Economy

I sindacati degli insegnanti ungheresi si uniscono contro il rifiuto del governo Orban di migliorare le condizioni di lavoro

Due importanti sindacati degli insegnanti ungheresi uniscono le forze per presentare quattro nuove richieste, alla luce della continua inazione del governo.
Dopo aver rimandato i loro piani di sciopero a causa della pandemia di COVID-19, le condizioni di lavoro degli insegnanti in Ungheria non hanno fatto altro che peggiorare. Ora, i due principali sindacati ungheresi coordineranno le loro azioni per sfidare il governo Orban sui salari, la carenza di personale e gli alti carichi di lavoro.
Dopo aver rimandato i loro piani di sciopero a causa della pandemia di COVID-19, le condizioni di lavoro degli insegnanti in Ungheria non hanno fatto altro che peggiorare. Ora, i due principali sindacati ungheresi coordineranno le loro azioni per sfidare il governo Orban sui salari, la carenza di personale e gli alti carichi di lavoro.

In una conferenza stampa congiunta in occasione della Giornata Mondiale degli Insegnanti martedì 5 ottobre, i due principali sindacati degli insegnanti in Ungheria - il Sindacato degli Insegnanti (Pedagógusok Szakszervezete, PSZ) e il Sindacato Democratico degli Insegnanti (Pedagógusok Demokratikus Szakszervezete, PDSZ) - hanno iniziato congiuntamente trattative di sciopero con il governo a causa della carenza di insegnanti, dei bassi salari e degli insostenibili carichi di lavoro. 

Zsuzsa Szabó, presidente del Sindacato degli Insegnanti (PSZ), ha dichiarato all'evento che il suo sindacato lancia invano l’allarme dal 2018 sulle tensioni salariali e la carenza di personale. Ha ricordato che le trattative di sciopero erano state avviate nel marzo 2020, poco prima che l'Ungheria fosse colpita dalla prima ondata della pandemia COVID-19. Considerando che la protezione della vita e della salute è più importante, il comitato di sciopero sospese le trattative. 

Dato che il governo si rifiuta ancora di affrontare i problemi identificati dal suo sindacato, Szabó ritiene che sia il momento di reiterare le loro richieste, e questa volta in collaborazione con l'altro grande sindacato del Paese. La presidente del PSZ ha detto che attualmente mancano 12.000 persone nel sistema scolastico, senza contare quelli che hanno dovuto o devono essere sostituiti a causa della pandemia. Ha sottolineato che in un tale stato di sovraccarico di lavoro, gli insegnanti non possono fornire l'istruzione a cui i bambini hanno diritto.

Il PSZ ha quindi deciso di fondere il suo comitato di sciopero con il PDSZ, dato che considerano la questione di eccezionale importanza. Un'azione coordinata è "necessaria per ottenere un risultato dal governo".

Erzsébet Nagy, membro del comitato esecutivo nazionale del PDSZ, ha aggiunto che un'azione coordinata è importante anche perché gli stipendi degli insegnanti sono ancora calcolati sulla base del salario minimo del 2014 (101.500 HUF = 283 EUR / 326 USD). Inoltre, nel 2015 fu abolita la garanzia che gli stipendi degli insegnanti avrebbero mantenuto il loro valore reale. 

Secondo i calcoli del PSZ, in termini di salario minimo del 2021 (167.400 HUF = 465 EUR / 536 USD), il governo ha sottratto in media 17 mesi di stipendio ad ogni insegnante tra il 2015 e l'ottobre 2021. Per l'inizio dell'anno scolastico, il PDSZ ha condotto un'indagine tra i lavoratori dell'istruzione pubblica sul loro sostentamento e la loro sicurezza finanziaria. Le risposte dei 2525 partecipanti hanno rivelato che una percentuale considerevole di insegnanti ha sperimentato una qualche forma di difficoltà finanziaria, e che gli insegnanti sono generalmente insoddisfatti della loro retribuzione.

Nagy ha ricordato che ci sono state vaghe promesse di un possibile aumento dei salari, ma non sono state prese decisioni specifiche - ed è per questo che è importante reiterare le loro richieste al governo. Katalin Novák, ministra della famiglia senza portafoglio, ha detto di recente che considera irrealistico collegare la base di calcolo dei salari al salario minimo, sebbene anche lei trovi necessario un aumento salariale. Gergely Gulyás, ministro dell'Ufficio del Primo Ministro, ha accennato a un piccolo aumento salariale per gli insegnanti alla riunione del governo del 29 settembre, ma non ha fornito dettagli specifici.

Nagy ha anche sottolineato l'importanza della creazione di un comitato di sciopero congiunto, dato che il governo è legalmente obbligato ad avviare negoziati con i sindacati.

Szabó e Nagy hanno presentato una lista congiunta di quattro richieste formulate dal PSZ e dal PDSZ:

  1. La base di partenza per la paga di base degli insegnanti dovrebbe essere l'attuale salario minimo, pagato retroattivamente dal 1° settembre. 
  2. Anche la paga garantita per il personale non docente nel settore dell'istruzione dovrebbe essere aumentata retroattivamente dal 1° settembre. 
  3. L'orario di lavoro degli insegnanti dedicato all'istruzione e all'insegnamento non dovrebbe superare le 22 ore settimanali a partire dal 1 settembre 2021. 
  4. Gli assistenti pedagogici e gli assistenti educativi speciali, che attualmente dedicano 40 ore alla settimana ai loro compiti, dovrebbero essere impiegati per un massimo di 35 ore alla settimana e dovrebbero avere 5 ore alla settimana fuori dall'istituzione per il riposo e la preparazione, proprio come gli insegnanti.

Nagy e Szabó hanno comunicato le loro richieste al primo ministro Viktor Orbán per iscritto dopo la conferenza stampa. Rispondendo a una domanda, hanno evidenziato che il governo è legalmente obbligato a nominare i partner negoziali dello sciopero entro cinque giorni. Szabó ha anche menzionato che è stata inviata una lettera ai partiti parlamentari chiedendo loro di presentare una proposta per i lavoratori dell'istruzione.

Quando gli è stato chiesto cosa faranno se ci sarà un aumento di stipendio per gli insegnanti non legato al salario minimo, Nagy ha risposto che dipenderà dall'offerta, ma che avrebbero insistito per garantire qualche tipo di promozione per gli insegnanti in futuro.

Szabó ha aggiunto che miravano a garantire un sistema integrato in modo da non dover chiedere un aumento ogni anno. Tamás Totyik, vicepresidente del PSZ, ha sottolineato che il loro obiettivo è quello di evitare che gli insegnanti guadagnino meno del salario minimo o del salario minimo garantito sotto qualsiasi governo.

La conferenza stampa è stata trasmessa in diretta da Mérce. È disponibile sulla pagina Facebook di Mérce.

Bence Bogatin è uno dei redattori di Mercé, un sito di notizie ungherese creato nel 2017 a fronte dell'ascesa dell'estrema destra nel Paese.

Foto: PDSZ - Pedagógusok Demokratikus Szakszervezete, Facebook

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanHungarianSpanishItalian (Standard)Portuguese (Brazil)
Author
Bogatin Bence
Translators
Annarita Natale and Elisa Ciraci
Date
19.11.2021

More in Economy

Economy

Alves & Kvangraven: Reclaiming Economics After Covid-19

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell