Statements

Chiudere Red Hill immediatamente

Dichiarazione sui crimini della marina americana alle Hawaii
Il governo degli Stati Uniti sta attualmente commettendo un crimine di proporzioni storiche contro il popolo delle Hawaii.
Il governo degli Stati Uniti sta attualmente commettendo un crimine di proporzioni storiche contro il popolo delle Hawaii.

Al Red Hill Bulk Fuel Storage Facility, a solo pochi metri dall'area metropolitana di Honolulu, la US Navy ha perso migliaia di galloni di petrolio e sostanze chimiche tossiche, avvelenando i residenti, spostando intere comunità e minacciando tutta la vita sull'isola di Oʻahu.

Tuttavia, di fronte ai chiari tentativi della Marina USA di coprire il tutto, il presidente Joe Biden rimane in silenzio. Noi, i sottoscritti, chiediamo la chiusura immediata della struttura di Red Hill e il pieno risarcimento delle sue vittime.

Dall'inizio degli anni '40, il sito di Red Hill ha perso almeno 180.000 galloni di carburante a base di petrolio nel suolo e nelle acque dell'isola. Quasi 200 milioni di galloni rimangono ancora nei serbatoi sotterranei che perdono.

Le immagini che ora emergono dal sito del disastro sono impossibili da ignorare. L'acqua potabile avvelenata ha fatto ammalare intere comunità. I fumi emanano dalla terra e dai rubinetti. Centinaia di famiglie hanno lasciato spontaneamente o sono state evacuate dalle loro case senza alcuna garanzia di dove andranno a vivere.

Eppure la Marina degli Stati Uniti continua a rifiutare gli appelli dei residenti e del governo statale per prosciugare le cisterne ancora piene. La salute di centinaia di migliaia di persone in tutta Oʻahu è ora in pericolo. Per essere sicuri, i serbatoi si trovano sopra la falda acquifera di O'ahu, che fornisce acqua potabile a più di 400.000 persone, da Hālawa a Hawai'i Kai.

Questa è l'eredità della militarizzazione nell'Oceano Pacifico: morte, devastazione e sfollamento.

Sull'atollo di Enewetak, nelle isole Marshall, il governo statunitense ha costruito la "Tomba", una bara nucleare per seppellire 88.000 metri cubi delle sue scorie radioattive. Ora si sta disperdendo in mare. Migliaia di micronesiani continuano a soffrire per gli effetti delle 67 armi atomiche e termonucleari fatte esplodere nelle Isole Marshall come parte del programma di test nucleari degli Stati Uniti. Allo stesso modo, migliaia di polinesiani soffrono ancora degli effetti sulla salute delle ricadute dei test nucleari francesi, negli atolli di Moruroa e Fangataufa e oltre.

Nelle Isole Marianne Settentrionali, l'esercito degli Stati Uniti sta espandendo impunemente i suoi piani illegali per trasformare diverse isole patrie del popolo indigeno Chamorro in zone di sacrificio per i bombardamenti. Così anche a Guam, dove l'esercito statunitense sta costruendo una nuova base del Corpo dei Marines e sta radendo al suolo un'antica foresta calcarea per un complesso di poligoni di addestramento a fuoco vivo.

Siamo solidali con i Kānaka Maoli e tutti i popoli indigeni del Pacifico nella loro lotta per la liberazione: liberi dalle tossine, dalle bombe e dalle basi dei loro oppressori.

In questo momento, la nostra richiesta è semplice: chiudere Red Hill. Svuotare i serbatoi. E riparare ciò che hanno distrutto.

Firmato:

Noam Chomsky, USA

Aruna Roy, India

Cornel West, USA

Naomi Klein, Canada

Jeremy Corbyn, Regno Unito

Suzanne Coleman-Haseldine, Australia

Julian Aguon, Guam

Avi Lewis, Canada

Andres Arauz, Ecuador

Paola Vega, Costa Rica

Slavoj Zizek, Slovenia

John McDonnell, Regno Unito

Harsh Mander, India

Nnimmo Bassey, Nigeria

Nikhil Dey, India

Renata Ávila, Guatemala

Nick Estes, Lower Brule Sioux Tribe

Scott Ludlam, Australia

Srečko Horvat, Croazia

Foto: U.S. Indo-Pacific Command / Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

The mission of the Wire is bold: to take on the capitalist media by creating a shared space for the world’s radical and independent publications, building a coalition that is more than the sum of its parts.

Together with over 40 partners in more than 25 countries — and the relentless efforts of our team of translators — we bring radical perspectives and stories of grassroots struggles to a global audience.

If you find our work useful, help us continue to build the Wire by making a regular donation. We rely exclusively on small donors like you to keep this work running.

Support
Available in
EnglishSpanishGermanItalian (Standard)Portuguese (Brazil)
Translators
Diego Malquori and Elisa Ciraci
Date
04.01.2022

More in Statements

Statements

Comelli: The Debt Narrative is Dead Wrong

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell