Social Justice

Le guardie della comunità: autodifesa e autonomia dei popoli

Gruppi di guardie della comunità, contadini, cimarroni e indigeni, provenienti da tutta la Colombia, hanno tenuto l'Assemblea Nazionale Popolare (ANP) lo scorso luglio a Cali. Tutti loro nutrono e coltivano pratiche di potere popolare e ancestrale ereditate da secoli e organizzano i membri delle comunità intorno alla difesa dei loro rispettivi territori e spazi.
Un'intervista con i capi della guardia delle comunità contadine, indigene e di cimarroni [i discendenti degli schiavi africani] sui processi che hanno messo in atto dall'inizio dello Sciopero Nazionale in Colombia. Per loro, l'auto-giustizia va oltre l'esercizio dell'autorità: significa proteggere il loro territorio e la vita di coloro che abitano le loro terre.
Un'intervista con i capi della guardia delle comunità contadine, indigene e di cimarroni [i discendenti degli schiavi africani] sui processi che hanno messo in atto dall'inizio dello Sciopero Nazionale in Colombia. Per loro, l'auto-giustizia va oltre l'esercizio dell'autorità: significa proteggere il loro territorio e la vita di coloro che abitano le loro terre.

L'Assemblea Nazionale Popolare (ANP) che ha avuto luogo dal 17 al 19 luglio all'Università di Valle, a Cali, è stata sistematicamente presa di mira e sabotata dalle forze pubbliche. Ma l'intervento delle guardie della comunità di cimarroni, indigena e contadina e dei manifestanti in prima linea ha garantito uno spazio sicuro e pacifico per l'incontro.

Guardia Cimarrona (Guardia dei cimarroni)

"I poliziotti sanno trattare gli altri come poliziotti, un guerrigliero come guerrigliero, e i paramilitari come paramilitari", ha detto Manuel Correa, "(...) ognuno ha la sua ideologia, ma sono lontani dalla cosmovisione del popolo nero". Correa è un leader comunitario nel comune di Riosucio, Bajo Atrato (Chocó); fa parte della Asociación de Consejos Comunitarios y Organizaciones del Bajo Atrato (Ascoba - Associazione dei Consigli comunitari e organizzazioni del Bajo Atrato) ed è anche il secondo maggiore della Guardia dei cimarroni per questa regione.

Per Manuel, assumere il ruolo di guardia della comunità è stato un esercizio di potere popolare, che aiuta a mantenere una stretta relazione con il sapere ancestrale dei popoli neri. Molti statuti e disposizioni legali sono stati introdotti per proteggere l'autonomia dei territori collettivi, come quelli del Decreto 1745 del 1995, così come l'Accordo di Pace e il Capitolo Etnico. Ma la realtà è diversa per coloro che vivono in questi ambienti di costante corruzione, espropriazione delle terre e violazione dei diritti umani.

"Vedono la Guardia come una spina nel fianco, perché è anche un controllo interno ed esterno. La Guardia non risolverà tutti i problemi, ma può assegnare compiti e smascherare quando qualcuno imbroglia la comunità", dice Manuel.

guardia cimarrona

La Guardia dei cimarroni discende dalla popolazione di colore che fu schiavizzata durante l’era coloniale e guadagnò la propria libertà scappando a San Basilio Palenque (Bolívar), dove continuarono la lotta.

In un luogo ricco di sfumature come il Chocó, dove sono presenti diversi gruppi armati legali e illegali, far parte della Guardia dei cimarroni è un compito rischioso che li espone ad assalti, minacce e assassinii. Nonostante il pericolo, affermano di raccogliere ogni giorno le forze per consolidare un progetto che ha al suo centro una resistenza storica.

Queste pratiche comunitarie di potere popolare si sono rafforzate dall'agosto 2013 quando, per la prima volta, oltre settemila voci di diversi territori hanno tenuto il Primo Congresso Nazionale dei Popoli Neri, Afrocolombiani, Raizal e Palenquero, a Quibdó (Chocó). Qui le comunità hanno consolidato molti dei mandati con i quali cercano di proteggere gli spartiacque, la terra, gli animali, i semi, la medicina ancestrale e le pratiche culturali.

Guardia Campesina (Guardia contadina)

"Chi siamo noi? Guardia Campesina!

Cosa difendiamo? La vita e la terra!"

La resistenza e l'organizzazione della Guardia Campesina derivano dalle necessità strutturali delle proprie comunità, colpite da diversi livelli di violenza.

"Sappiamo che i governi oppressivi non hanno mai considerato i bisogni dei contadini. Nei nostri territori ci sono contadini che vivono a 12 ore dalle strade principali, non ci sono sentieri, niente di niente. Nel dipartimento di Cesar solo l'1% della popolazione contadina può andare all'università, non abbiamo assistenza sanitaria (...)", assicura David Donado, membro del Movimiento de Trabajadores y Trabajadoras Campesinas (MTTC - Movimento dei Lavoratori Contadini) di Cesar, e uno dei leader della Guardia Contadina in questo dipartimento.

Le guardie contadine sono un'espressione di autonomia delle comunità che affrontano situazioni difficili in cui lo Stato è stato uno dei responsabili. Nell'estremo nord del paese, la Guardia Contadina di Catatumbo, organizzata dalla Asociación Campesina del Catatumbo (Ascamcat - (Associazione Contadina del Catatumbo), è nata nel 2014 come mezzo di autodifesa organizzata nel contesto della violenza sistematica legata ai progetti minerari ed energetici, e all'eradicazione forzata delle coltivazioni di coca nella regione.

"Cesar è elencato come uno dei dipartimenti con le maggiori riserve di carbone in Colombia e, secondo l'Agenzia Nazionale delle Miniere (ANM), queste riserve hanno prodotto il 64% del carbone totale del paese tra il 2018 e il 2019", dice David. Queste realtà rappresentano una lotta permanente per le guardie contadine, attraverso la quale si oppongono a un modello economico estrattivista che minaccia i progetti di vita delle comunità.

Secondo le guardie, l'attuale amministrazione ha diffuso un messaggio che stigmatizza il loro lavoro, il che aggrava ulteriormente la repressione contro i membri della guardia.

Secondo l'Instituto de Estudios para el Desarrollo y la Paz (Indepaz - Istituto di Studi per lo Sviluppo e la Pace), dei 310 leader sociali assassinati durante il 2020, 89 erano identificati come contadini e 19 come discendenti di popoli africani.

David Donado riconosce la Guardia Contadina come un faro di speranza per i progetti di vita delle comunità rurali. Durante lo sciopero nazionale iniziato il 28 aprile 2021, le guardie comunitarie hanno svolto un ruolo chiave che ha fatto guadagnare loro la reputazione di protettori e difensori della vita presso l'opinione pubblica.

 Guardia Indígena (Guardia Indigena)

"Il potere popolare della guardia passa attraverso la protezione del mio ambiente, del mio compagno, dei miei vicini. Capire cosa succede intorno a me, risolverlo, e da lì cominciare a vedere qual è la causa scatenante. (...) La guardia non esclude nessuno, ma invita tutti a difendere e a prendersi cura della nostra madre terra". È ciò che afferma Daniela León, una giovane donna che è una guardia del Consejo Regional Indígena del Cauca (CRIC - Consiglio Regionale Indigeno del Cauca).

Come Daniela, le donne si uniscono sempre di più alla guardia indigena di Cauca. "Vogliamo porre fine a tanti massacri sistematici nei nostri territori; per questo siamo i guardiani del territorio, e anche per questo la gente ha visto la necessità di creare guardie (di cimarroni, urbane, contadine) in diverse parti del paese affinché i membri stessi della comunità possano occuparsi della sicurezza del loro spazio", continua Daniela.

Per decenni, la Guardia Indigena di Cauca ha nutrito e coltivato le pratiche di potere popolare e ancestrale ereditate da secoli. Questa conoscenza è rappresentata dal testimone di comando che viene consegnato a coloro che sono considerati impegnati nella comunità.

"Poiché i nostri capi sono minacciati e la madre terra è in pericolo a causa dell'arrivo delle multinazionali, era necessario ristabilire e rafforzare la Guardia Indigena Kiwe the'gsa/pu'yaksa'wesx. Si tratta di gruppi di persone nominate dalla comunità, dai medici tradizionali e dalla massima autorità", secondo la Asociación de Autoridades Ancestrales Territoriales Nasa (Associazione delle Autorità Territoriali Ancestrali Nasa).

Continuando a legittimare l'esercizio dell'autoprotezione e del potere popolare.

Per le guardie indigene, dei cimarroni e contadine riunite nell'Assemblea Nazionale Popolare, la creazione di altre guardie di comunità, come le Prime Linee, fu una gran "sorpresa", come disse Manuel, membro della guardia dei cimarroni. "(...) Ma è stata una sorpresa piacevole trovare l'accettazione di tutte le persone che sono qui nel movimento popolare . Abbiamo trovato espressioni di guardie in altri ambienti, nelle città, nel possesso del territorio, nella presa di territori", dice Manuel.

Per la Prima Linea, e in accordo con quanto discusso nell'ANP, le loro pratiche sono conformi al legittimo esercizio della protesta sociale, e nascono come risposta alla brutale repressione delle forze di sicurezza durante le manifestazioni pubbliche.

A luglio, la Commissione interamericana dei diritti umani (CIDU) ha presentato 42 raccomandazioni per il rispetto dei diritti umani dei manifestanti. Secondo la sistematizzazione delle cifre dell'organizzazione Defender Libertad (Difendere la libertà), tra il 28 aprile e il 30 giugno, 84 persone sono state uccise, 106 hanno subito violenza di genere, 1.790 sono state ferite fisicamente (delle quali 298 sono difensori dei diritti umani) e 3.274 sono state arrestate.

Nei prossimi mesi, sperano di tenere la prima Assemblea Nazionale delle Guardie e delle Prime Linee, dove cercheranno di consolidare le proposte nazionali e locali nell'attuale contesto umanitario.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishSpanishPortuguese (Brazil)FrenchItalian (Standard)German
Translators
Elisa Ciraci and Diego Malquori
Date
12.10.2021

More in Social Justice

Social Justice

López Obrador: Rebuilding the World After Covid-19

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell