrello degli organismi degli agricoltori che ha guidato le proteste, ha accolto con favore la mossa. Allo stesso tempo, ha anche ricordato al primo ministro che il movimento non era solo per l'abrogazione delle leggi agricole, ma anche per chiedere prezzi remunerativi per i prodotti.

L'SKM ha anche chiesto perché questa decisione ha richiesto così tanto tempo, visto che alcuni contadini hanno perso la vita nella protesta. Nella dichiarazione si legge:

"Samyukt Kisan Morcha accoglie con favore questa decisione e aspetterà che l'annuncio abbia effetto attraverso le dovute procedure parlamentari. Se questo accadrà, sarà una vittoria storica della lotta dei contadini in India, durata un anno. Tuttavia, quasi 700 agricoltori sono stati martirizzati in questa lotta. L'ostinazione del governo centrale è responsabile di queste morti evitabili, compresi gli omicidi a Lakhimpur Kheri.

SKM ricorda anche al primo ministro che l'agitazione degli agricoltori non è solo per l'abrogazione delle tre leggi nere, ma anche per una garanzia legale di prezzi remunerativi per tutti i prodotti agricoli e per tutti gli agricoltori. Questa importante richiesta degli agricoltori è ancora in sospeso. Così come il ritiro della legge di emendamento sull'elettricità. L'SKM prenderà nota di tutti gli sviluppi, terrà presto la sua riunione e annuncerà ulteriori decisioni".

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

The mission of the Wire is bold: to take on the capitalist media by creating a shared space for the world’s radical and independent publications, building a coalition that is more than the sum of its parts.

Together with over 40 partners in more than 25 countries — and the relentless efforts of our team of translators — we bring radical perspectives and stories of grassroots struggles to a global audience.

If you find our work useful, help us continue to build the Wire by making a regular donation. We rely exclusively on small donors like you to keep this work running.

Support
Available in
EnglishGermanSpanishFrenchPortuguese (Brazil)Italian (Standard)
Translators
Chiara Lilli and Elisa Ciraci
Date
07.12.2021

More in Economy

Economy
2020-08-14

Alves & Kvangraven: Reclaiming Economics After Covid-19

Receive the Progressive International briefing
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell