Social Justice

Le aziende americane dietro l'Agente Arancio sono sotto processo in Francia

Trân Tô Nga, una donna di 78 anni che è stata vittima del cocktail chimico erbicida conosciuto come Agente Arancio, sta portando in tribunale le imprese responsabili della sua produzione.
La denuncia civile prende di mira più di 20 aziende chimiche statunitensi per la loro partecipazione nella produzione dell'Agente Arancio, massicciamente impiegato dalle forze americane durante la guerra del Vietnam.
La denuncia civile prende di mira più di 20 aziende chimiche statunitensi per la loro partecipazione nella produzione dell'Agente Arancio, massicciamente impiegato dalle forze americane durante la guerra del Vietnam.

Nella sua autobiografia del 2016, Ma terre empoisonnée (La mia terra avvelenata), pubblicata in Francia da Stock e co-scritta con il giornalista Philippe Broussard, Trân Tô Nga si descrive come "la ragazza del Mekong, del colonialismo e della guerra". Racconta come, da giovane donna nel suo Vietnam natale, si arruolò come messaggera e agente di collegamento con il movimento di guerriglia comunista Viet Cong impegnato nell'aspra guerra ventennale per l'indipendenza contro l'imperialismo statunitense e il suo regime alleato nel Vietnam del Sud, che si sarebbe conclusa con la vittoria nel 1975.

Trân Tô Nga diventò direttrice di scuola ad Hanoi prima di arrivare in Francia, e ora la sua ultima battaglia sarà giocata nell'ambiente formale di un tribunale nel sobborgo meridionale di Parigi, Evry. Menziona di volersi assicurare che uno dei crimini impuniti degli Stati Uniti in Vietnam sia riconosciuto come "la lotta dell'ultima parte della mia vita". Questo crimine fu l'irrorazione di ampie zone del paese con un potente erbicida e defoliante contenente la cancerogena diossina, un cocktail chimico conosciuto come Agente Arancio, a causa del colore dipinto sui fusti in cui era conservato.

La miscela chimica tossica, prodotta da grandi aziende tra cui Monsanto e Dow Chemical, fu usata per dieci anni, fino al 1971, in quella che fu chiamata "Operazione Ranch Hand", volta a distruggere sia la copertura della giungla sotto la quale si nascondevano i combattenti Viet Cong, sia le colture che fornivano loro cibo.

"Ottanta milioni di litri di Agente Arancio furono versati sul Vietnam", ha detto Kim Vo Dihm, uno dei molti sostenitori di Trân Tô Nga e membro di un gruppo collettivo chiamato Vietnam Dioxine [N.d.T. Diossina del Vietnam] che si batte per le vittime vietnamite dell’Agente Arancio. "Colpì il 20% dei terreni forestali vietnamiti. Equivale a un ecocidio".

Tuttavia, l'ecocidio non è sancito dalla legge in Francia, che sta pensando di renderlo un "reato", nonostante il Parlamento europeo abbia adottato la richiesta che l'ecocidio sia riconosciuto internazionalmente come un crimine nel suo rapporto annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo il 20 gennaio. Centrale nel caso che si apre lunedì è invece il tributo umano dell'uso massiccio di sostanze chimiche, i cui effetti sono stati sia immediati che duraturi.

Perché oltre alla devastazione ambientale e alla contaminazione causata, milioni di vietnamiti furono esposti all'Agente Arancio: circa 4,8 milioni secondo le stime del governo vietnamita. Molti di loro - 3 milioni secondo le associazioni delle vittime - soffrirono da allora di malattie che includono il cancro (in particolare la leucemia), e i loro discendenti hanno sofferto di malformazioni per diverse generazioni. La diossina si trasmette attraverso la catena alimentare e avvelena in modo permanente il suolo.

Nell'estate del 1966, un aereo Fairchild C-123 dell'aviazione americana spruzzò la sostanza chimica sul terreno dove Trân Tô Nga si nascondeva. Nella sua autobiografia, scrive di come lavò via la sostanza appiccicosa e dimenticò rapidamente l'incidente, e di come sarebbe venuta di nuovo in contatto con la sostanza chimica, camminando nella giungla e guadando le zone umide contaminate.

Trân Tô Nga impiegò un po' di tempo prima di scoprire gli effetti apparentemente causati dall'esposizione all'Agente Arancio. Sua figlia, nata due anni dopo, morì in tenera età per una malformazione cardiaca. Nga - che in un'intervista al quotidiano francese Le Monde si è descritta come "abbastanza magra ma in buona salute, mai malata a differenza dei miei compagni" all'epoca - e i suoi due figli svilupparono diverse malattie debilitanti che sono tra quelle formalmente riconosciute come potenziali effetti delle sostanze chimiche (un certo numero di veterani dell'esercito americano che sono venuti in contatto con l'Agente Arancio hanno ricevuto un risarcimento per le malattie che ne derivano).

Nel maggio 2009, prese parte a un simbolico "tribunale dei cittadini" a Parigi: il Tribunale Internazionale di Coscienza a sostegno delle vittime vietnamite dell'Agente Arancio, che riunì magistrati, ex ministri della giustizia, esperti e testimoni da tutto il mondo. Le sue conclusioni, compresa la richiesta che gli Stati Uniti e le aziende che produssero l'Agente Arancio concedano un risarcimento alle vittime, furono inviate all'ONU e al governo degli Stati Uniti, ma il tribunale non aveva alcun potere legale formale.

Nel 2014, Trân Tô Nga presentò una denuncia in Francia (in quanto cittadina francese, ha il diritto di agire contro soggetti stranieri per presunti crimini avvenuti all'estero) contro più di 20 ditte coinvolte nella produzione dell'Agente Arancio per l'esercito americano, tra cui la Monsanto (ora Bayer-Monsanto) e la Dow Chemical. Lo scopo della causa era di stabilire la relazione diretta tra l'Agente Arancio e le morti e le malattie sviluppate da quei vietnamiti che, come lei, furono esposti alle sostanze chimiche.

Finalmente, sei anni dopo aver presentato la sua denuncia, e dopo una ventina di udienze preliminari, un tribunale del sobborgo parigino meridionale di Evry, nella giurisdizione in cui vive, ha ascoltato il caso il 25 gennaio. Per Trân Tô Nga e i suoi compagni di battaglia, è stata un'occasione storica. "Quello che voglio veramente è che milioni di vittime abbiano una speranza dopo questo processo", ha detto alla conferenza stampa prima dell'udienza. "Per dieci anni, la mia missione è stata quella di far rivivere il dramma dell'Agente Arancio, di farlo conoscere al mondo, insieme a questo crimine di guerra chimica".

Dichiara che non solo si tratta di un processo storico per le vittime vietnamite, ma che deve servire a tutti coloro che sono vittime del veleno dei prodotti chimici. "In Francia, si vedono bambini nati senza braccia o gambe, vittime del glifosato e dei pesticidi. La calamità e la sofferenza di questi veleni sono identiche. Ecco perché sostenere me riguardo al passato è anche sostenere coloro che lottano per il presente e il futuro".

La deputata francese Marie Toussaint, membro del Parlamento europeo (MEP) con il partito dei Verdi , una giurista specializzata in diritto ambientale internazionale, si è espressa come sostenitrice della campagna di Trân Tô Nga. Ha detto che confida che il processo "potrebbe anche dare speranza alle vittime del clordecone", un pesticida conosciuto come kepone che era permesso nelle piantagioni di banane nelle isole caraibiche francesi della Martinica e della Guadalupa, dove si crede che abbia causato tassi insolitamente alti di cancro alla prostata fino al 1993, anche se il suo uso era stato vietato nella Francia continentale nel 1990.

Il processo, che vedrà circa 30 avvocati difendere le aziende che hanno prodotto il cocktail chimico Agente Arancio, entra in un contesto di fallimento ricorrente delle associazioni vietnamite delle vittime di portare avanti il loro caso nei tribunali statunitensi. Poiché il governo federale degli Stati Uniti è protetto dall'azione penale, i gruppi di vittime hanno preso legalmente di mira le aziende chimiche, ma i loro casi sono sempre stati respinti, in gran parte sulla base del fatto che l'erbicida non era considerato un veleno secondo il diritto internazionale.

Finora, solo le class action [N.d.T. ricorsi collettivi] dei veterani in Vietnam dell'esercito americano e quelle dei suoi alleati sudcoreani e australiani nel conflitto sono riusciti ad ottenere un risarcimento per gli effetti dell'Agente Arancio. "I vietnamiti non sono mai stati riconosciuti come vittime, ancor meno la popolazione civile", ha commentato la giurista francese Valérie Cabanes, specializzata in diritto internazionale dei diritti umani e sostenitrice del riconoscimento globale del crimine di "ecocidio".

L'azione di Trân Tô Nga nei tribunali francesi si prospetta una lunga campagna, e qualunque sia la sentenza finale, entrambe le parti faranno probabilmente appello.

Ma non sarà la prima volta che i magistrati francesi sono chiamati a decidere su casi di uso di sostanze chimiche tossiche e le loro conseguenze, in quelle che sono state lunghe saghe legali. Uno dei casi di più alto profilo ha coinvolto il coltivatore di cereali francese Paul François, che ha presentato una denuncia contro la Monsanto (acquistata dal gruppo tedesco Bayer nel 2018) per le avvertenze insufficienti sulla manipolazione del suo diserbante Lasso, ora vietato. Dopo aver inalato accidentalmente il prodotto, ha sofferto di perdita di memoria, mal di testa e balbuzie. La sua campagna si è trasformata in una battaglia legale decennale che, nonostante tre sentenze in suo favore, non è stata risolta fino alla sentenza in appello finale della Monsanto lo scorso ottobre. La sentenza ha sancito l'azienda definitivamente colpevole della sua malattia, e ha aperto la possibilità di un risarcimento finanziario.

"Quel processo è una base molto buona", ha detto Valérie Cabanes. "Il potere distruttivo dell'Agente Arancio è stato classificato come 13 volte più grande degli erbicidi tradizionali, come il glifosato. Non sono stati colpiti solo gli ex combattenti americani, ma anche quattro milioni di vietnamiti, e fino ad oggi, circa 100.000 bambini con malformazioni sono nati in Vietnam".

Ma Cabanes ha avvertito: "La signora Tran si troverà sola di fronte a questi mostri che sono ben consapevoli che se lei vince, ci potrebbero essere richieste di giustizia da parte di altre vittime, individualmente o collettivamente".

Benchè l'Agente Arancio fu usato principalmente in Vietnam, fu anche usato in guerra altrove. Fu impiegato dalle forze armate britanniche durante la guerra pro-indipendenza del 1948-1960 in Malesia, e anche dagli Stati Uniti nelle regioni vicine come Laos e Cambogia durante la guerra del Vietnam.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishGermanFrenchSpanishItalian (Standard)Portuguese (Brazil)
Author
François Bougon
Translators
Diego Orlandi and Elisa Ciraci
Date
09.02.2021

More in Social Justice

Social Justice

Azmanova & Galbraith: Disaster Capitalism or the Green New Deal

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell