Politics

Sakhnin: Le Tesi di Febbraio - La Sinistra e la crisi politica in Russia

Il membro del Consiglio PI Alexey Sakhnin espone il suo punto di vista sulle proteste che hanno travolto la Russia nel febbraio 2021 - e traccia una strada da percorrere per la sinistra russa.
La storia non si ripete. È il febbraio 2021, non il 1917. La crisi politica che si svolge sotto i nostri occhi non è un cosplay della storia rivoluzionaria russa - questa volta la connessione tra Febbraio e Ottobre esiste solo nelle pagine del calendario.
La storia non si ripete. È il febbraio 2021, non il 1917. La crisi politica che si svolge sotto i nostri occhi non è un cosplay della storia rivoluzionaria russa - questa volta la connessione tra Febbraio e Ottobre esiste solo nelle pagine del calendario.

Ciò che conta per la nostra analisi del momento attuale è la differenza tra il numero di persone che hanno partecipato alle proteste di gennaio (tra 150.000 e 200.000 in tutta la Russia) e il numero di coloro che hanno guardato queste manifestazioni online (più di 20 milioni). Queste cifre indicano cambiamenti radicali nel clima politico in Russia: gli insoddisfatti, quelli che cercano una via d'uscita dal vicolo cieco della nostra politica nazionale, ora sono milioni. La principale forza sociale dietro le proteste non è più la classe media metropolitana, ma le masse: insegnanti, studenti, lavoratori, precari e autonomi, piccoli imprenditori. In altre parole, coloro che prima non avevano sostenuto le azioni anti-governative. I fatti che ci portano a questa conclusione sono due: per la prima volta nella storia recente, sono scese in piazza nelle regioni non metropolitane molte più persone che a Mosca e, secondo i ricercatori, circa il 40% dei manifestanti lo ha fatto per la prima volta.

Nonostante i numeri, qualcosa ha frenato la grande maggioranza degli scontenti dal prendere parte alle proteste organizzate dall'opposizione liberale. I liberali attribuiscono la cosa alla paura della violenza e repressione da parte della polizia. Questo è parzialmente vero. La gente ha sicuramente paura. Ma questa non è l'unica ragione, e forse neppure la principale. Molte persone non sono scese in piazza semplicemente perché non riescono a vedere se stessi o i loro interessi riflessi in un movimento politico personificato da un solo uomo: Alexei Navalny.

Nelle interviste con giornalisti e ricercatori, molti manifestanti hanno denunciato non solo l'autoritarismo, ma anche la crescente disuguaglianza sociale e la disperata povertà che la maggior parte dei nostri concittadini deve affrontare. Sono state proprio queste richieste sociali che molti dei poveri e delle classi lavoratrici hanno portato a queste proteste. In questo senso, la situazione è paragonabile a quella dell'anno scorso in Bielorussia: se in ogni luogo di lavoro si trovano dei sostenitori dell’opposizione, la maggioranza della classe operaia diffida dell'opposizione liberale, nonostante il suo flirt con il linguaggio della giustizia sociale.

La loro sfiducia non è senza ragione. Navalny era, ed è tuttora, un politico liberale. Negli anni è stato associato a vari elementi dell'establishment russo - dal suo scandaloso incontro del 2012 sulle Alpi tedesche con alcuni oligarchi russi alla sua attuale relazione finanziaria con Chichvarkin e Zimin, che non fa nulla per nascondere.

Navalny non ha costruito la sua organizzazione politica come un movimento partecipativo e democratico modellato dai suoi membri. Al contrario, il movimento di Navalny rimane autoritario e guidato dal leader. Tutto il processo decisionale è dall'alto verso il basso e riflette le opinioni di una ristretta cerchia attorno al leader. L’analisi della vera strategia del movimento di Navalny e delle sue motivazioni è quindi spesso un esercizio di speculazione, proprio come nel caso dell'opaca oligarchia del Cremlino. Tuttavia, ci sono abbastanza indizi concreti che ci permettono di decifrare la sua logica e il suo orientamento politico.

Il più grande indizio ci è stato presentato da uno stretto collaboratore di Navalny, Leonid Volkov che in un'intervista ha detto che la missione dell'opposizione liberale è quella di stringere un "accordo" con le grandi imprese e con le élite politiche della Russia. Fondamentalmente, l'accordo si basa sulla convinzione che l'opposizione liberale possa servire meglio gli interessi della minoranza al potere in Russia rispetto ai servizi di sicurezza conservatori della Russia e ai cleptocrati di Putin. Promette di assicurare migliori relazioni con l'Occidente, più sicurezza per gli affari, e così via. Ma la promessa chiave alla base di questo accordo, dice Volkov, è che "il sistema della proprietà privata" e le infrastrutture esistenti per la distribuzione della ricchezza nazionale rimarranno intatte. Per ottenere questo, dice Volkov, è necessario sedare tutti i segni di una "rivolta russa" incontrollata - e qualsiasi coinvolgimento della sinistra nella transizione politica della Russia. Volkov, in altre parole, sta proponendo un colpo di stato che riduca la protesta popolare a ornamento.

La strategia liberale, quindi, ha due filoni: il controllo assoluto delle piazze e la monopolizzazione della sfera politica. Entrambi sono presupposti fondamentali per il suo successo. Solo monopolizzando le energie politiche - e il potere politico - possono ottenere la fiducia e il sostegno attivo della classe dirigente. Questo è precisamente il motivo per cui Navalny e la sua squadra rifiutano di espandere la loro coalizione politica, anche se questo permetterebbe loro di aumentare radicalmente la portata delle loro azioni. Il loro dominio sul movimento che dilaga in Russia è proprio ciò che assicura la sua relativa debolezza e la sua ristretta base sociale. Ma anche quelle migliaia di persone che scendono in strada su chiamata di Navalny sono prive di potere. Non partecipano allo sviluppo delle tattiche e delle strategie del movimento, tanto meno alla determinazione dei suoi obiettivi politici e del suo programma.

Per quanto la sinistra possa diffidare di Navalny, deve essere ferma nel capire che non è lui, ma l'attuale governo, il responsabile del vicolo cieco socio-economico in cui si trova il paese - per la povertà, l'impotenza, la disuguaglianza e la violenza della polizia che stanno diventando sempre più insopportabili. Il regime al potere si è dimostrato incapace di cambiare - e le crisi che ha prodotto non faranno che aumentare e aggravarsi col tempo. Un numero crescente di persone sarà trascinato nella lotta aperta contro il governo. L'isolamento, allora, non è più una strategia praticabile. L'azione diventerà necessaria. Ma questa azione deve rimanere non reattiva, non trasportata dalle forze caotiche del giorno. Deve, invece, essere fondata su una strategia chiara - una strategia di sinistra - che possa offrire alle classi lavoratrici e alla maggioranza della popolazione russa una via da seguire. Non una via che peggiori la disuguaglianza e la stagnazione economica, o rafforzi la dittatura di pochi privilegiati - chiunque di loro riesca a occupare la sede del potere - ma che porti ai lungamente attesi cambiamenti negli interessi dei molti.

Il vacillamento di taluni nella sinistra russa di fronte agli eventi che si svolgono oggi li fa sprofondare nell'evasione dalla realtà: "questa non è la nostra lotta". Dobbiamo essere onesti su questa linea, questa fredda ammissione di sconfitta. La coscienza di classe e la politica socialista non si creano attraverso lo studio dei libri e del passato - anche se non possono essere raggiunti senza di esso - ma attraverso la lotta di classe e politica nel presente. Allontanarsi dalla lotta in questo frangente significa smobilitare la classe operaia, rinunciare alla sua soggettività politica - anche se rivestita di un linguaggio radicale o giustificata dal riferimento all'autorità dei rivoluzionari del passato. Coloro che si allontanano dalla lotta nel presente rimarranno per sempre nel passato - ruderi, separati dalla lotta di classe da un abisso invalicabile creato da loro stessi. Il rifiuto di partecipare alla politica in nome di attività "teoriche" o astrattamente "propagandistiche" fa poco per preparare i quadri di un futuro fronte comunista. È un semplice atto di diserzione.

La sinistra non è immune dalla rapida polarizzazione della società che la politicizzazione - in mezzo all'escalation della crisi nazionale - comporta inevitabilmente. C'è chi è pronto a difendere l'ordine sociale e politico esistente come il male minore. Il loro "Putinismo rosso" si basa sulla premessa che ogni grande protesta degli ultimi decenni - per quanto le sue conseguenze siano state di vasta portata - non ha prodotto altro che riforme antisociali, stratificazione, deindustrializzazione, arcaizzazione culturale e reazione politica per le classi lavoratrici. La paura che le forze dell'imperialismo prendano piede in Russia - le cui conseguenze potrebbero benissimo essere irreversibili - paralizza questi "conservatori di sinistra", soffoca la loro volontà e limita la loro capacità di formare strategie politiche indipendenti. Le tattiche di questa "sinistra reazionaria" producono due conseguenze inevitabili. In primo luogo, mettono la sinistra contro la sua stessa base sociale. Meno le masse sono disposte a sostenere lo status quo che le condanna a una vita di povertà, più acuta è la crisi e più acute sono le contraddizioni che espone - tra il conservatorismo antiliberale dello stato e le aspirazioni delle masse che trovano la loro espressione nelle strade. In secondo luogo, il "Putinismo rosso" è il rifiuto del futuro - delle alternative sociali. Queste sinistre si consegnano a un ordine che è già condannato. Diventano ostaggi del conservatorismo e dell'inerzia della classe dominante.

Se l'attuale movimento politico spinge una parte della società - e una parte del movimento di sinistra - a sostenere il governo in carica, spingerà anche altri verso l'opposizione liberale. Quest'ultima ha lo stesso carattere reazionario del "Putinismo rosso". Le proteste di massa sono emotivamente avvincenti e incerte nella loro promessa di cambiamento e nella loro direzione di marcia. La brutalità della polizia, la repressione politica, la scioccante disuguaglianza sociale e gli altri mostri politici della Russia contemporanea rendono la partecipazione al movimento di protesta emotivamente attraente. Non si può che detestare il modo in cui i tribunali inventano verdetti di colpevolezza per il dissenso - e le giustificazioni che i nostri propagandisti milionari sfornano per ingannarci. Ma le scelte politiche non possono essere dettate solo dalle emozioni. La partecipazione a un movimento comporta la responsabilità verso il suo programma politico.

Partecipare al movimento di Navalny non darà alla sinistra russa l'opportunità di sostenere un'agenda sociale o di formare un’ala sinistra distinta tra le sue fila. Il volantinaggio alle proteste non autorizzate è una strategia per coinvolgere decine di persone - non centinaia di migliaia o milioni. Queste strategie non stabiliranno o plasmeranno l'agenda, le richieste o le tattiche del movimento. La partecipazione delle forze di sinistra al movimento liberale, quindi, non può mettere in evidenza la soggettività politica della sinistra stessa. Nel migliore dei casi, può convincere un piccolo numero di persone a cambiare bandiera senza richiedere loro alcun impegno sostanziale.

L'unico modo per la sinistra di impegnarsi consapevolmente nella vita politica in Russia è formulare una propria strategia coerente per il cambiamento. Non un insieme di slogan astratti o pamphlet politici, ma un algoritmo di azione che possa produrre un cambiamento nell'interesse di molti. Ognuno nella nostra società sempre più atomizzata ha bisogno di avere una risposta alla domanda su cosa può fare per produrre questo cambiamento.

Formulare una tale strategia è impossibile senza una mobilitazione politica. Deve dispiegarsi su Internet, nella lotta materiale operaia e sociale, e nel principale terreno di crisi politica oggi: la piazza . La sinistra deve offrire ai milioni di delusi la propria piattaforma, il proprio movimento, la propria campagna di protesta.

I venti principali blog di sinistra su YouTube oggi hanno un pubblico di circa sei milioni di persone. Ma questo pubblico rimane legato a discussioni sul passato - sull'estetica e la teoria - non a discussioni su ciò che sta accadendo qui e ora. Sono convinto che, nel mezzo di una crisi politica, non ci sia un ordine del giorno più urgente della deliberazione collettiva su questioni di strategia e tattica politica. Non posso scrivere video per i blogger di sinistra, ma sono sicuro che invece di Trotsky e Brodsky dovremmo concentrarci sui raduni che si svolgono fuori dalle nostre finestre, e riflettere sulla nostra linea d'azione. Certo, è improbabile che questo processo crei una posizione comune domani, ma ci permetterebbe, per una volta, di dissociarci (e unirci) su questioni sostanziali - piuttosto che rivangare eventi passati. La mia prima proposta concreta, quindi, è di dare il via a questo difficile dialogo su tutte le piattaforme a nostra disposizione. Nel medio termine, questo processo potrebbe portare alla nascita di un Forum della Sinistra, che a sua volta potrebbe costruire un piano d’azione per la lotta per il cambiamento democratico e sociale in Russia.

Il secondo passo che penso dobbiamo fare è valutare la consistenza delle nostre forze. Cosa accadrebbe se la maggior parte di noi - blogger di sinistra, attivisti e organizzatori - chiedesse al nostro pubblico di scendere in piazza? Forse per un'azione sanzionata, tanto per cominciare. Chi risponderebbe? In un momento segnato da una rapida politicizzazione sociale, potremmo trovare più partecipanti disponibili di quanto pensiamo. E se anche una piccola percentuale di coloro che hanno visto le proteste di gennaio sullo schermo, ma non si sono uniti, vedessero il nostro appello e trovassero il suo fascino più forte di quello di Navalny? E se, tra il pubblico dei blog di sinistra e dei gruppi comunisti sui social media, il numero di coloro che sono disposti a scendere in piazza fosse più alto del considerevole pubblico dell’emittente liberale TV Rain? Il relativo successo di una tale mobilitazione potrebbe dare una spinta considerevole al movimento di sinistra. Sarebbe la nostra chiamata alle armi. Intorno ad essa, potremmo radunare un esercito. La questione di dove cominciare è importante, ma rimane una questione di strategia.

Per riassumere, vorrei elencare - ancora una volta - i miei suggerimenti pratici:

  • Organizzare al più presto un dibattito sulle tattiche e le strategie della sinistra e comunicarle al più grande pubblico possibile.
  • Preparare un piano per un Forum della Sinistra che possa riunire una coalizione di sinistra per partecipare agli eventi in corso come forza politica indipendente.

Alexey Sakhnin è un attivista russo e un membro del Fronte di Sinistra. È stato uno dei leader del movimento di protesta anti-governativo dal 2011 al 2013, ed è stato poi esiliato in Svezia.

Help us build the Wire

The Wire is the only planetary network of progressive publications and grassroots perspectives.

Since our launch in May 2020, the Wire has amplified over 100 articles from leading progressive publications around the world, translating each into at least six languages — bringing the struggles of the indigenous peoples of the Amazon, Palestinians in Gaza, feminists in Senegal, and more to a global audience.

With over 150 translators and a growing editorial team, we rely on our contributors to keep spreading these stories from grassroots struggles and to be a wire service for the world's progressive forces.

Help us build this mission. Donate to the Wire.

Support
Available in
EnglishRussianFrenchGermanSpanishItalian (Standard)
Author
Alexey Sakhnin
Translators
Annarita Natale and Michele Fiorillo
Date
21.04.2021

More in Politics

Politics

Getachew et al: A Movement-Driven Feminist Foreign Policy

Receive the Progressive International briefing
Privacy PolicyManage CookiesContribution Settings
Site and identity: Common Knowledge & Robbie Blundell