Economy

Crisi alimentare è causata dal capitalismo, non dalla guerra

I piccoli agricoltori sono i principali fornitori di cibo al mondo. È indispensabile ascoltare loro, non le grandi aziende.
Il peggioramento dei raccolti, l'infertilità dei terreni e l'aumento della povertà alimentare colpiscono la maggior parte dei piccoli agricoltori di tutto il mondo, soprattutto nel sud del mondo. Ma le crisi climatiche e alimentari non sono fenomeni isolati. Sono il risultato di un sistema capitalistico globale - e di un'agenda neoliberale - che ha dato priorità ai profitti delle grandi multinazionali agricole rispetto alle persone e al pianeta.
Il peggioramento dei raccolti, l'infertilità dei terreni e l'aumento della povertà alimentare colpiscono la maggior parte dei piccoli agricoltori di tutto il mondo, soprattutto nel sud del mondo. Ma le crisi climatiche e alimentari non sono fenomeni isolati. Sono il risultato di un sistema capitalistico globale - e di un'agenda neoliberale - che ha dato priorità ai profitti delle grandi multinazionali agricole rispetto alle persone e al pianeta.

"La maggior parte degli agricoltori non è più in grado di produrre cibo adeguato per le proprie famiglie", afferma Vladimir Chilinya. "Le entità a scopo di lucro controllano i nostri sistemi alimentari... compresa la produzione e la distribuzione delle sementi".

Chilinya è un coordinatore zambiano di FIAN International, un'organizzazione che si batte per la democratizzazione del cibo e della nutrizione.

Il peggioramento dei raccolti, l’infertilità dei terreni e l'aumento della povertà alimentare colpiscono la maggior parte dei piccoli agricoltori in tutto il mondo, soprattutto nel Sud globale. I prezzi del grano sono aumentati del 59% dall'inizio del 2022.

A maggio il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha avvertito che il numero di persone che soffrono la fame è aumentato di oltre il 500% dal 2016 e più di 270 milioni di persone vivono ora in condizioni di estrema insicurezza alimentare.

Sebbene l'invasione dell'Ucraina da parte di Vladimir Putin abbia esacerbato questa crisi (Russia e Ucraina rappresentano il 30% delle esportazioni mondiali di grano, che costituiscono il 12% delle calorie commerciate), il cambiamento climatico e il capitalismo sono i motori principali di questa emergenza alimentare globale.

L'IPCC ha stimato che entro il 2030 il riscaldamento globale diminuirà la produzione agricola media mondiale di oltre un quinto. Secondo il Ministero dell'Agricoltura dello Zambia, il raccolto di mais per il 2021/22 nel paese dovrebbe diminuire di un quarto, a causa di siccità e inondazioni improvvise tra il 2019 e il 2021.

Nel frattempo, l'India e il Pakistan hanno registrato a marzo e aprile le temperature più alte dall'inizio delle registrazioni, 122 anni fa. Da allora l'India ha vietato le esportazioni di grano (dopo che il governo non è riuscito ad acquistare abbastanza grano per coprire il suo programma di sicurezza alimentare), il che ha ulteriormente aggravato la carenza di grano a livello mondiale e l'impennata dei prezzi alimentari globali.

Ma le crisi climatiche e alimentari non sono fenomeni isolati. Sono il risultato di un sistema capitalistico globale - e di un'agenda neoliberale - che ha dato priorità ai profitti delle grandi multinazionali del settore rispetto alle persone e al pianeta.

L’industrializzazione dell’agricoltura

Questo processo ha preso forma durante la cosiddetta "Rivoluzione verde" in India, alla fine degli anni Sessanta. Questo movimento, frutto della collaborazione tra India e Stati Uniti (con USAID e Fondazione Ford come attori principali), dipendeva dall'uso di prodotti agrochimici e dalla coltivazione intensiva delle piante.

Furono introdotte colture ibride ad alto rendimento - la principale delle quali fu l'IR8, una varietà di riso semi-nano - insieme all'uso di fertilizzanti, pesticidi e molta acqua di falda (queste colture ad alto rendimento richiedevano molta più acqua). La capacità calorica del cibo veniva valutata più della nutrizione e questi alimenti avevano mezzi di produzione costosi.

Questo spostamento verso la grande agrindustria e le monocolture più redditizie ha reso i piccoli agricoltori più dipendenti dai costosi fertilizzanti chimici, costringendoli a livelli di indebitamento sempre maggiori. In India, nel 2020 si sono tolti la vita 10.677 lavoratori agricoli, molti dei quali intrappolati da debiti crescenti dovuti agli alti costi dei fattori di produzione.

La colpa è anche delle condizioni commerciali inique e dei prestiti globali, imposti da istituzioni finanziarie multilaterali come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

I programmi di aggiustamento strutturale (PAS), introdotti dalla Banca Mondiale in seguito alla crisi del debito in America Latina e in Africa dopo la crisi petrolifera del 1979, costrinsero i paesi più poveri a privatizzare il settore pubblico e a ridurre le politiche di welfare.

L'adesione a pacchetti di politiche di rigore in quasi tutti i settori chiave - dall'agricoltura all'istruzione e alla sanità - divenne obbligatoria in cambio di qualsiasi prestito futuro da parte della Banca Mondiale o del FMI.

I PAS significarono per i paesi indebitati del Sud globale il passaggio forzato dal dare priorità alle colture indigene, da cui dipendeva la popolazione locale, alla produzione di colture da reddito per l'esportazione. Di conseguenza, le popolazioni e gli agricoltori locali divennero più vulnerabili alla scarsità di cibo, a causa degli effetti ecologici negativi e della diminuzione dell'accessibilità al cibo.

Zambia: la privatizzazione delle sementi

In Zambia, ad esempio, il programma di aggiustamento strutturale comprendeva la privatizzazione e la liberalizzazione del sistema sementiero. Il programma cominciò con la liberalizzazione e la deregolamentazione di ZAMSEED a metà degli anni '90, che portò a un calo del sostegno alle cooperative di agricoltori. Inoltre, la priorità del mais come coltura da reddito ha portato a una diminuzione della varietà delle colture, il che significa che la popolazione locale ha meno fonti alimentari a disposizione. 

"A seguito dei recenti cambiamenti politici, la priorità viene data alla produzione di mais. Questo è uno dei fattori chiave della pratica della monocoltura, responsabile della riduzione delle varietà di alimenti disponibili in Zambia", ha dichiarato Chiliniya del FIAN a openDemocracy.

La FIAN sta documentando come il controllo da parte delle corporation dell'agricoltura stia indebolendo la sicurezza alimentare. I sistemi di sementi sono passati dall'essere gestiti da cooperative (che danno agli agricoltori più potere e prezzi equi) all'essere gestiti dalle corporation (che danno priorità ai profitti).

"I sistemi di sementi gestiti dagli agricoltori sono stati sostituiti da sistemi di sementi commerciali", ha detto Chilinya. "La maggior parte dei piccoli agricoltori non è in grado di acquistare le sementi al prezzo commerciale e quindi non può coltivare cibo".

Queste sementi commerciali sono anche più vulnerabili alle condizioni climatiche estreme. "La maggior parte delle persone si concentra sulle colture da reddito a scapito di altre colture che sono più resistenti ai cambiamenti climatici estesi. In seguito a cambiamenti climatici estremi come quelli del 2020 e 2021, il paese andrà incontro a una carenza alimentare", ha aggiunto Chiliniya. Secondo il Programma Alimentare Mondiale (WPF), il 48% della popolazione zambiana non è in grado di soddisfare il fabbisogno minimo di calorie.

Kenya: la crisi alimentare

openDemocracy ha parlato anche con attivisti per la giustizia alimentare in Kenya, che sta vivendo una grave crisi alimentare. "Il degrado del suolo sta influenzando la produzione alimentare in Kenya a causa dell'uso eccessivo di fertilizzanti chimici", ha dichiarato Leondia Odongo, cofondatrice dell'organizzazione di giustizia sociale Haki Nawiri Afrika.

Come in Zambia, la colpa è dell'eredità disastrosa dei PAS. Nel 1980 il Kenya è stato uno dei primi Paesi a ricevere un prestito per l'adeguamento strutturale dalla Banca Mondiale. Il prestito era subordinato alla riduzione dei sussidi essenziali per la produzione agricola, come i fertilizzanti. Questo processo ha favorito il passaggio a colture da reddito destinate all'esportazione, come tè, caffè e tabacco, invece di prodotti di base per la popolazione locale, come mais, grano e riso.

"I mezzi di produzione agricola, che prima venivano forniti gratuitamente agli agricoltori, sono finiti nelle mani di entità private con il pretesto dell'efficienza", ha spiegato Odongo. "Questo ha fatto sì che i piccoli agricoltori siano stati abbandonati alla mercé delle multinazionali dell'industria delle sementi e dell'agrochimica, che ingannano gli agricoltori con informazioni su sementi e prodotti chimici".

Un recente rapporto di Save the Children e Oxfam ha rilevato che 3,5 milioni di persone in Kenya stanno già soffrendo la fame e che

 questa cifra è destinata a salire a cinque milioni. Nel frattempo, è stato finanziato solo il 2% dei 4,4 miliardi di dollari necessari per gli aiuti umanitari (per Kenya, Etiopia e Somalia).

L'aggiustamento strutturale ha trasformato il Kenya in un esportatore di cibo. Nel Paese la malnutrizione rimane alta in modo preoccupante, con il 29% dei bambini nelle aree rurali e il 20% dei bambini nelle città che soffrono di stitichezza. Nonostante i deficit che minacciano la sicurezza alimentare della popolazione, il Kenya rimane un esportatore di cibo vitale, con esportazioni importanti di tè, caffè, verdure e fiori recisi.

Mantenere le dimensioni ridotte e locali

Nonostante occupino meno del 25% dei terreni agricoli del mondo, i piccoli agricoltori forniscono il 70% del cibo mondiale. In Kenya, Haki Nawiri Afrika si oppone alla corporativizzazione dell'agricoltura assistendo gli agricoltori locali con conoscenze tecniche. L'insegnamento di competenze pratiche ai piccoli agricoltori permette loro di riappropriarsi della propria terra e dei propri raccolti.

In Zambia, il FIAN sta aiutando i piccoli agricoltori a tornare alle pratiche agricole e alle sementi indigene per aumentare la resilienza e migliorare la sicurezza alimentare. Diversificando i sistemi alimentari e abbandonando le monocolture, i piccoli agricoltori possono continuare a fornire cibo a sufficienza alle loro comunità e a costi inferiori.

Questi movimenti di piccoli agricoltori si scontrano con la "Grande Filantropia", come la controversa Alleanza per la Rivoluzione Verde in Africa (AGRA), finanziata dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, che sta replicando la strategia aziendale della Rivoluzione Verde.

Tuttavia, sperano che la loro lotta per de-mercificare la terra e per ricostruire un rapporto sostenibile con essa possa contribuire a realizzare il secondo obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: porre fine alla fame entro il 2030.

Adele Walton è una scrittrice freelance e creatrice di contenuti specializzata in politica, disuguaglianza globale e cultura.

Foto: Stephan Geyer / Flickr

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

The mission of the Wire is bold: to take on the capitalist media by creating a shared space for the world’s radical and independent publications, building a coalition that is more than the sum of its parts.

Together with over 40 partners in more than 25 countries — and the relentless efforts of our team of translators — we bring radical perspectives and stories of grassroots struggles to a global audience.

If you find our work useful, help us continue to build the Wire by making a regular donation. We rely exclusively on small donors like you to keep this work running.

Support
Available in
EnglishPortuguese (Brazil)GermanItalian (Standard)TurkishSpanish
Author
Adele Walton
Date
11.08.2022

More in Economy

Economy
2020-08-14

Alves & Kvangraven: Reclaiming Economics After Covid-19

Receive the Progressive International briefing
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell