Labor

Lavoratori del petrolio in sciopero chiedono migliori salari e migliori condizioni di lavoro in Iran

Operai petrolchimici in sciopero in Iran.
Decine di migliaia di lavoratori a contratto sono in sciopero in Iran. Chiedono salari e condizioni di lavoro migliori, orari di lavoro ridotti e un'adeguata sicurezza sociale, oltre al diritto all'assistenza sanitaria gratuita, all'istruzione gratuita, a un alloggio accessibile e a un sindacato.
Decine di migliaia di lavoratori a contratto sono in sciopero in Iran. Chiedono salari e condizioni di lavoro migliori, orari di lavoro ridotti e un'adeguata sicurezza sociale, oltre al diritto all'assistenza sanitaria gratuita, all'istruzione gratuita, a un alloggio accessibile e a un sindacato.

Lo sciopero si è diffuso in tutto il paese, coinvolgendo migliaia di lavoratori in oltre 22 raffinerie e altri centri di lavorazione del petrolio e del gas, tra cui Jahan Pars, Gachsaran Petrochemicals, Teheran Refinery e Abadan Refinery, e costringendo diversi progetti a sospendere le operazioni.

Gli scioperi sono iniziati il 22 giugno, guidati principalmente da lavoratori temporanei e a contratto nel settore petrolchimico, ma si sono successivamente estesi ai lavoratori delle industrie del petrolio e del gas naturale. I dipendenti regolari degli impianti di proprietà del governo dovrebbero iniziare lo sciopero nei prossimi giorni.

I lavoratori sono impiegati da aziende subappaltatrici che forniscono manodopera per progetti di sviluppo nei campi di petrolio e gas, e cercano di controllare le richieste dei lavoratori impiegandoli con contratti a breve termine.

I lavoratori in sciopero sostengono che le condizioni nei dormitori sono precarie e antigieniche, il cibo nelle mense è inferiore agli standard e i salari sono bassi.

Lo sciopero è definito "Campagna 1400", in riferimento all'attuale anno solare iraniano 1400. I lavoratori chiedono anche i salari arretrati e il reintegro di 700 colleghi licenziati durante lo sciopero.

Ci sono circa 154.000 lavoratori temporanei o a contratto nel settore energetico e petrolchimico iraniano che non godono dei benefici dei dipendenti regolari.

Attualmente, i dipendenti non regolari ricevono meno di 300 dollari al mese, e chiedono circa 500 dollari per poter sbarcare il lunario. L'Iran sta lottando con un tasso di inflazione annuale di quasi il 50% da quando gli Stati Uniti hanno imposto nuovamente brutali sanzioni al paese nel 2018, ritirandosi unilateralmente da un accordo nucleare del 2015 che doveva offrire all'Iran un alleggerimento delle sanzioni in cambio di restrizioni sul programma nucleare del paese.

Poiché i sindacati indipendenti non sono riconosciuti dal governo e sono sistematicamente silenziati, l'azione di sciopero è stata coordinata da comitati di sciopero dei lavoratori che hanno rilasciato finora 3 dichiarazioni per esporre le loro richieste.

Quella che segue è una traduzione della prima di queste dichiarazioni, rilasciata il 20 giugno 2021:

Dichiarazione dei lavoratori a contratto nelle raffinerie, nelle centrali petrolchimiche e nelle centrali elettriche dell'Iran

Noi, i lavoratori a contratto delle raffinerie, della petrolchimica e delle centrali elettriche, riprendiamo in massa i nostri scioperi generali, così come avevamo annunciato, per protestare contro il misero livello dei salari, la riduzione quotidiana del nostro potere d'acquisto e la violazione delle promesse. Portiamo avanti le nostre rivendicazioni riunendoci davanti ai nostri centri di lavoro. Il 29 di Khordad* (19 giugno 2021), i nostri colleghi della centrale elettrica di Farab Bidkhoon hanno scioperato, chiedendo un aumento dei salari e un calendario di 20 giorni lavorativi e 10 giorni di ferie, chiamato Piano Venti - Dieci, e tutti insieme hanno lasciato la centrale elettrica diretti alle loro case. Questi lavoratori hanno dichiarato di non essere disposti a tornare alla centrale finché le loro richieste non saranno soddisfatte.

Il nostro è uno sciopero di avvertimento e durerà una settimana. Il 9 di Tir* (30 giugno 2021), ci uniremo alle file dei nostri colleghi regolari che hanno annunciato la loro protesta. Durante questa settimana di proteste, ci riuniremo nei nostri posti di lavoro per cercare di prendere decisioni collettive e far sentire la nostra voce tra i nostri colleghi ovunque.

Le nostre richieste sono:

  • Il salario di ogni lavoratore del settore petrolifero non deve essere inferiore a 12 milioni di tomans,* e i salari devono aumentare immediatamente e di pari passo con l'aumento del prezzo delle merci. Inoltre, altri livelli salariali devono essere concordati con i rappresentanti eletti dei lavoratori.
  • Il ritardo nel pagamento dei salari è un crimine e un furto evidente. I salari devono essere pagati puntualmente ogni mese.
  • Ci opponiamo al lavoro temporaneo e a quello a contratto. Vogliamo che le mani degli appaltatori siano tenute lontane [dal nostro lavoro], e vogliamo sicurezza del lavoro e contratti di lavoro permanenti. No al licenziamento dei lavoratori.
  • Le leggi schiaviste delle zone economiche speciali, che sono una barriera tra noi e gli altri settori lavorativi della società, e in base alle quali i datori di lavoro parassiti sono autorizzati a commettere qualsiasi tipo di violazione contro le nostre vite e i nostri mezzi di sussistenza, devono essere abrogate immediatamente.
  • Vogliamo che il nostro ambiente di lavoro sia sicuro. I nostri ambienti di lavoro sono come bombe esplosive: incendi terribili, cadute dall'alto, inquinamento acustico causato dall'esplosione di prodotti petroliferi, inalazione di sostanze tossiche e chimiche, oltre a condizioni sanitarie e cliniche non conformi alle norme, sono il prezzo che paghiamo ogni giorno, e hanno causato molti danni mentali e vittime tra i lavoratori. Lavorare nel caldo torrido dell'estate senza le necessarie attrezzature di raffreddamento e i condizionatori d'aria ha centuplicato la pressione del lavoro. L'industria petrolifera è una parte importante e redditizia della società. I nostri centri di lavoro devono essere sicuri e dotati dei più alti standard ambientali. Nell'industria petrolifera dovrebbero essere stanziati fondi sufficienti per rendere sicuri gli ambienti di lavoro,dotare i centri di lavoro degli impianti di raffreddamento e riscaldamento necessari e dei condizionatori d'aria — tanti quanti sono necessari — e per migliorare gli standard sanitari nei dormitori e nei luoghi pubblici come i bagni, i locali doccia ecc.
  • Noi lavoratori del petrolio siamo stanchi della militarizzazione dei nostri ambienti di lavoro, e questa situazione deve finire. Organizzarci, riunirci e protestare sono tra i nostri diritti inalienabili.

In conclusione, esprimiamo il nostro pieno sostegno ai nostri colleghi regolari del settore petrolifero, i quali hanno annunciato che se le loro richieste non saranno soddisfatte protesteranno il 9 di Tir (30 giugno 2021).Il loro appello è di riunirsi in quel giorno.

Le richieste che abbiamo espresso sono le richieste di tutti i lavoratori del petrolio, compresi i nostri colleghi con contratto a tempo indeterminato. Inoltre, questi colleghi protestano contro l'aumento salariale del piano 1400, che è in realtà un'offesa alla loro vita e ai loro mezzi di sussistenza, contro l'imposizione di pesanti tasse sui loro salari, e contro la mancata applicazione dell'articolo 10, con la conseguente eliminazione di alcune delle loro voci salariali.

Al centro delle proteste dei nostri colleghi regolari, così come delle nostre come lavoratori a contratto, c'è la questione dei salari: la loro insufficienza per le nostre spese di vita e di sussistenza, l'aumento vertiginoso dei prezzi dei beni e degli alloggi e la privazione dei bisogni fondamentali come le cure mediche gratuite, l'istruzione per tutti e il diritto all'alloggio hanno reso la vita difficile a noi e a tutte le persone della nostra società. Noi vogliamo che questi diritti fondamentali siano realizzati e vogliamo cure mediche e istruzione gratuite per tutte le persone. Una vita umana decente è un diritto di tutti noi, il popolo.

Consiglio per l'organizzazione delle proteste dei lavoratori a contratto del petrolio

30 Khordad 1400 (20 giugno 2021)

*Khordad è il terzo mese del calendario solare Hijri, che è il calendario ufficiale dell'Iran.

*Tir è il quarto mese del calendario solare Hijri, che è il calendario ufficiale dell'Iran.

*Il dollaro statunitense si scambia oggi a quasi 24.700 tomans sul mercato libero di Teheran.

Foto: fair use

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishFrenchGermanSpanishItalian (Standard)Portuguese (Brazil)Turkish
Translators
Amina Attia El Tabakh and Diego Malquori
Date
16.07.2021

More in Labor

Labor

Geoff Tily: The Grip of Brotherhood the World O'er

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell