Long Reads

Brutalità della polizia: come i manifestanti resistono alle violenze degli Stati in tutto il mondo

Le forze di polizia di tutto il mondo scambiano tra loro tattiche per la gestione delle proteste: i manifestanti e le manifestanti dovrebbero fare lo stesso per difendersi.
All'inizio di quest'anno, l'introduzione di una nuova legge su "Polizia, crimine, sentenze e tribunali" ha scatenato proteste a livello nazionale nel Regno Unito che sono state accolte con brutalità. Mentre attivisti e attiviste affrontavano le forze di polizia violente nelle strade, Novara si è rivolta al resto del mondo per imparare dalla loro lotta comune.
All'inizio di quest'anno, l'introduzione di una nuova legge su "Polizia, crimine, sentenze e tribunali" ha scatenato proteste a livello nazionale nel Regno Unito che sono state accolte con brutalità. Mentre attivisti e attiviste affrontavano le forze di polizia violente nelle strade, Novara si è rivolta al resto del mondo per imparare dalla loro lotta comune.

Myanmar

Un lavoratore 24enne di una ONG a Yangon che protesta ogni giorno da due mesi:

'Usate una VPN, organizzatevi su Signal, lavate via il gas lacrimogeno con la Coca-Cola e filmate tutto'.

In Myanmar, stiamo protestando in tutto il paese da quando i militari hanno preso il potere il 1° febbraio. Centinaia di migliaia di persone scendono in piazza ogni giorno per sfidare la polizia e i soldati, che terrorizzano la popolazione con arresti arbitrari e violenze. Circa 550 persone sono state uccise, per la maggior parte manifestanti colpiti durante le manifestazioni.

Dobbiamo organizzarci rapidamente, in modo flessibile e creativo, dato che le autorità cercano di reprimere l'organizzazione, ad esempio spegnendo ad intermittenza i dati cellulari e le connessioni wi-fi.

Inizialmente abbiamo usato gruppi su Facebook per coordinare le proteste, ma ciò ha reso troppo facile alla polizia infiltrarsi e prendere di mira organizzatori e organizzatrici (molti dei quali sono stati rapiti e imprigionati, alcuni torturati e uccisi). Così ora usiamo le VPN per mascherare la nostra posizione e comunichiamo usando app di messaggistica sicura come Signal e Telegram. Io pubblico in canali di gruppo, ma per essere in questi gruppi devi essere aggiunto da un amico o un'amica che possa garantire per te, quindi funziona come effetto domino. Alcuni attivisti e attiviste sono ancora più attenti, e preferiscono passare le informazioni solo a voce, a catena: da un individuo fidato ad un altro, senza conoscere le fonti della persona precedente. In questo modo, se qualcuno viene catturato, non può implicare gli altri.

Ogni giorno, giovani attiviste e attivisti pensano a nuove idee per mantenere lo slancio. Oggi, la gente ha messo vernice rossa ovunque per rappresentare il coraggio. La domenica di Pasqua hanno dipinto slogan di protesta sulle uova. Il mese scorso, per la Giornata Internazionale della Donna, hanno appeso le gonne delle donne ai pali e ai fili del bucato perché gli uomini, compresi poliziotti e soldati, sono troppo superstiziosi per camminarci sotto, temendo che ciò possa privarli del loro potere.

Nelle strade, forniamo alle persone in prima linea scudi di fortuna per proteggersi dai proiettili di gomma e maschere antigas per i gas lacrimogeni. Dietro le prime linee una squadra è responsabile per la neutralizzazione delle bombole di gas lacrimogeno con acqua e coperte bagnate. Quando ci entra del gas lacrimogeno negli occhi, abbiamo scoperto che la Coca-Cola è la soluzione più efficace per lavarlo via.

A volte usiamo fuochi d'artificio per spaventare e distrarre la polizia con rumori forti e bruciamo pneumatici per fare fumo per nasconderci. Blocchiamo le strade con barricate. Tutte queste cose funzionano fino a un certo punto, ma a volte tutto quello che possiamo fare è scappare: la polizia e i soldati usano munizioni vere, e non c'è niente che possiamo fare per proteggerci dalle loro armi.

I generali non hanno alcun sostegno dal popolo. Condividono propaganda attraverso i mezzi di comunicazione di stato, ma ovviamente sono tutte menzogne ridicole; è strano da guardare perché tutti sanno la verità. Allo stesso tempo, hanno bandito i media indipendenti e hanno inasprito la repressione dei giornalisti. Quindi dobbiamo fare affidamento sui cosiddetti giornalisti e giornaliste civici, che usano i loro telefoni per registrare quello che succede. Molte di queste persone sono state anche arrestate ora, ma ci sono sempre più persone comuni che si fanno avanti. Le agenzie di stampa stanno arrivando a fare affidamento sui loro video e foto che condividiamo sui social media.

Grecia

Un attivista e accademico di Atene:

'Formate un blocco e restate uniti, mascheratevi, lasciate una traccia di graffiti, raccogliete prove. E non arrendetevi'

La Grecia è stata in lockdown nazionale ad intermittenza nell'ultimo anno, con l'attuale lockdown in vigore da cinque mesi. Le libertà civili e la libertà di movimento sono state considerevolmente limitate attraverso una serie di misure di emergenza come il coprifuoco notturno. Le persone sono autorizzate a lasciare le loro case solo per un tempo limitato e per un motivo specifico, dopo aver inviato un SMS all'autorità di controllo competente. La polizia è stata incaricata di far rispettare queste misure, portando a molti incidenti di abuso di potere.

Allo stesso tempo, il governo ha approvato una legislazione impopolare per controllare le istituzioni accademiche e ha incostituzionalmente criminalizzato la libertà di manifestare. La reazione della polizia a qualsiasi forma di protesta, dagli operatori sanitari che chiedono più dispositivi di protezione individuale alle azioni antifasciste/pro democratiche alle recenti proteste studentesche, è stata la tolleranza zero e spesso l'uso eccessivo della violenza.

La violenza e la brutalità della polizia risalgono alle origini stesse delle forze di polizia in Grecia. Dalle rivolte del dicembre 2008, scatenate dall'omicidio di Alexandros Grigoropoulos da parte della polizia, le forze di polizia elleniche si sono procurate sempre più attrezzature, trasformandole effettivamente in una forza militarizzata. La violenza della polizia rimane in gran parte immune al controllo legale.

Police hit an old man in Athens

La polizia antisommossa colpisce un anziano durante le manifestazioni ad Atene nel 2010. (Creative Commons)

Le manifestazioni pubbliche rimangono al centro della resistenza in Grecia. Le proteste lasciano regolarmente tracce di graffiti, creando un archivio urbano visibile delle tematiche in questione: i diritti dei rifugiati, la brutalità della polizia, la distruzione del clima, i diritti LGBTQ o dei carcerati, tutti temi regolarmente ignorati dai media tradizionali.

Gli attivisti e le attiviste, e sempre più spesso vicini e passanti, filmano gli episodi di brutalità della polizia con i loro telefoni, per diffonderli attraverso i social media e i mezzi di comunicazione tradizionali più democratici. Una serie di incidenti violenti negli ultimi mesi ha raggiunto il dominio pubblico solo grazie alla condivisione da parte di cittadine e cittadini di filmati sui loro social media che sono stati poi ripresi dai mezzi di comunicazione nazionali. Spesso i video dei social media sono utili in tribunale quando gli arrestati sono falsamente accusati di aver attaccato la polizia.

La tattica principale in caso di attacco della polizia durante le proteste di massa rimane quella di rimanere uniti in un blocco il più possibile e ritirarsi in modo ordinato. In alcuni casi, i manifestanti fanno uno sforzo per respingere la polizia, per dare alla gente il tempo di ritirarsi. Recentemente, un collettivo politico che ha visto uno dei suoi membri trattenuto illegalmente dalla polizia e picchiato duramente per giorni ha deciso di sporgere collettivamente denuncia contro la polizia.

La brutalità della polizia è una forma di violenza tra le tante. Dispositivi di tracciamento sono piazzati sui veicoli di attivisti e accademici coinvolti in gruppi per i diritti, e gli attivisti sono individuati con la pubblicazione dei loro nomi e numeri di targa. Uno dei principali atti di resistenza è quello di non farsi prendere dal panico, ma di rendere note queste pratiche e di continuare ad essere socialmente e politicamente impegnati.

Le persone si sono recentemente unite a reti di comunicazione sicure come Signal e stanno diventando più attente quando si tratta della loro sicurezza personale. Quando scendono in strada, la maggior parte delle persone ha una sciarpa per coprire il viso e per proteggersi dai gas lacrimogeni. Usano antiacidi per lo stomaco, come il Maalox o il Riopan, per minimizzare gli effetti del bruciore.

Gli attivisti e le attiviste in Grecia sanno che non devono arrendersi, anche quando hanno paura. Un osso fratturato guarisce più velocemente di una coscienza fratturata. Questo non è detto con leggerezza; persone come il 27enne Vassilis Maggos sono morte per i pestaggi della polizia in Grecia nell'ultimo anno. Eppure, la mobilitazione collettiva per la giustizia è uno dei modi più efficaci per opporsi alla brutalità della polizia e uno dei migliori rimedi contro la depressione sistemica. Se la paura degli abusi della polizia vince sulla libertà di espressione e sul dialogo sociale impegnato, stiamo effettivamente parlando di una vittoria dell'autoritarismo.

Gli Stati Uniti

Jasson Perez, un organizzatore per l'abolizione con l'Afro-Socialists & Socialists of Colour Caucus (Comitato afro-socialista e dei socialisti di colore) dei Socialisti Democratici d'America (Democratic Socialists of America, DSA):

‘Lo scopo delle proteste di strada è di controllare le strade: non coordinarsi con la polizia, chiudere (le strade)’.

Da ex carcerato, mi occupo di organizzazione per l'abolizione - organizzazione contro la polizia e contro l'incarceramento - negli Stati Uniti da circa 20 anni. Le proteste di strada sono sempre state una parte importante, con un'escalation di manifestazioni dopo l'uccisione di Michael Brown da parte di un poliziotto a Ferguson, Missouri, nel 2014.

Una considerazione chiave per gli organizzatori è come costruire movimenti che durino nel tempo. Le proteste di massa spesso scoppiano spontaneamente, ma per costruire movimenti potenti abbiamo bisogno di campagne continue, come campagne per de-finanziare la polizia o campagne di azione diretta sostenuta contro la polizia. Queste campagne dovrebbero essere senz’altro radicate nelle organizzazioni, ma dovrebbero anche essere aperte a tutti. Possono permetterci di rafforzare i movimenti a lungo termine, sia in termini di tattiche, come un regolare programma di formazione all'azione diretta, ma anche in termini di più ampia educazione politica sulle connessioni tra brutalità della polizia e capitalismo, brutalità della polizia e cambiamento climatico, e così via.

Protesters lie on the floor at a defund the police protest.

Manifestanti a Washington DC si sdraiano a terra intorno alla scritta 'defund the police' (De-finanziare la polizia), giugno 2020. (Geoff Livingston/Flickr)

Sono della scuola di pensiero che crede che lo scopo delle proteste di strada sia il controllo delle strade. Non siamo lì per permettere alla polizia di controllare le strade, e non siamo lì per coordinarci con loro. Nel momento in cui ci si coordina con la polizia, non si sta facendo disobbedienza civile di massa: si sta facendo una performance.

In termini di strategia, sosterrei quindi che nello stesso modo in cui gli scioperi mirano a chiudere i luoghi di lavoro, o le proteste per il clima mirano a chiudere le infrastrutture per i combustibili fossili, gli organizzatori dell'abolizione dovrebbero mirare a chiudere le stazioni di polizia, facendo della polizia e delle stazioni di polizia l'obiettivo delle loro proteste.

In termini di consigli per resistere alla brutalità della polizia durante le proteste stesse, una tattica può essere quella di tentare di de-arrestare altri manifestanti. Se uno dei tuoi amici viene preso, e in particolare se la polizia è violenta, il tuo primo compito è quello di far sì che quante più persone possibile mettano i loro corpi tra il tuo amico e la polizia. L'obiettivo è che la polizia sia circondata da sempre più persone che cantano 'lasciateli andare, lasciateli andare' per fare più pressione possibile sulla polizia perché li rilasci. De-arrestare, tuttavia, è qualcosa che richiede pratica. É l'unico modo per avere successo.

Palestina

Riya Al'Sanah, ricercatrice palestinese e coordinatrice della ricerca presso il Who Profits Research Centre.

‘Bisogna capire la polizia nel contesto, costruire un movimento di massa che sia intersezionale e rimanere fiduciosi’.

Circa due milioni di palestinesi vivono in Palestina '48 (Israele oggi). Qui il braccio di sicurezza dello stato coloniale israeliano che governa su di noi è la polizia israeliana. In Cisgiordania e Gaza c'è il governo militare. In Palestina '48, la polizia israeliana ha agito in due modi specifici per aumentare la violenza e reprimere i palestinesi. Uno è facilitando la diffusione delle armi all'interno della comunità palestinese per incoraggiare la violenza intracomunitaria, che è aumentata considerevolmente negli ultimi cinque o sei anni. L'altro è quello di prendere di mira i palestinesi nella loro polizia razzializzata. Solo pochi giorni fa, Munir Anabtawi, un 33enne di Haifa che soffre di problemi di salute mentale, è stato colpito dalla polizia israeliana dopo che sua madre l’aveva chiamata per aiutarla a portarlo in ospedale. Anabtawi è stato colpito cinque volte: tre colpi alla schiena, due al petto. Aveva bisogno di cure, e invece è stato ucciso dalla polizia israeliana. Questo non è un caso singolo. Tra il 2012-2017, il 70% delle persone uccise dalla polizia israeliana sono palestinesi, nonostante rappresentino solo il 20% della popolazione di Israele.

Quello che il movimento sta facendo ora è contestualizzare questi numeri e politicizzarli. Non stiamo parlando di riforme della polizia. Stiamo parlando della polizia come istituzione inerente allo stato coloniale israeliano sotto il quale viviamo, un'istituzione che tratta i palestinesi - non solo in Palestina '48, ma anche in Cisgiordania e Gaza - come un collettivo da controllare, sorvegliare e reprimere. La polizia non ci proteggerà mai, né lo stato israeliano ci fornirà mai giustizia. Quindi, la domanda diventa: come costruiamo le nostre istituzioni e strutture per proteggerci? Questo è molto diverso dalla tendenza avanzata da alcuni settori della guida politica palestinese negli ultimi 20 anni di integrazione nell'orbita dello stato.

Israeli police officers in Jerusalem

Agenti della polizia israeliana a Gerusalemme. (Creative Commons)

Il movimento oggi sta cercando di sviluppare modi alternativi di fare politica e costruire potere, non solo per proteggerci nel qui e ora, ma per costruire un futuro più libero e più giusto. Molta di questa organizzazione è avvenuta in una città chiamata Umm al-Fahm, dove negli ultimi due mesi ci sono stati incontri pubblici e grandi manifestazioni settimanali. La cosa interessante è che durante questo periodo, i livelli di violenza nella città sono diminuiti drasticamente.

Ho tre consigli per gli organizzatori e le organizzatrici. Il primo è di espandere la vostra analisi delle radici della brutalità della polizia dall'istituzione della polizia allo stato. Il secondo è costruire un movimento di massa che sia attento alla natura multistrato della brutalità della polizia e a come si interseca con la razza, la classe e il genere. Il terzo è centrare la speranza nei nostri movimenti. Non ci impegniamo nella lotta solo per smantellare le strutture repressive e di sfruttamento che rendono le nostre vite una miseria, ma per costruire un futuro migliore. Resistere alla brutalità della polizia e richiedere la sua abolizione è parte di questo processo.

Nigeria

Nigerian police officers

Agenti di polizia nigeriani. (AU-UN IST PHOTO/ Tobin Jones)

Gbenga Komolafe, segretario generale della Federazione delle organizzazioni dei lavoratori e delle lavoratrici informali della Nigeria (Federation of Informal Workers Organisation of Nigeria, FIWON):

‘Usate i social media per denunciare la brutalità della polizia e raccogliere fondi per sostenere i manifestanti’.

La brutalità della polizia è stata una parte della vita quotidiana in Nigeria da quando riesco a ricordare: sparatorie della polizia, polizia che ferisce i civili ai posti di blocco. A seguito di nuove rivelazioni sugli abusi da parte della famigerata unità di polizia del paese, la Squadra Speciale Anti Rapina - o SARS (Special Anti-Robbery Squad) - insieme al peggioramento delle condizioni economiche per la maggior parte dei nigeriani, nell'ottobre dello scorso anno è scoppiato un enorme movimento di protesta sia contro la SARS che contro la disuguaglianza economica più in generale.

Le stesse proteste #EndSARS sono poi diventate luoghi di violenza statale senza precedenti. Il 20 ottobre, una folla di giovani manifestanti seduti al casello di Lekki a Lagos sono stati massacrati quando i veicoli militari hanno bloccato entrambe le uscite e hanno aperto il fuoco. Il giorno seguente, altre centinaia di persone sono state uccise a Lagos e in altri stati del paese. Mentre il governo ha negato le morti, la brutalità ha portato a un'intensificazione delle proteste a livello nazionale, durante le quali le case e i magazzini di politici di spicco che si erano accaparrati massicce quantità di materiali di soccorso Covid-19 sono stati presi d'assalto e saccheggiati dalle manifestanti e dai manifestanti arrabbiati.

End SARS protest, Lagos

Protesta #EndSARS, Lagos. (Creative Commons)

Ci sono cose importanti chele manifestanti e i manifestanti in Nigeria hanno avuto dalla loro parte, tuttavia. Una è quella dei social media. Migliaia di giovani, che hanno fatto foto e video delle violenze con i loro smartphone e li hanno caricati su Facebook, Instagram e Twitter, hanno giocato un ruolo chiave nell'esporre la brutalità della polizia. Inoltre, i video hanno anche messo a nudo le bugie del governo al punto che la classe politica nigeriana è stata totalmente screditata.

È anche importante sottolineare il ruolo delle donne - in particolare le donne parte della Coalizione femminista, molte delle quali residenti all’estero - nel sostenere il movimento di protesta. La coalizione ha raccolto centinaia di migliaia di dollari per sostenere la folla, servire cibo, pagare l'assistenza legale per gli arrestati e le spese ospedaliere dei feriti.

Mentre la violenza della polizia nel Regno Unito è ovviamente molto diversa dalla situazione in Nigeria (la polizia in Nigeria è molto più brutale e molto più corrotta) ci sono importanti lezioni qui su cosa è necessario per sostenere i movimenti.

Chile

Police contain a protest in Chile

La polizia durante una protesta in Cile nel 2018. (Creative Commons)

Claudia Mendez, un'attivista che ha preso parte alle proteste iniziate nell'ottobre 2019:

‘Coordinate e assegnate i ruoli, disattivate le bombe lacrimogene, raccogliete mattoni e costruite barricate’.

La brutalità della polizia ha raggiunto l'apice dopo le proteste ‘Estallido Social’, guidate dagli studenti il 18 ottobre 2019, che hanno scatenato la violenza che vediamo ancora adesso. Ma ci sono sempre stati abusi della polizia verso le classi più povere. L'Estallido Social ha solo reso questo abuso più evidente: migliaia hanno perso gli occhi a causa dei proiettili di gomma; 40 sono morti; migliaia sono stati arrestati. C'è anche una violenza tremenda della polizia contro il popolo Mapuche, il cui territorio è stato militarizzato.

Molti fattori hanno scatenato il 18 ottobre. C'è una profonda disuguaglianza economica: privatizzazione dei servizi di base, stipendi bassi, molti problemi con le case popolari, l'istruzione e la sanità pubbliche. Ci sono anche parecchi problemi ambientali: sfruttamento delle risorse naturali, deforestazione, scarsità d'acqua.

È un movimento della classe operaia, molto incentrato sul malcontento nei confronti dei partiti politici. C'è un gruppo molto radicale e potente di giovani attivisti ed attiviste - 'La Primera Línea' (la Prima linea), le manifestanti e i manifestanti della 'Plaza de la Dignidad' (Piazza della dignità) nel centro di Santiago. Hanno mantenuto una resistenza costante, in stretto combattimento con la polizia. Grazie a questo, è anche possibile protestare pacificamente.

Riot police at a protest in Chile

Polizia antisommossa durante una protesta in Cile. (Simenon/Flickr)

Ci sono nuove forme di coordinamento: le persone hanno ruoli distinti, per esempio alcune sono incaricate di disattivare le bombe lacrimogene, altre di raccogliere mattoni. Sembra esserci anche un'organizzazione spontanea. Nella periferia di Santiago, nei settori poveri, ci sono molte barricate, dove i giovani e le giovani aspettano la polizia e la affrontano.

Nelle prossime elezioni, la gente voterà per i cosiddetti 'costituenti' che scriveranno la nuova costituzione: presumibilmente una vittoria per l'Estallido Social. Ma molti vedono questo come una concessione, dato che è molto difficile per i candidati indipendenti farsi conoscere. C'è tanta sfiducia e malcontento intorno alle elezioni, quindi come strategia di resistenza potrebbe essere inutile. Forse genererà, dopo la pandemia, un altro Estallido Social.

Colombia

Colombia's special riot police, ESMAD, line up in Bogota

La polizia speciale antisommossa della Colombia, ESMAD, si schiera a Bogotà. (Creative Commons)

Juan David Páramo, un medico volontario che è stato attivo nelle proteste dal 2019 ed è stato particolarmente coinvolto nelle proteste del settembre 2020 contro la brutalità della polizia:

‘Diversificate le vostre tattiche per includere raduni, assemblee, scioperi, scontri, barricate e occupazioni di autostrade’.

La Colombia ha assistito recentemente alla militarizzazione della vita pubblica e all'uso di strutture statali per mettere a tacere le voci critiche. I nemici di queste politiche sono i giovani e chiunque critichi l'ordine statale stabilito. In questo contesto, è stato creato l'ESMAD (Squadrone Mobile Anti-Disturbi: una forza di dispiegamento dell'ordine pubblico che ha affrontato serie critiche per omicidi e malcostume. Il suo scopo è quello di sedare i disordini pubblici.

In termini di strategie per resistere alla violenza della polizia, abbiamo quello che chiamiamo un 'repertorio di azioni collettive: raduni, assemblee, scioperi, ‘tropeles’ (confronti con la polizia), barricate e occupazioni di autostrade. Quello a cui stiamo assistendo ora è il culmine di tutte le proteste che sono venute prima: dallo sciopero civico del 1977 alle lotte nelle università pubbliche. Tutte queste esperienze vengono utilizzate per difendere e rafforzare il movimento.

Colombian police take part in a training exercise.

La polizia colombiana partecipa a un'esercitazione. (Creative Commons)

Un gruppo chiamato 'los escudos azules' (gli scudi blu) si è formato recentemente con lo scopo di difendere il movimento dagli attacchi della polizia. Si tratta di giovani che indossano cappucci per proteggersi; avendo affrontato traumi agli occhi (da gas lacrimogeni), per esempio, oggi sempre più manifestanti indossano abiti protettivi. Un altro aspetto importante della strategia del movimento, tratto dalla resistenza contadina e indigena della Colombia, è quello di avere "squadre" che si occupino di diritti umani, comunicazione e salute.

Quando la gente ha meno paura del confronto con la polizia, la violenza aumenta. Il più delle volte, i manifestanti lanciano pietre e poi arriva l'ESMAD e spara proiettili contenenti pallini e vetro, che hanno tolto tante vite. Altre volte, i manifestanti lanciano bombe Molotov. Questo è rischioso, ovviamente, ma bisogna valutare il rischio in termini di ciò che si sta affrontando. I manifestanti hanno spesso bisogno di usare queste tattiche per autodifesa se le autorità sono particolarmente violente.

Charlotte England, Clare Hymer, Rivkah Brown, Camille Mijola e Sophie K Rosa hanno contribuito a questo articolo.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishItalian (Standard)FrenchGermanHindi
Translator
Alessandro Zancan
Date
01.06.2021

More in Long Reads

Long Reads

Police Brutality: How Protesters Resist State Violence Around the World

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell