Economy

Il mito della moda 'etica': come una multinazionale dell'abbigliamento ha trascurato le sue lavoratrici

La pandemia di COVID-19 è stata usata come scusa per nascondere azioni contro le lavoratrici e i lavoratori da parte dei marchi di abbigliamento e delle fabbriche dei loro fornitori.
Il peso delle interruzioni economiche causate dalla pandemia COVID-19 è stato scaricato fino al livello più basso della catena di approvvigionamento: ad esempio sulle lavoratrici dell'industria dell'abbigliamento indiana. Le fabbriche fornitrici hanno spinto in maniera particolare contro i lavoratori sindacalizzati mentre i marchi se ne sono lavati le mani.
Il peso delle interruzioni economiche causate dalla pandemia COVID-19 è stato scaricato fino al livello più basso della catena di approvvigionamento: ad esempio sulle lavoratrici dell'industria dell'abbigliamento indiana. Le fabbriche fornitrici hanno spinto in maniera particolare contro i lavoratori sindacalizzati mentre i marchi se ne sono lavati le mani.

"Dove ti nascondi, H&M?... Se non vieni fuori e ti schieri con noi ora, significa che sei complice dell'abbattimento dei sindacati e della chiusura dell'azienda. I vostri profitti sono fatti con il sudore del nostro lavoro... Per favore, chiedete a Gokaldas di riaprire la fabbrica".

Il 7 luglio 2020 Shobha, un'operaia licenziata nella fabbrica Euro Clothing Company-2 (ECC-2) di proprietà della Gokaldas Exports, registrò un video in cui faceva questo appello. Il video faceva parte di una campagna internazionale intrapresa dal suo sindacato - il Garment and Textile Workers Union (GATWU, Unione dei Lavoratori dell’Abbigliamento e del Tessile) - che chiedeva a H&M, l'unico committente della fabbrica, di rispettare i suoi impegni nella protezione dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.

Quando il video di Shobha fu pubblicato sui social media, era già passato un mese da quando le lavoratrici ei lavoratori avevano iniziato la loro protesta contro il licenziamento improvviso e illegale annunciato dalla Gokaldas Exports nell'unità ECC-2. Le lavoratrici e i lavoratori erano sotto una pressione immensa. L'azienda aveva usato metodi illegali e coercitivi per costringere loro a dimettersi. La crescente incertezza sull'effettiva riapertura della fabbrica stava minando la determinazione delle lavoratrici e dei lavoratori a resistere contro l'azienda. La quasi totale assenza di reddito durante la pandemia di COVID-19 aveva colpito duramente le famiglie delle lavoratrici e dei lavoratori dell'abbigliamento. Tutti erano alla disperata ricerca di qualche entrata che potesse far fronte alle spese e pagare i debiti.

Apatico a queste preoccupazioni pressanti, H&M, un marchio internazionale di abbigliamento per il quale Shobha e altri 1300 lavoratrici e lavoratori lavoravano da anni, rifiutò di intervenire nella vertenza industriale. Respinse l'affermazione di Gokaldas Exports che gli ordini di H&M si erano notevolmente ridotti a causa della pandemia di COVID-19 e affermò invece che gli ordini erano rimasti allo stesso livello dell'anno precedente. È importante notare come non esista alcun meccanismo attraverso il quale queste affermazioni di entrambe le società possano essere verificate. Inizialmente, H&M dichiarò che la controversia era il risultato di "interpretazioni diverse della legge nazionale" tra GATWU e Gokaldas Exports. Da parte sua, H&M disse che stava "facilitando" incontri con le entità contendenti per risolvere la situazione.

Questa dichiarazione dà l'impressione che H&M stesse facendo più di ciò che dovesse effettivamente fare, che stesse facendo una sorta di favore alle lavoratrici e ai lavoratori.

Niente potrebbe essere più lontano dalla verità.

Violando il suo impegno a proteggere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori

Sul suo sito web, H&M ha una sezione intitolata "Pratiche di acquisto responsabile" in cui afferma il suo impegno per "salvaguardare il trattamento equo dei lavoratori dell'abbigliamento e fornire un ambiente di lavoro sano". H&M menziona anche il fatto di essere un "membro fondatore" di ACT (Action, Collaboration and Transformation, Azione, Collaborazione, Trasformazione) e di aver firmato, insieme ad altri 20 marchi, un accordo con IndustriALL, un sindacato globale. L'accordo mira a "trasformare l'industria dell'abbigliamento, del tessile e delle calzature e raggiungere salari minimi per le lavoratrici e i lavoratori attraverso la contrattazione collettiva a livello industriale legata alle pratiche di acquisto".

Questo ha formato la base per un accordo individuale, chiamato Global Framework Agreement (GFA, Accordo Quadro Globale), tra H&M e IndustriALL. Nel GFA, H&M si è impegnata a usare "attivamente tutta la sua leva possibile per assicurare che i suoi fornitori diretti e i loro subappaltatori che producono merce venduta in tutte le operazioni di vendita al dettaglio di H&M rispettino i diritti umani e sindacali sul posto di lavoro".

Nel suo video, Shobha e il GATWU chiedevano che H&M tenesse fede a questo impegno. La Gokaldas Exports aveva preso la decisione arbitraria di chiudere l'unica fabbrica che aveva una forza lavoro sindacalizzata. Le altre fabbriche dell'azienda, dove vengono prodotti i capi di abbigliamento H&M e dove non c'è un sindacato dei lavoratori, non erano state toccate.

La campagna del GATWU nei forum internazionali si è concentrata sul far accettare alla H&M la sua responsabilità nei confronti dei lavoratori. Lo ha fatto cercando di attivare il meccanismo di risoluzione delle controversie, il National Monitoring Committee (NMC,Comitato Nazionale di Monitoraggio), che H&M ha istituito per risolvere le controversie industriali nelle sue fabbriche fornitrici.

Il giorno dopo la pubblicazione dei video di Shobha su internet H&M ha finalmente convocato la prima riunione della NMC, un mese dopo l'inizio delle proteste. Il presidente del GATWU, R. Prathibha, ci ha detto che nelle riunioni e nelle comunicazioni H&M ha sostenuto di essere solo un "facilitatore", di non avere alcun controllo su quale unità Gokaldas Exports assegni gli ordini di H&M; e che il suo potere si limita solo a certificare le unità dell'azienda come idonee a produrre i suoi ordini e nulla di più. Nonostante le prove delle violazioni dei diritti dei lavoratori da parte di Gokaldas Exports e i metodi coercitivi con cui raccoglieva le dimissioni delle lavoratrici e dei lavoratori, H&M si è rifiutata di condannare e imporsi sulla sua fabbrica fornitrice per il rispetto dei diritti della forza lavoro.

La superficialità dell'impegno di H&M nel meccanismo tripartito (cioè l'NMC) fu messa in evidenza dal fatto che la successiva riunione dell'NMC si svolse il 6 agosto 2020, due mesi dopo l'inizio della protesta. A quel punto, la maggior parte delle lavoratrici e dei lavoratori si era dimessa e il resto si era trasferito in un'altra fabbrica della Gokaldas Exports a Mysore. Con la sua inazione, H&M aveva fatto in modo che la Gokaldas Exports raggiungesse il suo obiettivo di chiudere la fabbrica, convincendo le dipendenti e i dipendenti a dare le loro dimissioni. Fu solo grazie alla resistenza sostenuta, guidata dal GATWU, che le lavoratrici e i lavoratori riuscirono almeno a ottenere pacchetti di compensazione più alti dei loro colleghi che si erano dimessi nel corso della protesta.

Incuranti, irresponsabili e avidi di profitto: i marchi di abbigliamento durante la pandemia

La condotta di H&M durante questo episodio non è eccezionale. Diversi rapporti di organizzazioni internazionali di controllo hanno sottolineato come i marchi di abbigliamento abbiano agito per limitare i loro obblighi verso le fabbriche sotto contratto. Dato che le fabbriche non possono permettersi di citare in giudizio i marchi senza conseguenze negative, il peso delle interruzioni economiche causate dalla pandemia COVID-19 è stato trasferito al livello più basso della catena di approvvigionamento: sulle lavoratrici.

Un rapporto del Workers Rights Consortium (Consorzio del Diritto dei Lavoratori) chiede ai marchi di condividere l'onere finanziario della crisi generata dalla pandemia, "invece di scaricare tutti i costi su fornitori e, di conseguenza, su dipendenti". La pandemia è stata anche usata dalle fabbriche fornitrici del sud e sud-est asiatico per colpire in modo sproporzionato le lavoratrici e i lavoratori sindacalizzati, ha dichiarato nel suo rapporto il Business and Human Rights Resource Centre (BHRRC, Centro Risorse per Affari e Diritti Umani). Pertinentemente, il BHRRC ha scoperto che i marchi internazionali che si riforniscono da queste fabbriche non sono riusciti a risolvere queste questioni nonostante il loro impegno pubblico a proteggere la libertà di associazione delle lavoratrici e dei lavoratori.

Queste azioni anti-lavoratrici e anti-lavoratori dei marchi di abbigliamento e delle loro fabbriche fornitrici, che usano la pandemia COVID-19 come scusa, sono possibili a causa di strutture normative carenti. Le fabbriche fornitrici lavorano tipicamente in paesi o regioni in cui la supervisione statale delle norme sul lavoro è pessima, se non inesistente. I marchi d'abbigliamento non hanno alcun controllo normativo per la loro condotta nei paesi in cui i loro prodotti vengono fabbricati, tranne che per i molto pubblicizzati impegni volontari per proteggere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.

Ma, come dimostra la condotta di H&M nella fabbrica ECC-2, i marchi possono sottrarsi quando gli conviene. Sulla base delle prove crescenti che queste forme di iniziative multi-parti, come il GFA tra H&M e Gokaldas, sono falliti, un rapporto di MSI Integrity afferma: "Le MSI non sono strumenti efficaci per chiedere conto alle aziende responsabili degli abusi, proteggere i titolari dei diritti contro le violazioni dei diritti umani, o fornire ai sopravvissuti e alle vittime l'accesso ai rimedi".

Nel frattempo, in risposta alla pressione internazionale generata dalla campagna del GATWU, H&M ha annunciato tardivamente che avrebbe preso in considerazione la possibilità di ritirarsi dal suo rapporto commerciale con Gokaldas Exports nei prossimi 18 mesi.

Questa risposta non ha fatto alcuna differenza per Shobha che ha dato le sue dimissioni. Inoltre non è difficile prevedere che se H&M si ritirasse, ciò comporterebbe solo la perdita di altri posti di lavoro per le lavoratrici durante una pandemia. L'annuncio di H&M, è chiaro, è per i suoi consumatori del Nord globale piuttosto che per le lavoratrici a salario minimo che confezionano i suoi vestiti.

Swathi Shivanand è consulente di ricerca presso ALF (Alternative Law Forum, Forum Alternativo di Giurisprudenza). Ha un dottorato in Storia Moderna alla JNU (Jawaharlal Nehru University) e i suoi interessi sono nelle aree di urbanismo, regionalismo, del lavoro e del genere. Potete trovarla su Twitter e Facebook.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanItalian (Standard)Portuguese (Brazil)SpanishFrench
Author
Swathi Shivanand
Translators
Diego Orlandi and Amina Attia El Tabakh
Date
03.06.2021

More in Economy

Economy

Grace Blakeley: The Future Will Be Planned

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell